Le proprietà dell’aceto di riso, il delicato condimento asiatico

L’aceto di riso è un prodotto asiatico molto famoso e utilizzato sia per condire il sushi sia per proporre piatti caldi. Ne esistono moltissimi tipi e hanno gradi di acidità e colorazioni differenti, le proprietà nutrizionali, però, sono simili.
Valentina Rorato 17 Luglio 2022
* ultima modifica il 17/07/2022

L'aceto di riso è un aceto derivato dal riso fermentato, diffuso principalmente in paesi asiatici come Corea, Vietnam, Giappone e Cina. Sebbene ciascuno di questi paesi abbia versioni leggermente diverse, i componenti di base sono gli stessi. Lo hai mai utilizzato? Conosci le sue proprietà?

Cos'è

L'aceto di riso è ottenuto da riso fermentato. Gli zuccheri del riso vengono convertiti in alcol (vino di riso) e poi, attraverso un processo di seconda fermentazione carico di batteri, nell'acido che conosciamo come aceto. Il risultato, in genere, è molto meno acido e più delicato dell'aceto bianco distillato puro o di quelli a base d'uva, il che lo rende un'aggiunta sottile a condimenti per insalate, sottaceti e marinate.

Poiché l'aceto di riso viene tecnicamente trasformato in alcol prima che diventi aceto, potresti trovarlo etichettato sia come "aceto di riso" che come "aceto di vino di riso". Senza l'acido della seconda parte del processo, quello di vino di riso, come il mirin, tipico della cucina giapponese, ha un profilo molto più dolce.

Tipi di aceto di riso

  • Aceto di riso bianco. Questo è l'aceto di riso base e multiuso che troverai in ogni negozio di alimentari. È pulito, con un sapore discreto.
  • Aceto di riso condito. Usato principalmente per ravvivare il riso per sushi, combina aceto di riso bianco con zucchero  per aggiungere sapore.
  • Aceto di riso integrale. Come il suo chicco di base, l'aceto di riso integrale apporta alcuni nutrienti in più insieme a un colore più tostato. Spesso ha un sapore abbastanza delicato da poter essere usato in modo intercambiabile con l'aceto di riso bianco.
  • Aceto di riso nero. Potresti esserti imbattuto nell'aceto di riso nero come salsa per immersione. Grazie alla combinazione del riso glutinoso nero con il frumento e altri cereali come il sorgo, il risultato è ricco di umami.
  • Aceto di riso rosso. L'aceto di riso rosso è fatto con un riso già fermentato e incorpora altri cereali, simili all'aceto di riso nero. È dolce, aspro e un po' eccentrico.

Proprietà

L'aceto di riso ha delle buone proprietà nutrizionali, perché è una ricca fonte di vitamine e minerali. Tuttavia, gli stessi aspetti che rendono l'aceto così potente possono anche creare complicazioni per la salute di persone con determinate condizioni mediche.

Il consumo regolare di acido acetico dall'aceto come parte della dieta può aiutare a diminuire i livelli di colesterolo e di conseguenza ciò riduce il rischio di malattie cardiache, malattie del fegato ed eventi coronarici. È inoltre indicato se stai cercando di perdere peso, perché ipocalorico. Può essere il condimento ideale per dare gusto ai piatti, ma al tempo stesso ridurre il consumo di sale e grassi.

È considerato un tonico, perché contiene una moderata quantità di aminoacidi, che possono combattere efficacemente lo sviluppo di acido lattico nel sangue. Ridurre l'accumulo di questa sostanza, dovrebbe darti maggiore energia.

Da un punto di vista cosmetico, questo aceto può essere applicato direttamente sulla pelle, in particolare se mescolato con l'olio essenziale di melaleuca. Può agire come astringente per rassodare la pelle e prevenire alcune infezioni, mentre lenisce anche l'infiammazione e migliora la luminosità della cute.

Infine, ricorda che tutti i tipi di aceto influenzano i livelli di zucchero nel sangue. Molte persone con diabete scoprono che consumare una piccola quantità di aceto durante, o subito dopo, un pasto ricco di carboidrati può aiutare a ridurre i picchi di insulina. Di conseguenza, usare l'aceto di riso come condimento può aiutare le persone con diabete a controllare la glicemia in modo più efficace.

Controindicazioni

L’aceto di riso, proprio come tutti gli aceti, ha delle controindicazioni. È un acido che può danneggiare i denti, inoltre tende a diminuire i livelli di potassio nel corpo, se ne fai un consumo eccessivo.

Usi in cucina

Se usi il vino di riso, non avrai problemi a usare anche l’aceto, perché come abbiamo anticipato sono praticamente la stessa cosa con una differenza nei tempi di fermentazione.  Serve a dare un pizzico di acidità ai piatti ed è indicato sia per accompagnare il sushi sia per insaporire le verdure. C’è chi lo adopera nelle marinature o per esaltare le salse che accompagnano piatti di carne.

Fonte | WebMd

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.