Perché il caffè può far venire la nausea? Tutte le cause

Dopo aver bevuto un caffè potresti avvertire una strana nausea, associata a un possibile gonfiore. Purtroppo, questa bevanda se assunta in dosi eccessive o a stomaco vuoto potrebbe avere uno spiacevole (quanto transitorio) effetto collaterale.
Valentina Rorato 19 Gennaio 2023
* ultima modifica il 28/01/2023

La mattina sembra proprio non voler decollare senza un bel caffè. Per molte persone è un’abitudine imprescindibile per iniziare la giornata, ma anche per ritrovare l’energia o la carica in situazioni di stanchezza. Può succedere, però, che ogni tanto faccia venire la nausea, ti sei mai chiesto perché? Dito puntato contro la caffeina che, nelle giuste dosi, è energizzante, ma che se assunta eccessivamente può avere fastidiosi effetti collaterali, come la nausea, soprattutto se si ha lo stomaco sensibile. I motivi sono i seguenti:

Aumenta l’acidità

La caffeina è uno stimolante, quindi incoraggia il sistema digestivo a lavorare un po' più velocemente, inclusa la creazione di più acido gastrico del necessario. Stimolare lo stomaco, specialmente quando è vuoto e può assorbire rapidamente la caffeina, può causare nausea. Rilassa anche lo sfintere gastroesofageo, l'apertura nella parte inferiore dell'esofago dove il cibo viene svuotato nello stomaco. Quando questo sfintere si rilassa, può consentire all'acido dello stomaco di fuoriuscire nell'esofago, che può causare reflusso acido, bruciore di stomaco e nausea.

Effetti diuretici

La caffeina ha effetti lassativi e diuretici, il che significa che promuove l'escrezione di acqua dal tuo corpo, in un modo o nell'altro. Un diuretico fa sì che l'acqua venga prelevata dal sangue e nel sistema digestivo e ciò può provocare nausea o diarrea.

Lattosio e dolcificanti

Fai molta attenzione, perché spesso non è colpa del caffè, ma di come lo bevi. Il latte e il dolcificante possono  irritare lo stomaco e, a loro volta, causare nausea. Pare infatti che i dolcificanti possano alterare il microbioma dell’intestino, provocando ulteriore disagio alla pancia. Inoltre, se noti disturbi dopo aver bevuto un caffè macchiato, potrebbe essere il sintomo di un’intolleranza al lattosio.

Interazioni con i farmaci

Se il caffè ha iniziato solo di recente a farti venire la nausea, allora le cause precedenti potrebbero non spiegare il problema. Controlla le interazioni con eventuali nuovi farmaci, soprattutto se stai seguendo una terapia antibiotica.

Interazione con cortisolo

Un'altra possibile ragione per cui il caffè potrebbe farti venire la nausea è l'effetto che ha sui tuoi ormoni. Sappiamo che la caffeina è uno stimolante e che può darti una grande carica di energia quando ne hai bisogno. Quello che potresti non sapere è che la caffeina promuove anche l'escrezione di alcuni ormoni, in particolare il cortisolo, ovvero l'ormone dello stress. L’essere nervoso può favorire il senso di nausea.

Come si previene

Se non vuoi rinunciare al tuo caffè, puoi cercare di prevenire il piccolo disturbo. In realtà, non devi fare molto, ma certamente devi usare il buon senso.

  • Ricordati di mangiare: il consumo di caffeina a stomaco vuoto aumenta il rischio di nausea. Mangia prima di bere un caffè. Qualsiasi cosa andrà bene! Ma i cibi ricchi di proteine ​​sono i migliori perché rallentano il tasso di digestione e aiutano a ridurre la sensazione di nausea.
  • Bevi acqua. Mentre una piccola quantità di caffeina non ti disidrata, una grande quantità ha proprietà diuretiche eliminando acqua ed elettroliti importanti dal corpo. Bere molta acqua va a reintegrare quello che eventualmente hai perso.
  • Bevi caffè nero. Se sai di essere intollerante al lattosio o comunque i dolcificanti ti disturbano, prova a bere caffè nero e ad abbandonare lo zucchero o il latte.
  • Riduci i consumi. Più caffeina consumi, più è probabile che tu abbia la nausea. Sostituire o alternare il caffè con altre bevande calde come una tisana può aiutare a ridurre l'assunzione aumentando l'idratazione.

Fonti | Fondazione Veronesi; Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.