Le proprietà del cioccolato fondente: tante buone scuse per fare il pieno

Previene le malattie cardiovascolari, protegge la pelle, attenua i crampi muscolari e soprattutto è buonissimo. Il cioccolato fondente ha più effetti positivi sull’organismo di quanto si potrebbe immaginare, Ma attenzione, per essere veramente cioccolato, deve avere almeno il 43% di cacao.
Gaia Cortese 19 Ottobre 2018
* ultima modifica il 09/10/2020

Maria Antonietta non viaggiava mai senza. Voltaire ne assumeva in quantità ogni giorno per combattere la debolezza dovuta all'età avanzata. Casanova ne faceva uso per gli effetti afrodisiaci. Parlo del cioccolato. Negli anni ha conquistato il palato di grandi personaggi storici che non hanno tenuto celata la loro passione per il cosiddetto Cibo degli Dei. E come non essere d'accordo con loro? Mi metto in prima fila tra gli amanti di questo alimento, apprezzabile in tutte le sue forme: dalla semplice tavoletta al cono gelato, il salame al cioccolato, le praline, la cioccolata liquida in tazza, la mousse e il budino. E potrei continuare con l'elenco, senza sensi di colpa, soprattutto da quando ho scoperto i valori nutrizionali e le proprietà del cioccolato, qualsiasi imbarazzo è sparito all'istante.

Il cioccolato, per essere chiamato tale, deve avere almeno il 43% di cacao. Solo in questo caso ha senso parlare di proprietà e valori nutrizionali confermati; per cui vale la pena di accantonare il cioccolato al latte (25% di cacao) e il cioccolato bianco, quest'ultimo completamente privo di cacao e composto solo da burro di cacao, latte e molto zucchero.

Il cioccolato fondente deve quindi contenere una percentuale minima di cacao, minimo il 43% e di burro di cacao, minimo il 28%, mentre la pasta di cacao, ovvero la sostanza secca che lo compone, può variare dalla percentuale del 55% al 70%.

Il cacao di cui è composto il cioccolato fondente deriva dai semi del Theobroma cacao, una pianta arborea originaria dell’America Centrale. I semi contenuti dentro un frutto grande come un melone vengono sottoposti a una serie di operazioni: la fermentazione, l'essiccazione, la torrefazione, la granellatura e macinazione e infine la spremitura (in quest'ultima fase si estrae il burro di cacao). Segue poi la raffinazione, il concaggio e il temperaggio per stabilizzare la pasta fluida per l'ultima lavorazione, ossia il modellaggio.

Ma quando e quanto cioccolato fondente puoi mangiare? Puoi mangiare un po' di cioccolato anche tutti i giorni, purché la dose sia contenuta perché resta comunque un alimento molto calorico. Per questa ragione, l'ideale è assumere non più di 6-7 grammi di cioccolato al giorno. In questo modo puoi assicurarti le proprietà benefiche del cioccolato fondente, sempre con un occhio di riguardo all'ago della bilancia.

Il cioccolato fondente è antidepressivo

Fatta maggior chiarezza sulle origini e la denominazione di questa prelibatezza, vediamo quali sono le principali proprietà del cioccolato fondente. Se ti senti giù, mangia un pezzo di cioccolato, assaporalo lentamente e vedrai che ti sentirai subito meglio. Il cioccolato, infatti, stimola la secrezione di endorfine, ossia gli ormoni della felicità in grado di darti una piacevole sensazione di benessere, quasi immediata. Non solo. Il cioccolato fondente può considerarsi un antidepressivo naturale perché aumenta la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore eccitatorio che, se in difetto, causa un abbassamento patologico dell'umore.

Protegge la pelle

Si è sempre creduto che il cioccolato fosse responsabile di brufoli e problemi di acne. In verità, la stessa ADOI (Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani) ha alleggerito le accuse mosse contro il cioccolato, reputando più responsabili altri alimenti come il latte e i suoi derivati, le torte, le caramelle e gli zuccheri in generale. Il cioccolato al contrario, grazie alle sue proprietà antiossidanti, è in grado di proteggere la pelle dagli effetti nocivi dei raggi UV e di mantenere la pelle idratata.

Combatte i crampi muscolari

Se soffri di crampi muscolari, probabilmente hai una carenza di magnesio, il minerale fondamentale per l'organismo perché garantisce il buon funzionamento delle cellule, combatte i dolori muscolari e la comparsa di fastidiosi crampi. Il magnesio si trova in quantità in alimenti come i fichi, i datteri, la frutta secca, i germogli di soia, e naturalmente, anche nel cacao amaro. Per questa ragione, il cioccolato fondente è spesso consumato da chi pratica sport e soffre di crampi e dolori muscolari.

Ideale per chi soffre di anemia

Il cioccolato fondente possiede circa 5 mg di ferro per ogni 100 grammi e per questo motivo lo si consiglia particolarmente a chi soffre di anemia o alle donne con un flusso mestruale molto abbondante. Oltretutto, durante i giorni del ciclo mestruale, una tavoletta di cioccolato torna anche utile per l'umore che non sempre è ai massimi livelli!

Il cioccolato fa bene al cuore

Il cioccolato fondente fa bene al cuore, aumentando del 20% la concentrazione di antiossidanti nel sangue. Attento però: questo beneficio è legato soltanto al cioccolato fondente. Quello al latte infatti non ha alcun effetto benefico su sangue e cuore!

Il cioccolato fondente contiene una quantità molto alta di polifenoli (nello specifico flavonoidi), sostanze in grado di combattere il colesterolo, abbassare la pressione sanguigna, regolare il tono vascolare e il grado di restrizione del lume dei vasi sanguigni. Una vera e propria prevenzione per le malattie cardiovascolari come l'ictus e l'infarto. Tanto maggiore è la percentuale di cacao tanto superiore è la presenza di flavonoidi: in media 50-60 mg ogni 100 grammi di cioccolato fondente, 10 mg ogni 100 grammi di di cioccolato al latte.

Alleato del buon umore

Insomma, come avrai capito il cioccolato è un vero e proprio alleato del buon umore e della salute. Mangiare cioccolato favorisce la produzione di serotonina, che potrà aiutarti contro tristezza o malumore. Ecco quindi il mio consiglio: tieni sempre con te una tavoletta di cioccolato, potrà aiutarti a raddrizzare una giornata storta.

Il cioccolato è anche antiossidante

Non dimenticare l'effetto antiossidante del cioccolato fondente e cacao: pare addirittura che abbiano un potere antiossidante superiore anche a quello della frutta. Sapevi, infine, che il cioccolato è ricco di minerali? Ferro, magnesio, calcio e potassio sono solo alcuni di quelli presenti in 50 grammi di cioccolato fondente. Adesso non hai proprio più scuse per resistere!

A chi non fa bene il cioccolato

Attenzione però, perché il cioccolato fondente non è adatto proprio a tutti. Esso infatti aumenta i livelli di zucchero nel sangue e per questo motivo non è consigliato a chi soffre di diabete: meglio ridurne il consumo o evitarlo del tutto quando i livelli di glicemia sono già alti. Se al contrario, i livelli di glicemia sono sotto controllo, due quadretti di cioccolato non fanno di certo male, anzi. Il cioccolato fondente migliora l'umore, abbassa la pressione e riduce il rischio cardiovascolare, e sembra che migliori il metabolismo degli zuccheri.

(Modificato da Simona Cardillo il 20-02-2019)
(Modificato da Gaia Cortese il 24-05-2019)

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.