Non solo antistress. L’Ashwagandha, o ginseng indiano: alla scoperta delle sue proprietà energizzanti e afrodisiache

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
Forse conosci il comune ginseng, ma non quello indiano, meglio noto con il nome (quasi impronunciabile) Ashwagandha. Come integratore viene usato per alleviare gli stati di tensione e nervosismo e per ritrovare le energie dopo un periodo impegnativo a livello mentale e fisico.
Gaia Cortese 9 Aprile 2021

Energizzante, afrodisiaco, ma anche antistress naturale, perché in grado di calmare eventuali stati di nervosismo e ansia. Il ginseng indiano, o Ashwagandha, avrebbe molte proprietà benefiche. Vediamole insieme.

In natura i principi attivi dell'Ashwagandha si trovano nelle radici di un arbusto coltivato soprattutto nei Paesi Asiatici, la withania somnifera, ma in commercio li trovi facilmente disponibili in compresse, in gocce o in polvere. Aspetto importante è non abusarne mai e soprattutto assumere il ginseng indiano sotto il controllo del proprio medico di fiducia, e mai in gravidanza o durante l'allattamento.

Ashwagandha: quando e come assumerla

Cos'è

L’Ashwagandha, meglio conosciuto come ginseng indiano o ciliegia d'inverno, è un integratore che si ottiene dalla radice dell'omonima pianta, un arbusto che cresce spontaneamente in alcune aree del Mediterraneo, in particolare nelle isole della Sicilia e della Sardegna, e nel Nord dell’Africa.

La withania somnifera è tuttavia coltivata soprattutto in Asia, in paesi come il Pakistan, il Nepal, lo Sri Lanka e l’India. I fiori dell'Ashwagandha sono pigmentati di verde e giallo e i frutti sono simili a bacche di un colore che sfuma dal giallo al rosso; ad ogni modo, i principi attivi della pianta sono contenuti nelle sue radici, ed è questa la parte più utilizzata in ambito fitoterapico.

Proprietà e benefici

L’Ashwagandha è rinomata per essere un antistress naturale dalle proprietà energizzanti; sotto forma di integratore, il ginseng indiano non solo aumenta la resistenza mentale e fisica, ma aiuta a recuperare da condizioni di stress lavorativo o scolastico e, più in generale, dalla fatica. Aiuta a superare stati di nervosismo e tensione, e di conseguenza, può anche migliorare la qualità del sonno.

Assumere regolarmente questo tipo di ginseng può dare diversi benefici. Il ginseng indiano è un alleato delle donne nell'alleviare gli sbalzi di temperatura e le vampate di calore, e oltretutto calma gli stati di irritabilità e di nervosismo caratteristici di questo periodo.

L'Ashwagandha viene anche utilizzato per le sue proprietà afrodisiache che permetterebbero di migliorare le prestazioni maschili sotto le lenzuola.

Quando e come assumerla

L’Ashwagandha si trova in commercio in forma di compresse, in gocce o in polvere; di norma sulle confezioni del prodotto vengono indicate le modalità di assunzione.

Controindicazioni

L’assunzione di questo antistress naturale deve essere sempre valutata dal proprio medico curante, perché  l’abuso potrebbe anche dar luogo a effetti collaterali indesiderati. Il ginseng indiano è poi sconsigliato in gravidanza e durante l’allattamento.