Trovate tracce di Pfas nei cosmetici: uno studio americano accende i riflettori su una minaccia invisibile

Un gruppo di ricercatori statunitensi e canadesi ha condotto una serie di test su prodotti per il make-up come mascara, rossetti e fondotinta, rilevando alti livelli di fluoro. Analisi successive hanno confermato la presenza di Pfas, che sono pericolosi per il nostro organismo e nella maggior parte dei casi non vengono segnalati sulle etichette.
Federico Turrisi 17 Giugno 2021

Nel tuo make-up potrebbe nascondersi una brutta sorpresa. È questo il messaggio lanciato da un nuovo studio condotto da un team di ricercatori americani e canadesi coordinato dal professor Graham Peaslee dell'Università di Notre Dame, che ha analizzato 231 prodotti tra fondotinta, mascara, rossetti, lucidalabbra e altri cosmetici: in oltre la metà dei casi sono stati alti livelli di fluoro, un indicatore della presenza dei famigerati Pfas. Attenzione, diciamo subito che lo studio in questione ha preso in considerazione prodotti commercializzati in Nord America, cioè negli Usa e in Canada.

Nel dettaglio, gli esperti hanno scoperto livelli elevati di fluoro nel 56% dei fondotinta e dei prodotti per occhi esaminati, nel 48% dei rossetti e nel 47% dei mascara. I 29 prodotti con le più alte concentrazioni di fluoro sono stati ulteriormente testati e contenevano tra le quattro e le 13 molecole di Pfas specifici. L’uso di questi ultimi sarebbe più frequente nei prodotti definiti water-proof e a lunga tenuta. Del resto, una delle caratteristiche degli Pfas è proprio la loro stabilità chimica e termica, oltre all'impermeabilità all'acqua e ai grassi.

Il punto è che l'applicazione di prodotti con sostanze perfluoroalchiliche intorno agli occhi e alla bocca aumenta il rischio di assorbimento attraverso la pelle o nel dotto lacrimale, e il conseguente accumulo nell'organismo. Non è finita qui. Solo l'8% dei prodotti riportavano in etichetta la presenza di Pfas. E ciò rende praticamente impossibile ai consumatori sapere se in quello che stanno comprando ci siano queste sostanze o meno.

"I Pfas non sono necessari per il trucco. Dato il loro grande potenziale di danno per l'ambiente e la salute, credo che non dovrebbero essere utilizzati in nessun prodotto per la cura personale", ha affermato Arlene Blum, co-autrice dello studio e direttore esecutivo del Green Science Policy Institute, che ha sede a Berkeley, in California. "È tempo di eliminare l'intera classe di Pfas dai cosmetici e di tenere queste sostanze chimiche dannose fuori dal nostro organismo".

Fonte | "Fluorinated Compounds in North American Cosmetics", pubblicato su Environmental Science & Technology il 15 giugno 2021.