Le proprietà della semola, la farina di grano duro

E’ considerato un prodotto italiano, in realtà la semola si trova davvero in tutto il mondo ed è protagonista di grandi piatti, come il cous cous o i famosi gnocchi di semolino, detti anche alla romana. Conosci le sue proprietà nutrizionali?
Valentina Rorato 27 Settembre 2022
* ultima modifica il 27/09/2022

La semola è una farina che si ottiene dalla macinazione del grano duro (Triticum durum). È un prodotto ricco di amido e contiene anche una buona percentuale di proteine, tra le quali è presente anche il glutine.

Che cos’è

La semola è una farina di grano duro. Ha un colore giallo ed è ricca di proteine. È caratterizzata da un sapore leggermente nocciolato e dolce e una consistenza grossolana simile alla farina di mais. Nella versione rimacinata, la semola di grano duro è appunto macinata due volte ed è leggermente più chiara rispetto a quella originale. Tuttavia le sue proprietà rimangono intatte e continua a essere un alimento caratterizzato da un’alta digeribilità.

È considerata una farina ad alto contenuto di glutinee proprio per questo motivo è particolarmente adatta per fare la pasta, ma si può usare anche nel pane, nei prodotti da forno e nel cous cous. La semola è disponibile in tutto il mondo.

Valori nutrizionali

Questi sono i valori nutrizionali della semola per 100 grammi di prodotto:

  • Acqua 14 gr
  • Calorie 346 kcal
  • Proteine 11.5 g
  • Lipidi 0.5 gr
  • Colesterolo 0 mg
  • Carboidrati 76.9 gr
  • Fibra totale 3.6 gr
  • Sodio 12 mg
  • Potassio 170 mg
  • Calcio 17 mg
  • Fosforo 165 mg
  • Ferro 1.3 mg
  • Tiamina 0.19 mg
  • Riboflavina 0.15 mg
  • Niacina 2 mg

Proprietà e benefici

La semola è un prodotto molto interessante da un punto di vista nutrizionale. Prima di tutto è ricca di proteine, che sono  costituite da aminoacidi. Il tuo corpo produce molti aminoacidi, ma nove di questi devono provenire dal cibo che mangi. ‌La semola ti permette quindi di assumere proteine, senza i grassi saturi della carne. È dunque ottima, sia se stai seguendo una dieta vegetariana sia se vuoi perdere peso, con alimenti che ti mantengono sazio più a lungo.

Se ultimamente ti senti stanco, potresti essere a corto di ferro. Ecco un altro minerale che puoi assumere proprio con questo alimento (ferro non eme). È inoltre un cibo a basso indice glicemico: questo valore misura la velocità con cui il tuo corpo può digerire un alimento e trasformarlo in zucchero nel sangue. Tuttavia, la semola è una buona fonte anche di carboidrati, quindi se stai cercando di ridurre gli zuccheri, devi evitare. Al tempo stesso, l’assenza di colesterolo, la rende indicata da soggetti con problemi cardiovascolari.

Controindicazioni

La semola è un cereale contenente glutine, inadatto a chi soffre di celiachia o a chi è allergico al frumento. Inoltre, è controindicata l’assunzione di pasta di semola se stai già assumendo  integratori di ferro, perché potresti influire negativamente sull’assorbimento di questi ultimi da parte dell’organismo.

Usi in cucina

La semola è un prodotto molto usato in cucina, soprattutto in Italia. Il famoso semolino è forse il piatto più noto, ma sono una ricetta tradizionale anche gli gnocchi alla romana. Nei paesi europei, la semola viene utilizzata anche per i budini dolci e può formare una specie di porridge una volta bollita. Tuttavia, l'uso numero uno per la semola è nella pasta, nel bulgur, nel pane e nel cous cous, che può essere a base di verdure o di pesce, aromatizzato con lo zafferano o altre spezie.

Fonti | Humanitas; Crea

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.