Come prenderti cura delle tue gambe: 7 trucchi per mantenerle in forma

Nascoste sotto gli abiti pesanti, forse, durante la stagione fredda hai un po’ trascurato le tue gambe. Hai tempo per recuperare e, soprattutto, puoi fare molto con piccoli cambiamenti nello stile di vita per aiutarle ad affrontare la bella stagione evitando gonfiore e ristagni di liquidi. Scopri con noi come fare.
Valentina Rorato 29 maggio 2020

Oltre le gambe, c’è di più. Cantavano Sabrina Salerno e Jo Squillo nel 1991 nel famoso tormentone Siamo Donne. Senza entrare in discorsi femministi, questa strofa in realtà è importante anche per affrontare la cura delle tue gambe, perché devi sempre partire dal presupposto che quando i tuoi arti inferiori sono gonfi, magari sono tempestati da capillari o sono doloranti, nascondo probabilmente più di un disturbo. Insomma, le gambe possono essere lo specchio della tua salute.

In estate, soprattutto con il caldo, i problemi circolatori, legati a una sorta di insufficienza del microcircolo e alla difficoltà di drenare i liquidi, sono molto più evidenti. È dunque importante cercare di preparare le tue gambe prima che scoppi la grande afa. In che modo? Segui i nostri consigli e vedrai che la tua parola d’ordine per l’estate 2020 sarà leggerezza.

Molta frutta e poco sale

Fai il pieno di frutta perché le vitamine, le fibre e gli antiossidanti contenuti in questi prodotti hanno un potere corroborante e protettivo nei confronti del sistema circolatorio. Aiutano a tenere sotto controllo la ritenzione idrica, e quindi il gonfiore. Devi bere molta acqua (magari prova quella aromatizzata o delle tisane per aumentare il volume di liquidi) ed evita il sale. Ciò vuol dire che, non solo devi aggiungerne il meno possibile ai tuoi piatti, ma devi anche evitare i prodotti che ne contengono grandi quantità come affettati, salumi o piatti pronti. Tutto ciò ti permetterà di espellere tossine ed evitare il ristagno nei vasi.

Esegui esercizi mirati

Fare sport è molto importante. E l’elemento migliore per le gambe è l’acqua, quindi – se puoi – via libera al nuoto, all’acquagym o all’acquabike.  Se, però, rimani a lungo seduto durante il giorno perché svolgi un lavoro d’ufficio o sei costretto a viaggiare per molte ore, devi incoraggiare la tua circolazione. In che modo? Con degli esercizi semplici e ben mirati. Cerca di alzarti spesso, allunga le gambe e, se le caviglie sono particolarmente gonfie, si consiglia di massaggiare la pianta del piede con una palla da tennis. Mantieni la pianta a contatto con il pavimento durante questo esercizio.

Massaggi e auto-massaggi

I massaggi sono sicuramente il trattamento più indicato. Devi scegliere i massaggi linfodrenanti che servono proprio a stimolare la circolazione linfatica e a sgonfiare le gambe. Se non puoi fare questi trattamenti, punto sull’auto-massaggio che puoi eseguire dopo la doccia. Come fare? In piedi appoggia la gamba sul letto o su una sedia. Parti dalla caviglia e massaggia la gamba con movimenti circolari, risalendo fino all’inguine. Aiutati con degli oli essenziali (un paio di gocce diluiti in un olio vettore, come quello di mandorle dolci). I più indicati sono rosmarino, ginepro, limone, pompelmo e menta. Inoltre, può esserti d’aiuto anche il bambù: si fa scorrere sempre dal basso verso l’alto una canna lungo i polpacci. Un'alternativa è la pressoterapia: qui puoi trovare tutte le informazioni utili su questa meccanica.

Integratori con estratti naturali

Si consiglia l’assunzione di integratori contro l’insufficienza venosa. Che cosa devono contenere? Tra gli estratti più indicati ci sono quello di ippocastano, di centella asiatica, di corteccia di pino marittimo francese, noto per la sua attività antiossidante, di uva, di Citrus aurantium, da cui vengono estratti diosmina ed esperidina, due principi attivi noti per aumentare il tono e l'elasticità venosa, e di tarassaco. Di solito si diluiscono in acqua e vanno presi all’inizio della primavera per tutto il periodo caldo.

Aggiungi diuretici naturali alla tua dieta

I diuretici naturali generalmente aiutano a eliminare l'eccesso di sodio e acqua stimolando i reni a produrre più urina per rilasciare tossine. Questo effetto lo puoi ottenere semplicemente bevendo di più, assumendo gli estrattati naturali di cui ti abbiamo parlato prima, ma anche alcune verdure considerate diuretiche, come asparagi, barbabietole, zucca, fagioli, aglio e spinaci. Sono ricche di potassio e aiutano a stimolare l' appetito e curano la carenza biliare incoraggiando la minzione.

Idrata le gambe

Le gambe devono essere curate anche da fuori. Usa una buona crema idratante: una lozione al burro di karité, kokum o all’olio d’oliva. Applicala prima di andare a letto e indossa calze, collant o semplicemente dei leggings mentre dormi. Questi manterranno l'umidità e doneranno alla tua pelle un trattamento morbido come la seta. Prova anche ad applicare l'olio di cocco sotto la doccia, al posto del bagnoschiuma.

Bustine di tè nella vasca da bagno

Le tue gambe sono bianche e quando metti la gonna senza calze ti senti a disagio. Puoi usare un autoabbronzante, altrimenti fai cadere alcune bustine di tè nel tuo bagno per un leggero effetto abbronzante.