Lo yoga conquista le forze dell’ordine: non solo piace, ma allontana anche lo stress

Agenti della polizia, paramedici e vigili del fuoco impegnati in lezioni yoga per combattere lo stress sul lavoro e nella vita privata di tutti i giorni. L’idea è di Olivia Mead, insegnante di yoga con 15 anni di esperienza e, nonostante un’iniziale reticenza da parte delle forze dell’ordine, alla fine lo yoga è stato accolto con entusiasmo.
Gaia Cortese 31 luglio 2019

Yoga pensato per combattere lo stress delle forze dell'ordine. È l'idea di Olivia Mead, istruttrice di yoga con più di 15 anni di esperienza, per aiutare i responsabili del primo intervento: vigili del fuoco, paramedici e agenti della polizia.

E l'idea non è così strampalata. I casi di disturbo da stress post-traumatico sono molto diffusi nelle forze dell'ordine: in America oltre il 25% dei poliziotti soffre di stress fisico, mentre più del 40% riporta problemi nel sonno o di natura psicologica.

“Quando sei per strada in mezzo alla confusione o in un incendio avvolto dal fumo, avere il controllo della situazione e del proprio corpo è di vitale importanza per sé e per gli altri – ha spiegato Olivia Mead -. Molti agenti maschi vedevano lo yoga come pratica femminile non ne conoscevano la realtà e l'importanza, ma il desiderio di fare bene il proprio lavoro ha prevalso su tutto il resto e ho notato piano piano gli agenti prendere molto seriamente gli esercizi".