Quante ciliegie mangiare al giorno? Ecco la dose da non superare

Le ciliegie fanno molto bene alla salute, perché ricche di vitamine e di fibre. Fai però attenzione alle dosi, perchè mangiarne troppe può causare fastidio intestinale, aumentando il transito. Come mai? Quando è bene rinunciare a questo piccolo e delizioso frutto e, soprattutto, qual è la dose ideale?
Valentina Rorato 7 Giugno 2021
* ultima modifica il 07/06/2021

Una ciliegia tira l’altra. E succede spesso di ritrovarsi a mangiarne davvero tante, senza accorgersi, alla fine del pasto. Sono un frutto delizioso e molto salutari, perché sono ricche di vitamine A e C, ma anche di nutrienti antinfiammatori chiamati antociani, che conferiscono loro il vivace colore rosso scuro e viola bordeaux.

Le ciliegie hanno un'attività antinfiammatoria così potente che possono aiutare a ridurre il rischio di diverse malattie come quelle cardiovascolari, il diabete e il cancro, ma bisogna evitare di consumarne troppe. Come mai? Avrai notato che dopo averle mangiate il tuo intestino tende ad acquistare una certa vivacità.

Perché le ciliegie sono lassative?

Le ciliegie contengono fibre, rimedio fondamentale contro la stitichezza. A seconda della qualità, possono contenere da 1,5 a 3 grammi di fibre, sia solubili che insolubili, per porzione (circa 150 grammi). La fibra solubile aiuta il corpo a digerire gli alimenti più lentamente e a controllare i livelli di zucchero nel sangue. Nel frattempo, la fibra insolubile aiuta ad aggiungere volume alle feci, il che favorisce il transito intestinale.

Ovviamente, è una bellissima notizia. Fai però attenzione perché se dovessi passare da un transito regolare e vivace a un disturbo digestivo, probabilmente, c’è un altro problema. Questo frutto infatti contiene gli alcoli di zucchero. La maggior parte delle persone pensa che gli alcoli di zucchero si trovino solo negli alimenti trasformati, nelle gomme e nelle caramelle. In realtà, non è così e se sei sensibile a cibi come il gelato ipocalorico e le caramelle dietetiche, è probabile che sarai abbastanza sensibile anche alle ciliegie.

Sono anche fonte di salicilati. L'acido salicilico è uno dei tanti salicilati e anche in questo caso ci sono persone sensibili a queste sostanze, che possono stare male di pancia per esempio assumendo un’aspirina o mangiando tante ciliegie. Non devi però spaventarti, ciò che conta – come sempre – è non esagerare con le dosi.

Quante ciliegie mangiare al giorno?

La dose massima consigliata è di circa 150 grammi al giorno. Ovviamente, non hai sempre con te una bilancia che ti permette di pesare ogni porzione. Considera di non superare le 7 ciliegie, ovviamente a seconda della loro dimensione. Se poi ti accorgi che il tuo intestino funziona regolarmente e non ci sono stati “incidenti”, potresti mangiarne una decina. Non andare oltre. E soprattutto non superare le 2 porzioni al giorno (massimo 20 ciliegie).

Un'altra strategia utile è evitare di combinare le ciliegie con altri alimenti che sai di non tollerare bene. Se sei sensibile a questo frutto, potresti essere sensibile anche ad altri frutti che contengono sostanze simili come anguria, more, nettarine, pere, mele e avocado.

Fonte | Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.