Le proprietà del mangostano, un frutto molto utile per la tua pelle

Probabilmente non ne hai mai sentito parlare, oppure lo hai trovato come ingrediente in qualche succo di frutta o in qualche integratore. Il frutto fresco invece non è molto conosciuto, eppure ha proprietà importanti che dovresti scoprire (al di là di alcune fake news diffuse negli anni scorsi).
Giulia Dallagiovanna 18 Giugno 2021
* ultima modifica il 12/07/2021

Il mangostano è un frutto tropicale di cui potresti non aver mai sentito parlare. I più attenti lo avranno letto sulle etichette di integratori alimentari o di alcune bevande. Molto probabilmente, però, non avrai assolutamente idea di come appaia l'alimento fresco. Assomiglia vagamente a un litchi, anche se la polpa è suddivisa in spicchi, ed è famoso soprattutto per le sue proprietà antiossidanti e quindi contro l'invecchiamento. Proviamo a conoscerlo più da vicino.

La pianta

Il mangostano è il frutto della pianta Garcinia mangostana, una pianta tropicale sempreverde che appartiene alla famiglia delle Clusiaceae. È originaria dell'Indonesia e più precisamente delle Isole della Sonda, che fanno parte dell'arcipelago delle Molucche. Oggi però viene coltivata, o comunque cresce, in tutto il Sud Est Asiatico e la maggior parte della produzione mondiale si concentra in Thailandia. È diffusa inoltre nel Sud Ovest dell'India, a Puerto Rico e in Florida. Non si riesce invece a importarla nelle aree più occidentali.

L'albero può arrivare addirittura a 25 metri di altezza, anche se la media è attorno ai 7 metri. Molto dipende dalle condizioni ambientali e dall'habitat nel quale si trova a crescere. Ha una corteccia molto scura, quasi nera, mentre i frutti sono tondi e hanno una buccia violacea, con una grandezza pari a circa 5 o 7 centimetri di diametro. La polpa è bianca e suddivisa in spicchi.

I valori nutrizionali

I valori nutrizionali del mangostano sono quelli indicati di seguito e li devi intendere per 100 grammi di prodotto fresco:

  • 63 calorie
  • 0,50 grammi di proteine
  • 0,4 grammi di lipidi
  • 15,6 grammi di carboidrati
  • 5,10 grammi di fibra
  • 7,2 milligrammi di vitamina C
  • 0,286 milligrammi di niacina
  • 0,054 milligrammi di tiamina
  • 0,054 milligrammi di riboflavina
  • 0,041 milligrammi di piridossina
  • 0,032 milligrammi acido pantotenico
  • 0,031 milligrammi di folati
  • 0,01 milligrammo di vitamina A
  • 48 milligrammi di potassio
  • 9,21 milligrammi di fosforo
  • 5,49 milligrammi di calcio
  • 13,9 milligrammi di magnesio
  • 7 milligrammi di sodio
  • 0,17 milligrammi di ferro
  • 0,12 milligrammi di zinco
  • 0,10 milligrammi di manganese
  • 0,069 milligrammi di rame
  • 0,0006 milligrammi di selenio

Le proprietà e i benefici

Prima di parlare in modo dettagliato delle proprietà e dei benefici del mangostano, è bene chiarire un punto fondamentale: non è un farmaco. Qualche anno fa infatti era stato spacciato come integratore dagli effetti quasi curativi contro malattie come Parkinson, Alzheimer e alcuni tumori. Nessun alimento, però, può sostituirsi a un medicinale. Semplicemente un'alimentazione sana e il saper sfruttare le sostanze nutritive dei vari cibi può aiutare a potenziare le difese dell'organismo contro alcune malattie.

E a questo proposito, vanno sottolineate delle sostanze chiamante xantoni, che sono in grado di esercitare un'azione antiossidante e di contrasto all'invecchiamento cellulare. Per questo motivo, il mangostano può essere utile per prevenire la formazione di rughe, ma anche di alcune infiammazioni che interessano la pelle. Ad esempio, se soffri di acne potresti trovare in questo frutto un valido alleato dal momento che aiuta a migliorare l'elasticità dell'epidermide.

Il mangostano aiuta a contrastare la formazione di rughe e a mantenere elastica la tua pelle

Un'altra proprietà riguarda invece la digestione. Se soffri spesso di gonfiore addominale oppure di stitichezza, il mangostano ti può aiutare a contrastare questo disturbo. Questo perché contiene un'importante percentuale di fibre e vitamine del gruppo B che supportano il metabolismo.

Infine si tratta, come hai potuto vedere, di un frutto poco calorico e che contiene invece tannini, utili per il controllo dei livelli di colesterolo nel sangue.

Le controindicazioni

Non esistono controindicazioni ufficiali per il mangostano, a parte un'allergia o un'ipersensibilità al frutto. In ogni caso è bene che tu chieda prima un consiglio al medico se per caso stai assumendo una terapia a base di farmaci anticoagulanti, perché potrebbero interferire con alcune sostanze di questo alimento e provocarti anche delle emorragie.

Gli usi in cucina

Non è semplice trovare il prodotto fresco al supermercato, perché in Italia il mangostano come frutto non è molto consumato. Lo puoi acquistare quindi nei negozi più specializzati in prodotti esotici, mentre nella grande distribuzione di norma compare sotto forma di succo, capsule, polvere, acqua aromatizzata, tè.

Del frutto fresco si mangia naturalmente la polpa bianca all'interno, e può diventare un ingrediente nuovo da aggiungere a qualche tisana o per la preparazione di torte e altri dolci.

Fonte| Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.