Quali danni provoca l’abuso di alcol e da quali segnali riconoscerlo

Può capitare a tutti di bere un bicchiere in più, ma superare costantemente il limite può provocare danni molto gravi a cuore, cervello e fegato. Vediamo come riconoscere per tempo l’abuso di alcol e quando è necessario rivolgersi a uno specialista.
Dott. Albert Kasongo Medico vaccinologo
23 Dicembre 2021 * ultima modifica il 23/12/2021

Secondo il Global status report on alcohol and health 2018 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’uso di alcol nel 2016 ha causato nel mondo circa 3 milioni di morti, ossia il 5,3% di tutti decessi. E il 5,1% degli anni di vita persi a causa di malattia, disabilità o morte prematura sono attribuibili all’alcol. Più di tre quarti dei decessi si è verificato tra gli uomini.

Si parla di alcolismo o abuso alcolico quando vi è un’incapacità, da parte del bevitore, di astenersi dall’assumere grandi quantità di alcolici, compromettendo il proprio comportamento psico-sociale e sviluppando dipendenza. L’alcolista perde il controllo sulla sua abitudine a bere e sviluppa problematiche fisiche e psicologiche, oltre che tolleranza e astinenza. Vediamo insieme quali sono i danni che possono derivare da un’elevata assunzione di sostanze alcoliche.

La diagnosi di alcolismo

Per poter fare una diagnosi di alcolismo, secondo il DSM-5, è necessario riconoscere almeno 2 dei seguenti sintomi per un periodo non inferiore ai 12 mesi:

  • assunzione di alcol in quantità superiori o per periodi più lunghi rispetto alle intenzioni del soggetto
  • desiderio costante di assumere alcolici o fallimenti nel tentativo di ridurre l’assunzione di alcol
  • gran parte del tempo della giornata è impiegato nel bere, nel recuperare alcolici o nel gestire i sintomi da intossicazione (effetti post-sbornia)
  • il soggetto sente un impellente e incontrollabile bisogno di bere (craving)
  • l’uso di alcol comporta fallimenti nell’adempimento delle proprie responsabilità a casa, al lavoro o a scuola
  • mantiene l’uso di alcol nonostante questo sia causa di ricorrenti problemi sociali
  • importanti attività vengono abbandonate per lasciare spazio all’uso di alcolici
  • l’alcol è utilizzato in situazioni in cui è fisicamente pericoloso farlo
  • utilizzo continuativo di alcol anche dopo la comparsa di problemi psicologici o sociali attribuibili all’abuso alcolico
  • sviluppo della tolleranza verso l’alcol manifestata con aumento significativo della quantità di alcol necessaria a soddisfare il bisogno alcolico
  • presenza di sintomi astinenziali o comportamenti atti a non provare sintomi astinenziale

I danni sul cervello

A basse dosi vengono attivate aree del cervello in cui avviene il rilascio di endorfine, andando così a generare quella sensazione di piacere che si prova quando si è brilli. Con l’aumentare delle dosi, però, l’effetto sul Sistema nervoso centrale è depressorio, poiché viene inibita la funzione di alcuni neurotrasmettitori eccitatori, in particolar modo il glutammato, andando a rallentare l’attività cerebrale con una diminuzione dell’autocontrollo, deficit di apprendimento e alterata capacità di giudizio. Si arriva anche ad osservare atrofia cerebrale e polinevriti.

I danni sul fegato

Il fegato è l’organo più danneggiato, poiché il metabolismo dell’alcol avviene proprio a questo livello. I danni su quest’organo sono ingravescenti. Possiamo osservare:

  • Steatosi epatica: un accumulo di trigliceridi nel fegato. Condizione asintomatica spesso ma reversibile con la sospensione dell’assunzione di alcol.
  • Epatite alcolica: infiammazione del fegato causata dall’abuso di alcol.
  • Fibrosi: processo cicatriziale che insorge laddove non s’intervenga sull’epatite.
  • Cirrosi: degenerazione del processo di fibrosi. Completamente irreversibile. Può portare a insorgenza di tumore al fegato.

I danni sul cuore

La condizione più pericolosa è la cardiopatia alcolica, in cui si ha una dilatazione delle cavità cardiache con conseguente riduzione della gittata. Una cronicizzazione di questa situazione può portare a una cardiomiopatia. Spesso si nota un’ipertensione arteriosa secondaria al danno dell’alcol sul sistema nervoso che è deputato al controllo della pressione che porta a un’aumento del rischio di sviluppare ictus.

I danni psicologici

Come si può immaginare, il soggetto alcolista tenderà a preoccuparsi sempre meno della propria persona mostrando una progressiva perdita della capacità di giudizio, danni alla memoria, alterazione della propria personalità e deterioramento cognitivo (secondario anche all’atrofia cerebrale). Si può arrivare anche, in alcuni casi, all’insorgenza di problemi psicotici quali deliri o allucinazioni, ricordando che, nel caso in cui siano già presenti disturbi, vi è la possibilità che possano peggiorare

Esiste un lungo elenco di problematiche legate al consumo eccessivo di alcol, per questo motivo è opportuno, laddove ci si renda conto di rientrare in queste caratteristiche, rivolgersi per tempo a specialisti che possano aiutarci a venirne fuori.

Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi “Aldo Moro” di Bari, ha maturato esperienza in numerosi ambiti collaborando con diverse altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.