L’amicizia fa bene all’anima, alla mente e alla salute

Avere buoni amici è fondamentale per stare bene. Non solo è stato dimostrato che ha effetti positivi sull’umore, ma ne ha anche sulla tua salute psico-fisica. Senza quindi dimenticare il detto “Meglio pochi, ma buoni”, ricordati di coltivare le tue buone amicizie.
Gaia Cortese 31 Gennaio 2019

Si inizia già dai banchi di scuola, ma di quella materna, quando io e te potevamo avere giusto quattro o cinque anni. Tra i compagni di classe iniziano a delinearsi i primi amici e tra questi, prima o poi, qualcuno primeggia come migliore amico, o meglio, amico del cuore. Tralasciamo magari che a quella età, l’amico del cuore è migliore amico per un giorno e che, a causa di una banale discussione per chi deve fare la conta a nascondino, può essere temporaneamente rimpiazzato. Può capitare. Quello che è chiaro è che di un amico si ha bisogno, sempre.

Il migliore amico o la migliore amica è la persona con cui si ha qualcosa in comune: lo stesso modo di comportarsi, di giocare o di pensare, la stessa passione per un gioco, uno sport o un passatempo, e in particolare, la stessa voglia di passare del tempo insieme.

Ho sempre pensato che il più grande privilegio, sollievo e conforto dell’amicizia è che non si deve spiegare nulla.

Katherine Mansfield

Con un amico si condivide la passione per la stessa squadra di calcio, con un’amica le chiacchiere davanti a un caffè, un pomeriggio di shopping o il corso settimanale di Pilates in palestra. Per scoprire che piace fare qualcosa insieme, ma che è ancora più bello farlo perché lo si condivide con una persona speciale.

L’amicizia fa bene all’anima? Molto di più. Secondo un recente studio dell’Università britannica di Oxford, l’amicizia è meglio della morfina. Avere buoni amici aiuta a sopportare meglio il dolore e a combattere l’ansia e la depressione; questo perché un rapporto di amicizia aiuta a liberare endorfine, sostanze prodotte dal cervello che regolano l’umore e hanno un effetto pari a quello degli antidolorifici naturali. Le ricerche fatte suggeriscono anche che la quantità e la qualità delle nostre relazioni sociali influenzino sia la salute mentale sia la salute fisica, e di conseguenza anche la nostra aspettativa di vita.

Chi guarda un vero amico, è come se si guardasse in uno specchio.

Cicerone

Nell’epoca digitale in cui viviamo viene da chiedersi se si possano considerare amici tutte quelle persone che fanno parte della nostra personale community di amici sui vari social network e se, anche in questo ambito, si possano considerare i benefici di un’amicizia per lo più virtuale. Probabilmente i vari Facebook, Instagram, Twitter possono aiutarti a non perdere di vista delle conoscenze, ad avere notizie di un amico che non vedi da tempo, a scambiare rapidamente qualche messaggio con chi sei solito incontrarti, ma quella che io considero una vera amicizia ha bisogno di qualcosa di più. Un momento per vedersi e scambiare due parole, per vedere un sorriso, per esprimere il proprio affetto con un abbraccio o una pacca sulla spalla. L’amicizia è questa. E la nostra società non può ignorarlo.

Fonti | Università britannica di Oxford