Le proprietà del pompelmo rosa, il più giovane degli agrumi

Ha un colore quasi romantico e un gusto aspro. Il pompelmo rosa è in Europa da meno di un secolo e prima di diventare famoso nel Vecchio Continente è stato apprezzato dalle star di “Hollywood”. E’ un frutto detossinante e ipocalorico, ideale se ritrovare la linea e fare il pieno di antiossidanti.
Valentina Rorato 16 Settembre 2021
* ultima modifica il 05/10/2021

Il pompelmo rosa assomiglia esteticamente a un’arancia, anche se è un po’ più grande e ha un bellissimo colore. È un frutto con pochissime calorie. Per questo motivo è molto apprezzato da chi segue una dieta dimagrante, ma non sono le sue uniche proprietà. Le conosci già tutte? Scopriamolo insieme.

Il frutto

Il pompelmo rosa è un frutto giovanissimo, perché lo conosciamo da circa 300 anni. E non lo avremmo mai scoperto se non fosse stato per il capitano Shaddock, un comandante di nave inglese del XVII secolo che portò i semi del pomelo dalle Indie orientali e li consegnò alle Indie occidentali nel 1693.

Un'altra teoria è che il pompelmo potrebbe essere stato un incrocio tra il pomelo e un'arancia, sebbene non esistano registrazioni di un'ibridazione deliberata. In entrambi i casi, il pomelo, originario della Malesia e dell'Indonesia, sembra aver generato il pompelmo che inizialmente era un frutto di dimensioni più piccole e più somigliante a un'arancia.

Nel 1750 era conosciuto alle Barbados come il "frutto proibito", nome che arrivò in Giamaica nel 1789, a causa del suoi sapore aspro. Lì il pompelmo era anche chiamato "il piccolo shaddock" in onore del capitano Shaddock, di cui abbiamo parlato prima.

Il pompelmo rosa, molto popolare oggi, è famoso soprattutto perché produce un succo rinfrescante e dal colore bellissimo, ma è arrivato molto tardi in Europa, dopo la seconda guerra mondiale, quando gli americani lo commercializzavano oltreoceano come protagonista della colazione delle star di Hollywood.

I valori nutrizionali

Ecco i valori nutrizionali del pompelmo per 100 grammi di prodotto edibile.

  • Acqua 91.2 grammi
  • Calorie 29 kcal
  • Proteine 0.6 grammi
  • Lipidi 0 grammi
  • Colesterolo 0 mg
  • Carboidrati 6.2 grammi
  • Fibra totale 1.6 grammi
  • Sodio 1 mg
  • Potassio 230 mg
  • Calcio 17 mg
  • Fosforo 16 mg
  • Ferro 0.3 mg
  • Vitamina C 40 mg
  • Acido folico 27 μg

Le proprietà e i benefici

Il pompelmo rosa ha in realtà le proprietà e i benefici degli altri pompelmi (qui trovi tutti i dettagli). È una fonte di fibre, potassio, pectina e altri nutrienti, fondamentali per la tua salute. È ricco di vitamina C, importante per promuovere il buon funzionamento del sistema immunitario ma anche per contrastare i radicali liberi. Contiene molta acqua. In altre parole, se vuoi favorire i naturali meccanismi che permettono al tuo organismo di eliminare le sostanze di scarto, consuma questo frutto. Inoltre, pare essere utile per combattere le malattie gengivali. Nella credenza popolare, il pompelmo è considerato anche un energizzante e un induttore dell'umore felice, di cui tutti abbiamo bisogno ogni tanto. Berne un bicchiere alla mattina potrebbe quindi fare bene al corpo e anche alla mente.

Le controindicazioni

Il pompelmo rosa è un frutto acido quindi è controindicato se soffri di infiammazione gastrica. Evitalo se stai assumendo medicinali che vengono smaltiti dal citocromo P450, perché questo agrume inattiva tale struttura determinando un sovradosaggio in sostanze come: ansiolitici, antibiotici, pillola anticoncezionale, cortisone e simili, medicinali per abbassare il colesterolo come le statine e così via. Il consiglio è quello di consultare sempre il medico per qualsiasi dubbio.

Usi in cucina

Il pompelmo rosa può essere un protagonista della tua colazione, grazie al suo delizioso succo, oppure lo puoi consumare a fette proprio come faresti con un arancio. Può essere abbinato ai tuoi dolci, per esempio ai pancake, allo yogurt e aggiunto alle insalate di frutta ma anche di verdura. È delizioso con il finocchio, grigliato e condito con il miele, o usato per preparare granite, sorbetti o gelati. Si sposa benissimo con il pesce, soprattutto il salmone e i crostacei, ma non è male per aggiungere una nota acida alle carni bianche, come il pollo.

Fonte | Crea

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.