Soffri di acne da mascherina? Ecco 7 rimedi utili per prevenire eruzioni cutanee e arrossamenti

Le mascherine sono diventate un accessorio importantissimo della nostra vita. Le dobbiamo indossare tutti i giorni con regolarità per proteggerci e proteggere gli altri dal SARS-CoV-2. Hai notato la pelle del viso arrossata o la comparsa di foruncoli? Eccoti alcuni consigli per contrastare questo spiacevole effetto collaterale.
Valentina Rorato 4 giugno 2020

Si chiama Maskne, ovvero acne da mascherina. Probabilmente è capitata anche te. Indossare molte ora al giorno questo dispositivo di protezione individuale può mettere alla prova la pelle del tuo viso. Sono ormai entrate nella storia le immagini delle infermiere che, durante la pandemia, al termine di un lungo turno di lavoro, mostravano aloni e arrossamenti proprio sul naso e sotto gli occhi, dove la mascherina stringeva di più. A questo, spesso, si aggiungono vere e proprie eruzioni cutanee.

Purtroppo, è uno spiacevole effetto collaterale. La mascherina deve sigillare il viso per proteggerti da un’eventuale esposizione al virus e questa sua natura così occlusiva, che per definizione la rende sicura, crea un ambiente caldo umido per la tua pelle, intrappolando il respiro. Che cosa causa? Si accumula sudore e sebo sotto la maschera e sono proprio loro a rendere più vulnerabile la cute.

Attenzione, è un piccolo problema e si può risolvere facilmente, con pazienza e prendendo alcune precauzioni, di cui adesso ti parleremo. Ciò vuol dire che devi continuare a mettere la tua mascherina. È molto più importante rispettare le disposizioni anti-covid 19, che liberarsi di un leggerissimo fastidio. Ecco quindi alcuni consigli a base di rimedi naturali e non solo.

Non truccarsi sotto la mascherina

È un sacrificio se sei abituata a essere sempre impeccabile. Molti prodotti di make up contengono ingredienti potenzialmente irritanti o che ostruiscono i pori. Si consiglia quindi di ridurre al minimo il trucco, in particolare le basi e il correttore con formulazioni pesanti, perché l'aumento dell'umidità sotto la maschera potrebbe influire sulla produzione di sebo della pelle. E se proprio non riesci a rinunciare a questo vezzo, acquista cosmetici minerali.

Scegli mascherine in cotone

Se sei un medico o se fai un lavoro in cui ti trovi sempre in prima linea, devi assolutamente indossare le maschere chirurgiche o le ffp2/ffp3. Se invece usi la mascherina nel tempo libero o quando vai a far la spesa, acquista delle mascherine in cotone lavabile (con triplo strato TNT). Il cotone è un tessuto traspirante e sarà quindi relativamente non irritante per la pelle. Inoltre, ricordati di toccare la tua mascherina con le mani il meno possibile e di lavarla ad alta temperatura dopo ogni utilizzo prolungato.

Acido salicilico

Le irritazioni non ti danno pace, perché hai la pelle molto delicata. Come fare? Devi assolutamente applicare un unguento cicatrizzante. Prova una pomata a base di perossido di benzoile o acido salicilico.

Detergente schiumogeno

Un altro modo per prevenire la formazione di acne è lavare la pelle del viso prima e dopo aver indossato la mascherina con un detergente schiumogeno. Come mai? Questi saponi rimuovono l'olio prevenendo i pori ostruiti.  Se soffri di acne, usa un detergente delicato a base di acido salicilico.

Evita le maschere in tessuto elastico

Le mascherine elastiche sembrano essere pratiche e comode, ma possono causare più danni alla pelle rispetto alle maschere chirurgiche monouso. Questo perché creano un ambiente più umido e caldo per la pelle, poiché la respirazione è più limitata.

Applica una crema idratante

Una crema idratante senza olio aiuta a proteggere e riparare la pelle senza ostruire i pori. Applicane uno strato sottile sotto la maschera, dopo aver lavato il viso. Dovrebbe attutire gli sfregamenti.

Tea tree oil

Il Tea tree oil è un vero e proprio antibatterico e antinfiammatorio. Puoi quindi sfruttare le proprietà di questo olio per rendere molto efficace una maschera base di argilla o di miele. Come fare? Devi sciogliere nel miele o nell'argilla bentonitica di calcio un paio di gocce. Un’altra opzione è aggiungere 2 gocce di Tea tree oil a 12 gocce di un olio vettore, come quello di oliva,  jojoba o mandorle dolci. Massaggialo come una crema idratante (evitando gli occhi) sulla pelle pulita e lascialo agire per 5 a 8 minuti.