Maratoneti avvisati: il primo appuntamento dell’anno sulla distanza di 42 km è la Maratona di Ragusa

Domenica 26 gennaio si corre la maratona di Ragusa, il primo appuntamento dell’anno sulla distanza dei classici 42 km. Le temperature più miti garantite dal clima della Sicilia ne fanno un appuntamento ideale per rimettersi le scarpe da running ai piedi e testare la propria preparazione atletica.
Gaia Cortese 19 gennaio 2020

È la prima maratona dell’anno in calendario. E gli appassionati di maratona lo sanno, Ragusa garantisce temperature più idonee per indossare maglietta e calzoncini da corsa; per questo motivo, il primo appuntamento dell’anno sulla tradizionale distanza dei 42,195 metri è proprio qui in Sicilia, in quella che viene chiamata la “città dei ponti”.

Una maratona che si contraddistingue innanzitutto per il fattore climatico, e che rappresenta per tutti gli atleti un ottimo test per valutare la propria preparazione atletica in vista delle maratone che seguiranno nel corso dell'anno.

Un po’ di storia

In passato la Maratona di Ragusa era conosciuta come Hybla Barocco Marathon. Nasce nel 2003 grazie alla volontà di Elio Sortino ed Emiliano Ottaviano, il primo atleta ragusano che riesce ad arrivare al traguardo della maratona e a cui, ancora oggi, viene dedicato il premio della competizione. È nata con spirito pionieristico, ma negli anni è diventata una manifestazione nazionale, che vede la partecipazione di numerosi atleti provenienti da diverse parti d'Italia.

La Straragusa e la Camminata

In concomitanza alla maratona, il 26 gennaio si corre anche la Straragusa sulla distanza dei 21,097 km, con partenza sfalsata in modo che chi partecipa alla maratona, dal 23esimo km in poi incontri sul tracciato i partecipanti della mezza maratona; lo stesso giorno, per i meno allenati, è stata inserita nel programma anche una Camminata veloce sempre sulla distanza dei 21,097 km, con partenza dalla parte alta di Ragusa.
Infine, con l’obiettivo di diffondere il messaggio che il movimento fa bene a tutti ed è indicato a tutte le età, viene organizzata anche una Family run aperta a tutti, che si sviluppa sulla distanza di 5 km e ha partenza da piazza San Giovanni, nei pressi della bellissima Cattedrale, riconosciuta come Patrimonio dell'Unesco e inserita nella World Heritage List.

Il percorso della maratona

Il percorso della maratona di Ragusa è molto suggestivo perché attraversa la campagna nei dintorni della città, dove in alcuni punti sembra che il tempo si sia fermato. Dopo i primi 5 km in città, infatti, i successivi 32 km della maratona di Ragusa si sviluppano per lo più nelle aree rurali dell’Altopiano; proprio qui si ha la possibilità di correre su tratti in sterrato e attraverso il villaggio di Tre Casuzze, lungo un percorso caratterizzato dai tradizionali muretti a secco, simbolo del paesaggio rurale alla periferia della città di Ragusa. Dal 32esimo chilometro in poi, il percorso è in costante discesa fino ad arrivare al 38esimo chilometro dove, attraverso il Ponte Vecchio, si raggiunge il centro storico.

La maratona di Ragusa dà la possibilità di passare accanto a diversi monumenti storici come la Chiesa di Santa Maria delle Scale, il Palazzo Cosentini, la Chiesa del Purgatorio e il Palazzo Sortino-Trono. L’ultimo chilometro della gara, infine, mette a dura prova i concorrenti presentando ancora 300 metri di salita lungo alcune stradine stretteche conducono al traguardo finale in piazza Duomo.

Come iscriversi

C?è tempo fino al 19 gennaio per iscriversi alla maratona di Ragusa, al costo di 30 euro. Modulistica e informazioni generali si trovano a questo link.