Proprietà delle mele renette, il dolce super food di montagna

La regina delle montagne italiane è la mela renetta, un pomo molto antico e caratterizzato da un gusto acidulo che rende favoloso il famoso strudel del Trentino Alto Adige. E’ anche un concentrato di antiossidanti, preziosi per la salute. Qual è la tua qualità di mela preferita? Consumi la renetta?
Valentina Rorato 19 Ottobre 2021
* ultima modifica il 19/10/2021

La mela renetta è una qualità antica di mele, che in Italia è tipica di alcune valli del Trentino Alto Adige. È ottima consumata al naturale, ma il suo dolce sapore si sprigiona soprattutto in cottura. È ricca di polifenoli e per questo motivo è considerata una vero e proprio super food.

Frutto

La mela renetta è una mela molto preziosa e dal gusto inconfondibile. Fa parte della famiglia delle Rosacee e alla specie Malus Domestica. Deve il suo nome alla “reine”, che in francese significa regina e che è stato italianizzato in renetta. È un frutto tipico della Francia, come puoi immaginare, ma si coltiva anche in Italia, soprattutto in Val di Non e Val di Sole, e in Canada. Come mai? E' una pianta che cresce bene in alta quota e predilige i climi freddi. Dal 2003, inoltre, rientra nei prodotti D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta) da parte della Comunità Europea.

Quella che sei solito mangiare è nota come mela renetta del Canada ed è una delle varietà più antiche presenti oggi sul mercato. Presente in Europa dal 1600, è arrivata in Val di Non più di due secoli fa. È considera un vero super food, perché ricca di polifenoli. Il periodo di raccolta è nelle ultime di settimane di settembre ma si conserva fino a maggio. Conosci le sue proprietà nutrizionali?

Valori nutrizionali

Ecco valori nutrizionali per 100 grammi di mele renette fresche:

  • Acqua 87.6 grammi
  • Calorie 43 grammi
  • Proteine 0.3 grammi
  • Lipidi 0.1 grammi
  • Colesterolo 0 mg
  • Carboidrati 10 grammi
  • Alcol 0 grammi
  • Fibra 1.7 grammi
  • Potassio 105 mg
  • Calcio 5 mg
  • Ferro 0.2 mg
  • Vitamina C 8 mg
  • Polifenoli 212 mg

Proprietà e benefici

La mela Renetta è più ricca di proprietà e benefici rispetto ad altre qualità di mele. Prima di tutto perché contiene moltissimi polifenoli (212 mg ogni 100 grammi) ed è priva di colesterolo. Inoltre, contiene acqua, sali minerali, vitamina C e tante fibre, fondamentali per la salute dell’intestino, per rendere più forte il sistema immunitario ma anche se stai cercando di perdere peso. È un ottimo spuntino che spegne la fame ed ha poche calorie.

Controindicazioni

Le controindicazioni sono legate prima di tutto alla quantità di mele consumate: l’eccesso non ha potere dimagrante, ma anzi potrebbe favorire l’aumento di peso. Inoltre, sono acide e il succo può danneggiare lo smalto dei denti. Devi poi evitare i semi perché contengono un composto chimico chiamato amigdalina, che può rilasciare cianuro, un potente veleno, quando viene a contatto con gli enzimi digestivi. I semi interi passano attraverso il tuo sistema digestivo relativamente intatti, ma se mastichi i semi potresti essere esposto alle tossine. Uno o due non sono dannosi, poiché il corpo può gestire piccole dosi di cianuro, ma se tu o un bambino masticate e ingoiate molti semi, dovreste consultare immediatamente un medico. Può creare problemi anche a chi ha una spiccata sensibilità ai FODMAP, carboidrati a catena corta che possono causare crampi addominali e spiacevoli gonfiori.

Usi in cucina

Le mele renette sono prodotti molto versatili. Le puoi consumare crude, al naturale, e hanno un gusto dolce e acidulo. Puoi utilizzarle per preparare i dolci, dalla torta al tradizionale strudel. È ottima anche per gelati, frullati, macedonie, marmellate e succhi di frutta. Sono eccellente cotte sulla piastra, fritte con la pastella o cotte al forno. E poi si possono abbinare a piatti di carne importanti, come gli stufati di cervo e capriolo.

Fonte | Crea

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.