Proprietà dell’okra, il baccello del gombo

L’okra, noto anche come gombo, è un ortaggio annuale appartenente alla stessa famiglia della malvarosa, della rosa di Sharon e dell’ibisco. I baccelli immaturi vengono utilizzati per zuppe, conserve e stufati o come verdura fritta o bollita.
Valentina Rorato 19 Aprile 2022
* ultima modifica il 02/11/2022

L’okra non piace a tutti, perché dopo la cottura può assumere una consistenza vischiosa. È, però, un vero peccato perché i baccelli di questa pianta sono ricchi di vitamine, minerali, fibre e proteine. Forse la conosci come gombo. Ora ti dice qualcosa?

Che cos’è

L’okra non sono verdure verdi, ma sono i baccelli immaturi dell'Abelmoschus esculentus, o pianta di gombo. Si chiamano anche "gumbo" e "dita della signora", a seconda di dove ti trovi. Il gombo cresce meglio nei climi caldi e umidi, come l’India che è il principale produttore al mondo.

Questo ortaggio è, però, originario dell'Etiopia ed è stato portato in Nord America secoli fa da schiavi e coloni. È un ingrediente essenziale in molti tipi di cucina, compresi quelli del sud-est degli Stati Uniti, dell'Africa, del Medio Oriente, del Caraibi e del Sud America.

Il baccello verde contiene file di semi commestibili che rilasciano un liquido mucillaginoso (appiccicoso, viscoso) quando tritato e cotto, il che lo ha portato ad essere utilizzato per addensare ricette di zuppe e stufati, come il cajun gumbo, ma viene anche servito intero come contorno. Ha un profilo nutrizionale interessante.

Valori nutrizionali

Ecco i valori nutrizionali dell’okra per 100 grammi di prodotto:

  • Acqua 89.6 grammi
  • Calorie 33 kcal
  • Colesterolo 0 mg
  • Proteine 1.93 grammi
  • Carboidrati 7.45 grammi
  • Fibra 3.2 grammi
  • Calcio 82 mg
  • Magnesio 57 mg
  • Fosforo 61 mg
  • Potassio 299 mg
  • Sodio 7mg
  • Vitamina c 23 mg
  • Niacina 1 mg
  • Folati 60 µg
  • Colina 12.3 mg
  • Vitamina A 36 µg
  • Beta Carotene 416 µg
  • Alfa Carotene 27 µg
  • Vitamina A 716 IU
  • Luteine + zeaxantina 280 µg
  • Vitamina k 31.3 µg

Proprietà e benefici

L’Okra è un baccello davvero molto ricco di nutrienti e di conseguenza con proprietà e benefici per la salute. Contiene molte fibre e proteine, ma è povero di calorie e ciò lo rende un alleato della linea e del buon funzionamento del tuo intestino. È facile da inserire nella dieta, perché ha un sapore delicato, quasi erbaceo. Anche se a volte viene paragonato al gusto di melanzane o fagiolini, la sua consistenza è diversa e si cuoce più velocemente. Inoltre, è una fonte incredibile di antiossidanti, che possono ridurre il rischio di malattie gravi, prevenire l'infiammazione e contribuire alla salute generale. In particolare, contiene polifenoli che possono essere davvero molto utili al benessere del cuore e del cervello. Contenendo molti folati, è indicato per le donne in gravidanza.

Controindicazioni

Il gombo è un alimento sicuro, ma ha delle controindicazioni. È sconsigliato se soffri di colon irritabile o, comunque in caso di diarrea, perché potrebbe velocizzare il transito intestinale. Inoltre, può interferire con i farmaci per la cura del diabete e gli anticoagulanti. Si consiglia, quindi, di consultare prima di consumarlo il proprio medico.

Usi in cucina

Prima di cucinare, l’okra dovrai risciacquarlo, tamponarlo e tagliarlo. Questa verdura può essere successivamente arrostita, fritta o grigliata. Puoi stufarlo e aggiungerlo alle zuppe. Il sapore dell'okra e la sua qualità glutinosa sono bilanciati se abbinati a cibi acidi, come pomodoro, limone e aceto, oltre al piccante dei peperoncini sia freschi sia secchi. Ottimo poi se profumato con aglio, cipolla, zenzero e semi aromatici come cumino, coriandolo, anice e finocchio.

Ricordati che i baccelli possono ammaccarsi un po' facilmente, quindi devi conservarli con cura. Il gombo fresco va tenuto in frigorifero, avvolto in un tovagliolo di carta o in un sacchetto di carta sciolto. Aspetta a lavarlo finché non sei pronto per cucinarlo. Può durare massimo quattro giorni.

Fonte | Usda

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.