Soffri il freddo? Puoi combatterlo anche con l’alimentazione

Inverno è sinonimo di brividi di freddo, soprattutto per quelle persone che fanno fatica a scaldarsi. Non c’è piumino, non c’è riscaldamento o copertina che possa togliere quella sensazione di gelo dalle ossa. Come si fa? Devi fare attenzione alla dieta, consumando cibi antifreddo, che possono potenziare le tue difese immunitarie.
Valentina Rorato 24 gennaio 2020
Con la collaborazione della Dott.ssa Silvia Soligon Biologa ed esperta di nutrizione

Per combattere il freddo devi fare attenzione alla dieta. Se non stai attento, potresti essere una delle migliaia di persone che si ammalano in inverno a causa di influenza e raffreddore. Naturalmente, il metodo di prevenzione più efficace è il vaccino antinfluenzale annuale, ma rinforzare naturalmente il sistema immunitario e consumare una dieta antifreddo può essere una strategia utile e un modo per stare un buona salute.

Perché hai freddo

Hai sempre freddo. Le temperature sono in effetti rigide, ma il freddo che percepisci va oltre a quello climatico: gli strati di vestiti caldi non ti aiutano e non sai cosa fare. Probabilmente sei troppo magro: se il tuo indice di massa corporea (BMI) si aggira intorno ai 18,5 (o meno) significa che non hai abbastanza grasso corporeo per isolare la tua persona dalle basse temperature e questo ti provoca brividi e un eccesso di freddo.

Potresti non avere anche abbastanza massa muscolare: i muscoli sono importanti per mantenere la temperatura corporea. Una dieta ipoproteica potrebbe influire negativamente sul tono muscolare e contribuire a farti sentire sempre al gelo.

Tra le altre cause, potrebbe esserci l’ ipotiroidismo (quando la tua tiroide non lavora abbastanza) che causa un sostanziale calo del metabolismo.  Fai attenzione anche alla vitamina B12, essenziale per produrre globuli rossi che trasportano ossigeno attraverso il sistema circolatorio e aiutano a mantenerci caldi.

Come funziona una dieta antifreddo

Non esiste una vera e propria dieta antifreddo, ma il cibo è un fattore importante per riscaldare il corpo. Devi sapere che una dieta troppo povera di calorie può frenare il tuo metabolismo e impedire al fisico di creare abbastanza calore per mantenerti naturalmente caldo. L'anemia, per esempio, è uno dei motivi più comuni di freddezza cronica, poiché influenza il metabolismo e influisce negativamente sulla circolazione sanguigna.

Cosa devi mangiare? Sicuramente carboidrati complessi. Dovresti preferire riso integrale, quinoa, avena e grano saraceno alle farine raffinata. Concediti qualche noce, che riscalda naturalmente e fornisce anche un lento rilascio di energia e proteine ​​di buona qualità.  Le arachidi sono particolarmente utili in quanto sono ricche di vitamina B3, che favorisce il flusso sanguigno e avvia il metabolismo, due componenti chiave per combattere il freddo.

Puoi aiutarti con le erbe. Aggiungi un cucchiaino di zenzero ai succhi di frutta fresca o al tuo tè, cospargi di rosmarino la tua carne o inserisci un po’ di peperoncino o di noce moscata nella tua zuppa. Aumenta anche l'uso di spezie come chiodi di garofano, cumino, pepe in grani e curry. E non dimenticare di idratarti abbastanza. L'acqua aiuta a regolare la temperatura corporea; quindi, spesso quella sensazione di freddo potrebbe essere solo un segno di disidratazione.

I cibi antifreddo

Sono numerosi i cibi antifreddo, che puoi tranquillamente inserire nella tua dieta. Ricordati, inoltre, che la natura ti viene in aiuto: frutta e verdura di stagione sono i prodotti perfetti per contrastare i climi rigidi tipici dell’inverno.

  • Cibi con vitamina C: questa sostanza è importante per stimolare il sistema immunitario, quindi non dimenticare la frutta e verdura che la contengono, come mandarini, arance e kiwi.
  • Proteine ​​e cereali integrali: è sempre meglio fornire le proteine ​​necessarie all'organismo da fonti pure come pesce, latticini a basso contenuto di grassi, cereali integrali, pollame, noci e semi.
  • Aglio crudo: è potente contro il raffreddore, perché contiene composti chiamati Elion e allicina, che hanno proprietà antivirali.
  • Zuppa o brodo di pollo: i nutrizionisti concordano anche sul fatto che la zuppa contenga proprietà antivirali. E poi un bel brodo caldo dà immediatamente una sensazione di calore.
  • Spezie: curcuma, zafferano e cannella sono ricche fonti di antiossidanti che rafforzano il sistema immunitario.
  • Yogurt greco: pieno di probiotici, fondamentali per combattere l’influenza ed è più proteine rispetto ​​allo yogurt normale.
  • Cioccolato fondente: che tu ci creda o no, il cioccolato fondente può essere estremamente utile per scaldarsi. Contiene una forte concentrazione di teobromina, un antiossidante che ha dimostrato di alleviare i classici mali di stagione, come la tosse.
  • Salmone affumicato. Il freddo danneggia la pelle, lo sai? Consuma cibi ricchi di Omega 3 e 6 proprio come il salmone.  Gli acidi grassi aiuteranno la tua epidermide a prevenire la perdita di umidità che può verificarsi durante i mesi invernali.

Come mangiare in inverno

In inverno, come in tutte le altre stagioni, bisogna prima di tutto mangiare bene e in modo sano. Anche se il metabolismo lavora di più a causa del freddo, non farti tentare dal cibo spazzatura e dalla voglia di mangiare prodotti a rapida soddisfazione (per colmare la famigerata fame endonica). Perché se è vero che a risposo bruci di più, è anche vero che in inverno tendi a fare meno movimento, proprio il clima ti rende pigro. Ricordati poi che la tua dieta dovrebbe prevedere 5 pasti (di cui due spunti) e una porzione di frutta e/o verdura per ogni pasto.

Preferisci dunque cibi caldi: pasta al forno a base di verdura, patate, pane appena sfornato, stufati, zuppe e arrosti tendono ad essere particolarmente soddisfacenti (ovviamente mai esagerare con le porzioni). Un ulteriore vantaggio di un pasto caldo cucinato in casa è la cucina, che diventa a sua volta più calda. Questo rende la casa più accogliente quando l'aria esterna è gelida.

Sono importanti quei cibi che ti permettono di idratarti. Via libera a minestre e creme, ma anche al tè, preferibilmente alla  allo zenzero, sostanza che riscalda naturalmente il tuo corpo. Se non ti piace il tè allo zenzero, qualsiasi tè speziato è un buon sostituto. Il sidro caldo è un'altra scelta confortante e idratante a basse temperature. Non dimenticarti i grassi (dal pesce all'olio extravergine d'oliva), che fungono da isolante e poi sono usati dal tuo corpo per facilitare l'assorbimento delle vitamine A, E, K e D. Le carenze vitaminiche, in particolare la carenza di vitamina D, possono contribuire alla depressione e a danneggiare la salute.  I grassi sani da aggiungere alla tua dieta includono pesce, noci, olive, avocado e tofu. Se opti per la carne rossa, tieni presente che il suo consumo è limitato a tre volte alla settimana.

Il parere dell’esperto

Abbiamo parlato di dieta antifreddo con la dottoressa Silvia Soligon, biologa ed esperta di nutrizione. Ci si può scaldare con il cibo?

“Quando si parla di termogenesi, non si può dire che sia il cibo a riscaldarti. Esistono però degli alimenti che sono più confortevoli in inverno e sono fonti nutrienti utili. Per esempio, un bel brodo caldo di verdure ti permette di scaldarti, ma anche di assumere vitamine e Sali minerali”.  

L’alimentazione invernale deve essere più calorica e ricca di grassi?

“L’alimentazione deve essere sempre bilanciata e la quota grassi non deve superare il 20-35% perché è inverno. Il messaggio mangiate di più perché fa freddo è fuorviante e superfluo, soprattutto nella nostra società: mangiamo già troppo. Per la stagione fredda, punterei sulla necessità di assicurarsi con la dieta vitamine e minerali, per contrattaccare meglio i microbi a cui siamo esposti. Inoltre, punterei sulla frutta e la verdura di stagione”.

Fonte | British Heart Foundation

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.