La spesa del mese di settembre: frutta e verdura di stagione

Se non indicato espressamente, le informazioni riportate in questa pagina sono da intendersi come non riconosciute da uno studio medico-scientifico.
Settembre è il mese di passaggio tra l’estate e l’inverno, e la natura ci offre prodotti che in parte sono ancora caldi di sole, e in parte odorano già di pioggia fresca. Funghi, carote, lamponi o fichi? Scopri le delizie che puoi trovare al mercato ortofrutticolo in questo mese dell’anno e le loro proprietà.
Paola Perria 4 Settembre 2018

Settembre è un mese gentile e pieno di fascino, il mese che dall’estate ci traghetta all’autunno, e che ci regala serate romantiche ancora tiepide e prime piogge che irrorano la terra. Proprio per il suo essere di passaggio, questo mese ci offre prodotti ortofrutticoli che in parte sono ancora tipicamente estivi, e in parte anticipano la produzione autunnale. Approfitta anche tu di questo scampolo finale d’estate per gustarti le ultime macedonie di frutta fresca e dissetante, e le belle insalate colorate che tanto ti hanno rinfrescato durante la calura di luglio e agosto, ma prepara la tua dispensa ad accogliere i nuovi frutti del freddo che è in arrivo. Facciamo insieme la spesa di settembre e scopriamo cosa di buono la natura ha in serbo per noi.

Funghi

Ti piacciono i funghi? Sicuramente sì, come a tutti, del resto! A settembre, dopo le prime piogge, inizi a trovarli sia al mercato che, se sei un buon camminatore e te ne intendi, a spasso per i boschi e le campagne ancora umide. Porcini, prataioli, finferli, pleurotus, gallinacci, chiodini… le varietà sono tante, tutte ricche di gusto e di proprietà nutritive, tra cui un buon contenuto in vitamina D, amica delle ossa, e in proteine vegetali.
Attenzione a non farne indigestione e soprattutto a non raccogliere funghi della cui commestibilità non sei sicuro. Ne va della tu salute e in alcuni casi persino della vita!

Radicchio rosso

Il radicchio rosso è uno degli ortaggi più benefici che esistano, e puoi iniziare a trovarlo al mercato ortofrutticolo proprio a partire da metà/fine settembre. Prodotto tipico del trevigiano e di Chioggia, con tante varietà IGP, il bellissimo radicchio rosso è una miniera di antiossidanti protettivi della salute, ha effetti diuretici e depurativi, un po’ come tutte le verdure amare, ed è indicato a chi abbia qualche problema digestivo o epatico. Ma in realtà io consumo il radicchio di stagione perché è squisito! Provalo nel risotto, o arrosto come contorno di carne e pesce…

Carote

La carota è uno degli ortaggi – in realtà sarebbe un tubero come la patata – più amati da grandi e piccini, forse per la sua forma e per il suo colore simpatico. Proprio l’arancio della carota testimonia il contenuto in betacarotene, un pigmento che ha proprietà antiossidanti e anti-invecchiamento. Mangiare carote in questo periodo dell’anno ti aiuta a rinforzare il tuo sistema immunitario e prevenire i malanni stagionali, ma anche a prolungare l’abbronzatura. Provale sia crude che cotte, anche come ingrediente per ottimi succhi e centrifugati.

Lamponi

Di un bel rosso rosato, dal gusto deliziosamente dolce-asprigno, i lamponi sono un tipico frutto di bosco che trovi per tutta l’estate, fino a settembre inoltrato. Li puoi consumare in quantità perché hanno un bassissimo apporto calorico e sono adatti anche ai diabetici, inoltre possiedono molte virtù nutrizionali: sono depurativi, rinforzano le difese immunitarie, migliorano la circolazione, aiutano a prevenire piccole infezioni e cistiti, e infine sono diuretici. Ma più di tutto… sono squisiti al palato e molto versatili. Ottimi crudi e cotti, aggiunti nei dolci (ad esempio crostate o gelati), usati in salse di accompagnamento a pietanze salate, e ingrediente per ottime confetture.

Fichi

Ma che bontà i fichi! A settembre li trovi di tutte le varietà e colori, e li puoi consumare da soli o “in compagnia”. Provali, ad esempio, con il prosciutto, come antipasto originale al posto del melone, oppure cotti al forno in accompagnamento a un arrosto, o ancora in una insalata. I fichi freschi sono un frutto zuccherino e calorico, ma non tanto quanto si pensa: il loro apporto è di circa 50 calorie per 100 grammi, assolutamente “abbordabile” anche per chi sia a dieta. Non rinunciare a questo frutto, perché possiede tante virtù nutritive che si abbinano al suo gusto squisito. Mangiando fichi, ti garantisci un buon apporto di fibre, di calcio, di antiossidanti con azione anti-age, di potassio anti stanchezza e di prebiotici che fanno bene al tuo intestino. Semmai, evita di consumarli abbinati ad altri dolci, soprattutto se hai una glicemia “ai limiti”.

Sedano

Tipica verdura che associamo alla “dieta” il sedano è, in effetti, utile a chi debba smaltire qualche chilo di troppo, magari accumulato durante le vacanze estive. Contiene infatti fibre e acqua, che sono necessari al tuo intestino per regolarizzarsi e al tuo sistema linfatico per depurarsi, oltre a minerali e vitamine con effetto antifatica e stimolanti del sistema immunitario. Il tutto in pochissime calorie (20 per 100 grammi). Puoi consumare il sedano in mille modi: in pinzimonio con altre verdure da sgranocchiare come carote e finocchi, in insalata, nei soffritti per minestroni di verdure e sughi di carne, oppure centrifugato per una bibita drenante e dissetante.

Fagiolini

Ottimi lessati e aggiunti all’insalata, cotti al vapore o al forno, i fagiolini sono un ortaggio dell’estate che perdura fino all’autunno. A me piacciono moltissimo giusto conditi con poco olio e aceto. In realtà, ti confido un segreto, i fagiolini devono la loro bontà e il loro gusto unico al fatto di essere a metà strada tra una verdura e un legume. Contengono tante proprietà nutritive: minerali tra cui potassio e calcio, tante fibre ottime per l’intestino, vitamine A e C con azione antiossidante e tanta acqua. Non hanno ancora le proteine tipiche dei legumi, il che li rende facilmente digeribili, soprattutto quando sottili e teneri, e il loro apporto calorico è contenuto, ragion per cui anche chi sia a dieta può mangiarli senza timore.

Rucola

La rucola, “erba” spontanea dal tipico gusto amaro, viene considerata una sorta di “scoperta” gastronomica degli anni ottanta, quando tutti gli chef iniziarono improvvisamente ad adoperarla in ricette di ogni tipo. A noi questo interessa poco, però. Ciò che conta non sono le mode, in cucina, ma la bontà di quello che porti in tavola. E di proprietà la rucola ne possiede tante: è disintossicante, epatostimolante e digestiva, afrodisiaca (così sostenevano gli antichi romani), protettiva delle ossa grazie al contenuto in calcio, rilassante (sembra che favorisca il buon sonno se consumata la sera a cena) e ricca di acido folico, una sostanza importantissima per le donne in gravidanza. Calorie? Appena 25 per 100 grammi…

Fagioli

Da sgranare, s’intende! Nella bella stagione troviamo i legumi freschi, tra cui i fagioli borlotti, che rispetto ai fratelli secchi contengono meno calorie, meno proteine e meno amidi, ma più sali minerali e più acqua, il che li rende ugualmente saporiti ma meno indigesti. Sono ottimi lessati (bastano 30 minuti) e uniti alle insalate di cereali (provali con orzo o farro), o conditi con della salsa di pomodoro. Se li acquisti in versione biologica puoi consumarli anche con il baccello se non è troppo fibroso. Prova!

Fonti | www.campagnamica.it