Olimpiadi di Tokyo 2020 rinviate al 2021 a causa del Coronavirus (ma non cambiano nome)

Anche le Olimpiadi di Tokyo, in programma ad agosto 2020, sono state rinviate al 2021. La decisione è giunta a causa dei contagi da Coronavirus che avrebbero messo a serio rischio la salute di atleti e spettatori.
Alessandro Artuso 25 marzo 2020

Dopo i campionati europei di calcio saltano anche le prossime Olimpiadi in programma a Tokyo ad agosto 2020. Il Coronavirus, infatti, è un rischio troppo alto per la salute di atleti e spettatori ed è per questo che il Primo Ministro Shinzo Abe ha annunciato il rinvio al prossimo anno: "I Giochi non si terranno in estate ma nel 2021. L'edizione si chiamerà comunque Tokyo 2020, per non perdere l'investimento sul merchandising e il marchio".

L'emergenza Coronavirus

La fiamma olimpica, quindi, non si accenderà più come previsto il 24 luglio. Si tratta di una perdita economica importante, ma necessaria visti i contagi da Covid-19 che ormai hanno coinvolto tutto il mondo. Le olimpiadi sono state quindi posticipate al prossimo anno contenendo le perdite economiche che un rinvio di questo genere comporta. La decisione è arrivata dopo lunghe riunioni dei vertici del Governo giapponese e del comitato organizzatore.

Alcune nazioni come Stati Uniti e Norvegia avevano già ritirato i suoi atleti dalla competizione. Ora, però, è arrivato l'annuncio tanto sperato con l'obiettivo di evitare alcuna forma di diffusione del virus che ormai ha contagiato centinaia di migliaia di persone.