A 30 anni perderai gli amici che avevi a 20, ma con un po’ di impegno ecco come evitarlo

Sono i 10 anni che influiscono di più sulla tua vita. Tra lavoro e università, i cambiamenti sono davvero tanti e i nuovi incontri non si riescono nemmeno a quantificare. Così, per far spazio ai legami più recenti, ti ritroverai senza volere a eliminare quelli più vecchi e meno profondi. Fai attenzione però: non trascurare troppo gli amici di una vita, perché rimangono un punto di riferimento.
Giulia Dallagiovanna 6 Gennaio 2020

One in, one out: per uno che entra, un altro se ne deve andare. Secondo uno studio dell'Università di Oxford, questo è quello che accade alla tua cerchia di amicizie mentre ti avvii piano piano all'importante soglia dei 30 anni. I tuoi amici delle elementari, quelli senza i quali non facevi un passo fuori casa e con cui, magari, avevi anche fondato un club segreto promettendovi un eterno legame, ora li vedi più sui social che dal vivo. La compagnia delle superiori? Tra università lontane, viaggi studio all'estero e chi ha scelto invece di iniziare subito a lavorare, ormai conducete stili di vita completamente diversi e ti sembra che non abbiate più nessun punto in comune. Nel frattempo però sono entrate tante altre persone nella tua vita e ti accorgi che ormai i tuoi rapporti sociali sono costituiti soprattutto da loro.

Questo significa che sei superficiale e che ti dimentichi facilmente dei vecchi amici? No, vuol dire semplicemente che stai cambiando, ti stai ritagliando una tua individualità e, allo stesso tempo, lo stanno facendo anche gli altri. I ricercatori hanno infatti dimostrato che le amicizie coltivate a 20 anni sono destinate a perdersi una volta che si raggiungono i fatidici 30. Per non parlare degli ex compagni di banco.

La selezione è necessaria, ma fai in modo che non sia troppo drastica

Sono proprio questi i 10 anni che più incidono sulla tua vita: devi scegliere se proseguire gli studi o iniziare a lavorare. Perciò accadrà che una parte della compagnia prenda case in affitto in diverse città per frequentare l'università, mentre i restanti inizino a guadagnarsi uno stipendio che magari gli farà decidere di costruirsi una famiglia mentre tu devi ancora aggiungere la tua prima esperienza sul curriculum. E poi farai nuovi incontri e dovrai lasciar loro un po' di posto nella tua vita, eliminando via via i rapporti meno stretti.

Non è per forza un male, la selezione è necessaria per capire su quali legami investire davvero e quali invece possono essere lasciati andare. E in questo caso, vale sempre la regola del meglio pochi ma buoni. Cerca però di non trascurare troppo gli amici di vecchia data, quelli che hanno imparato a conoscerti fin da piccolo e che saranno sempre un punto di riferimento per capire dove stai andando. Magari non riuscirai più a sentirli tutti i giorni, ma mantieni i contatti e prova a fissare qualche cena ogni tanto. Come ti abbiamo già spiegato su Ohga, l'amicizia fa bene alla mente e alla salute ed è un peccato gettar via rapporti che prima coltivavi con tanto impegno.