Le proprietà del crescione, l’insalata dal gusto pepato

Il crescione è una delle numerose piante della famiglia della senape (Brassicaceae) ed è famosa per le sue foglie dal gusto pepato che possono essere utilizzate in insalate o come condimenti e guarnizioni e nascondono diverse proprietà nutrizionali.
Valentina Rorato 27 Dicembre 2021
* ultima modifica il 27/12/2021

Il crescione è una pianta, caratterizzata da foglie verde dal gusto pepato. È ottimo consumato in insalata, ma anche abbinato a piatti di formaggi e a uova. È un concentrato di vitamine e minerali, motivo per cui dovresti proprio inserirlo nella tua dieta. Conosciamolo meglio insieme!

La pianta

Il crescione (Lepidium sativum) è un’insalata a foglia verde, dalla tonalità intensa e steli croccanti e più chiari. È imparentato con la senape (Brassicaceae) ed è una delle insalate più saporite disponibili. Si trova tutto l'anno, ma è al suo meglio da aprile fino settembre. Bisogna fare attenzione perché ne esistono di almeno tre qualità: d’acqua, dei prati e inglese.

Il primo, come dice il nome, prospera in ruscelli freschi, dove cresce sommerso, galleggia sull'acqua o si diffonde su superfici fangose. Fiorisce in estate ma gli steli più teneri si raccolgono in inverno. Il crescione dei prati, invece, è una pianta selvatica, che cresce nelle stagioni più calde e ama il sole. Infine, c’è il crescione inglese, caratterizzato da foglie piccoline e uno stelo lungo.

Questa pianta in linea di massima si coltiva in vasche o terreno, per la commercializzazione, e spesso formano colonie cespugliose e radicano liberamente dagli steli. Il crescione porta grappoli compatti di minuscoli fiori bianchi a quattro petali; ogni baccello, noto come silique, nasconde due file di semi.

I valori nutrizionali

Questi sono i valori nutrizionali per 100 grammi di crescione d’acqua crudo:

  • Calorie 11 kcal
  • Acqua 95.11 g
  • Proteine 2.30 g
  • Lipidi 0.10 g
  • Carboidrati totali 1.29 g
  • Fibre 0.5 g
  • Vitamina A 3.191 UI
  • Vitamina C 43.0 mg
  • Vitamina E 1.00 mg
  • Acido pantotenico 0,310 mg
  • Niacina 0,200 mg
  • Vitamina B6 0,129 mg
  • Vitamina K 250 µg
  • Folati 9 µg
  • Potassio 330 mg
  • Calcio 120 mg
  • Fosforo 60 mg
  • Sodio 41 mg
  • Magnesio 21 mg
  • Selenio 0,9 µg

Le proprietà e i benefici

Le proprietà nutrizionali e i benefici per la salute del crescione sono molto interessanti perché, come la maggior parte delle verdure a foglia verde, contiene poche calorie, ma è ricco di acqua, vitamine e sali minerali. Il consumo regolare di questa insalata è associato alla prevenzione dell’osteoporosi, perché ottima fonte di calcio, ma anche dell’anemia e della carenza di vitamina A e sembra poter proteggere dalle malattie cardiovascolari. In caso di anemia, si consigliano i centrifugati da bere a digiuno.

Pare essere in grado di svolgere il ruolo di un ottimo alleato della buona coagulazione e della salute dei neuroni, per la presenza vitamina K. È diuretico e depurativo ed è anche un ottimo disinfettante, grazie all’alta percentuale di zolfo. Se vuoi fare il pieno di tutte le vitamine e dei minerali, si consiglia di consumarlo fresco, perché con la cottura un’elevata percentuale di valori nutrizionali si disperde.

Le controindicazioni

Sono numerose le proprietà, ma non mancano le controindicazioni per il crescione, che pare interferire in caso di assunzione di clorzoxazone, litio e warfarin. Inoltre, contiene glicosidi solforati ed è sconsigliato alle persone che hanno patologie renali (nefriti), ulcere e gastriti.

Gli usi in cucina

Il principale uso in cucina del crescione è quello di insalata. Lo puoi quindi mangiare fresco, magari con aggiunta di altre verdure, come il tarassaco, la cicoria, ma anche la lattuga, il radicchio e la valeriana. Altrimenti è ottimo nelle frittate o nelle zuppe, purché sia aggiunto alla fine della cottura. Avendo un gusto un po’ piccante, è ottimo aggiunto a salse e a formaggi freschi.

Fonte | Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.