Conosci la meditazione camminata? Ecco come puoi meditare anche in ufficio

Forse non lo sapevi, ma è possibile meditare anche in movimento, semplicemente “camminando”. Questa tecnica di meditazione è stata praticata dal Buddha e fatta conoscere nel mondo dai suoi seguaci. La sua particolarità è che può essere praticata ovunque: a casa, in ufficio o mentre cammini per strada.
Gaia Cortese 17 febbraio 2020

C’é un modo diverso per meditare che non incrociare le gambe su un tappetino da yoga: semplicemente camminare. A dire il vero non è che basti semplicemente andare a passeggio. La meditazione camminata è una vera e propria tecnica per meditare, praticata per la prima volta dal Buddha, quando era solito vagare a piedi nudi, in solitudine o accompagnato dai suoi seguaci, attraverso le terre dell’India.

Si tratta di una camminata lenta e consapevole che permette di sentire sia il corpo che la mente. Una tecnica di meditazione che si adatta perfettamente ai tempi moderni, in cui è sempre più difficile trovare il tempo sufficiente per concedersi un momento per rilassarsi. Così, se vuoi meditare, puoi farlo camminando.

Alla diffusione di questa pratica ha contribuito il monaco buddhista Thich Nhat Hanh, impegnato nella vita a insegnare l'arte di vivere in consapevolezza.

Come iniziare

La prima domanda che viene da porsi è: "come iniziare a praticare la meditazione camminata?". Esistono diverse tecniche per praticare. Il mio consiglio è provare con quella che ti fa sentire più a tuo agio.

Camminare da qui a là è anche vita e devo essere capace di godermi ogni passo che faccio.

Thich Nhat Hanh

Tra tutte io preferisco quella che si basa sulla percezione delle varie parti del corpo. Si inizia “sentendo” le piante dei piedi. Durante l’appoggio di un piede sul pavimento, devi provare a percepire il tallone che tocca terra, poi l’avampiede e, a seguire, le cinque dita del piede. Prova a sentire come cambia la distribuzione del peso man mano che appoggi tutto il piede a terra. Poi porta l’attenzione anche alle caviglie e ai polpacci, alle ginocchia e alle cosce, fino al bacino. Tutte queste parti del corpo, infatti, partecipano alla camminata e si modificano ogni volta che i piedi si muovono.

Anche la colonna vertebrale partecipa al movimento: prova ad ascoltarla, portando la tua mente anche al petto, alle spalle e alle braccia che si muovono. Infine percepisci i cambiamenti all’altezza del collo e della testa. Tutto questa attenzione dovrebbe essere una costante durante l’intera durata della camminata. Per quanto sembri una sequenza piuttosto laboriosa, di volta in volta, con la pratica, tutto ti sembrerà più semplice e naturale.

Un’altra tecnica di meditazione camminata abbastanza diffusa prevede invece una sorta di mantra, vale a dire determinate parole che vengono ripetute nella mente.

Parti con entrambi i piedi paralleli e alza un piede in modo lento e stabile. Mentre lo porti in avanti, ripeti mentalmente la parola avanzare. Appoggia il tallone e poi l’intera pianta del piede, provando a percepire le sensazioni che ti arrivano nel momento in cui il piede tocca il suolo e ripeti nella tua mente la parola toccare. Mentre poi sposti il peso del corpo sul piede in “movimento”, ripeti mentalmente la parola spingere. Infine, alzando l’altro piede comincia a percepire l’equilibrio raggiunto e ripeti mentalmente la parola stare.

Dove praticare

Il vantaggio di imparare a praticare la meditazione camminata è che una volta presa padronanza di questa tecnica, puoi meditare ovunque desideri. Puoi meditare camminando sul pavimento di casa, ma anche lungo il corridoio del tuo ufficio mentre ti sposti dalla tua scrivania alla sala riunioni. Puoi meditare mentre porti a spasso il cane o lungo un tragitto che compi abitualmente nella tua giornata. Un passo alla volta riuscirai a focalizzarti sul qui e ora e procederai con consapevolezza nella tua meditazione.

I benefici della meditazione camminata

La pratica e la costanza sono le chiavi del successo per apprendere questa tecnica di meditazione. Per questo motivo non devi scoraggiarti se nei primi tempi ti accorgi di essere distratto da rumori, pensieri e sensazioni. Ricordati solo che la camminata deve essere più lenta possibile e che la tua attenzione deve essere sintonizzata sui movimenti del tuo corpo.

Il vero miracolo non è volare in aria o camminare sulle acque, ma camminare sulla terra.

Li Lin Chi

Non preoccuparti, i benefici ottenuti con la meditazione camminata ti ricompenseranno di tutte le fatiche. Non solo è un ottimo modo per disciplinare la mente, ma migliora anche la capacità di concentrazione e la percezione di se stessi. La meditazione camminata aumenta il benessere psicofisico, allevia lo stress e contribuisce a ridurre eventuali stati di ansia.