Come scegliere il reggiseno più adatto alla pratica dell’attività sportiva

La scelta di un reggiseno sportivo non può essere dettata solo dal colore del modello appena uscito sul mercato, ma deve rispettare alcune precise caratteristiche. Oltre alla taglia e alla coppa, occorre valutare la vestibilità e la qualità del tessuto.
Gaia Cortese 23 Febbraio 2022

Si tratti di yoga. fit boxe o pilates, quando fai sport, non puoi “dimenticarti” di indossare un reggiseno sportivo. Eppure, sembra che quasi metà delle donne che praticano sport non si attenga a questa regola.

Il reggiseno sportivo è fondamentale e andrebbe indossato ogni volta che si fa dell’esercizio fisico. A forza di non indossarlo si rischia di indebolire la struttura della ghiandola mammaria provocando una perdita di tono del seno e favorendo la comparsa delle smagliature. Questo perché il seno non ha una vera e propria muscolatura, ma è composto principalmente dall'epidermide e dai cosiddetti legamenti di Cooper che conferiscono al seno la sua forma e tengono uniti il tessuto ghiandolare a quello adiposo sotto la pelle. Insomma, i muscoli pettorali si possono sempre allenare, ma perché non tutelare l'aspetto del seno evitando innanzitutto la perdita di tono?

E non è solo una questione estetica. Indossare un reggiseno adatto all’attività fisica ti consente di praticare sport con maggiore comfort senza provare fastidio mentre ti muovi, corri o salti. Oltretutto, il reggiseno sportivo negli ultimi anni è diventato sempre più un capo di abbigliamento curato nella linea e nei dettagli, tanto da diventare parte rilevante dell'outfit sportivo delle donne.

Quanto deve contenere

Per scegliere un reggiseno sportivo, occorre ovviamente individuare la taglia e la coppa più adatte alle dimensioni del proprio seno, ma non basta. Deve essere valutata anche la categoria di contenimento (low, mid o high impact) in base anche all’impatto dell’attività sportiva che si pratica.

Categorie di contenimento

Low impact

Se, per esempio pratichi yoga, pilates o stretching, o ancora, la semplice camminata. tutte queste sono attività a basso impatto e il reggiseno sportivo ideale per attività di questo tipo avrà il compito di sostenere, garantendo comunque un certo livello di comfort senza troppe difficoltà.

Mid o medium impact

Tra le attività di moderata intensità si considerano invece tutte quelle praticate in palestra nell’ambito del cardio fitness, ma anche la danza, la pallavolo, il running. In questo caso le coppe del reggiseno sportivo, di norma disponibili fino alla coppa C. devono sostenere correttamente il seno e per questo motivo saranno un tantino più strutturate.

High impact

Per attività come il Total training, in cui si salta e si corre, o ancora come il calcio e il basket, in cui è inevitabile anche lo scontro fisico, è meglio optare per un reggiseno ancora più strutturato, che garantisca un sostegno anche per i seni più prosperosi. In questa categoria, di norma i modelli disponibili vanno dalla coppa C alle taglie forti.

Spalline dritte o incrociate?

Oltre l’80 per cento del supporto del reggiseno sportivo dipende dalla fascia inferiore, che non deve essere né troppo alta né troppo lenta, altrimenti non sostiene. E poi sono le spalline, di norma abbastanza larghe, che possono essere incrociate a "x"sulla schiena o diritte. Nel primo caso le spalline incrociate sono ideali per un seno prosperoso su un corpo magari più esile, mentre quelle diritte vanno bene per un seno piccolo e proporzionato alla corporatura.

Tessuto tecnico e traspirante

Il tessuto di un reggiseno sportivo deve essere assolutamente tecnico e traspirante per evitare sfregamenti e arrossamenti della pelle a causa del sudore. Pertanto il tessuto dovrebbe essere liscio nella parte a contatto con la pelle, in grado di asciugarsi rapidamente per garantire il massimo comfort. Infine, per lo stesso motivo, un reggiseno sportivo dovrebbe essere privo di ganci, ferretti e cuciture fastidiose.

Sai come lavarlo?

Dal momento che con i lavaggi in lavatrice spesso e volentieri si rischia di rovinare definitivamente capi di abbigliamento anche di qualità, evitiamo di farlo anche con il reggiseno sportivo appena acquistato. La lavatrice andrebbe evitata perché è la prima causa della perdita di elasticità del tessuto. Meglio lavare a mano con acqua tiepida e un sapone delicato, non appena terminato l'allenamento.