Ordinare cibo da asporto in modo sano: i 7 consigli dell’Associazione italiana gastroenterologi

Fai attenzione al contenuto di sale, cerca di variare spesso gli alimenti e tieni presente che è importante anche il modo in cui li riscaldi. In questo periodo tenderai probabilmente a fare maggiore uso di cibo da asporto o delle consegne a domicilio, ma lo puoi fare stando attento anche alla tua salute. Ecco come.
Giulia Dallagiovanna 31 Dicembre 2020
* ultima modifica il 27/01/2021

I ristoranti sono chiusi, ma non per questo la tua voglia di cucinare è sempre alle stelle. Ci sono i giorni in cui torni a casa stanco dal lavoro, oppure fissi il frigorifero per ore e non riesci proprio a trovare qualcosa che ti faccia venire l'acquolina in bocca, o anche, semplicemente, vuoi toglierti uno sfizio ogni tanto e ricordarti di quanto ti piaceva il rito dell'aperitivo o della cena fuori con gli amici. È per tutte queste ragioni che nelle ultime settimane avrai ordinato cibo da asporto diverse volte. E con l'arrivo delle feste, questa tendenza potrebbe anche essere aumentata. Il problema è che spesso il tuo menù viene invaso da alimenti fritti, grassi e ricchi di zuccheri. Perché insomma, guardiamoci in faccia: non si ordina un'insalata mista. Per questo motivo l'Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti digestivi ospedalieri (Aigo) ha pensato a 7 consigli che ti possono guidare nella scelta, per cercare di mantenere sempre un'alimentazione sana. Vediamoli insieme:

Non per forza fast food

Il cibo da asporto non deve per forza essere sinonimo di fast food. Per questo motivo, non continuare a ordinare i soliti cibi pronti, ipercalorici e troppo ricchi di sale. Il rischio infatti è quello di favorire il sovrappeso, l'obesità e tutte le possibili patologie correlate. Il consiglio è invece quello di affidarsi al proprio ristorante di fiducia e scegliere piatti che abbiano alla base ingredienti semplici, non lavorati. Ad esempio: gli hamburger sono carne processata, un trancio di pesce invece è un prodotto semplice.

Esistono inoltre alcune catene di fast food che hanno iniziato a promuovere preparazioni un pochino più light. Magari con meno sale, con condimenti meno grassi e così via. Quando proprio non riesci a resistere alla tentazione, potresti ordinare da loro.

Se infine hai dei figli, ricordati che per loro mangiare sano è ancora più importante, perché stanno affrontando il delicato periodo della crescita e dello sviluppo. Ricorda quindi di ordinare anche cibi che fanno bene, come frutta, verdura o yogurt.

Varia gli alimenti

Uno strappo alla regola non influirà sulla tua salute, ma ordinare tutti i giorni lo stesso piatto solo perché è il tuo preferito non è per niente una buona idea. Quando si parla di alimentazione sana infatti si intende proprio l'insieme di abitudini e scelte che contribuiscono a fornirti tutte le sostanze nutritive di cui hai bisogno. Per questo motivo è molto importante variare gli alimenti che ordini.

L'alimentazione sana non è data da un singolo pasto, ma dai piatti che porti in tavola ogni giorno

Un consiglio quindi è quello di selezionare alcuni locali che propongano cucine differenti, includendo nella lista anche chi ha un menù vegetariano, chi è specializzato nel pesce e così via. In questo modo ti sarà più facile provare a seguire la dieta mediterranea anche attraverso il cibo da asporto. Assicurati inoltre che il ristorante da cui ordini conservi il cibo correttamente, soprattutto quando si tratta di ingredienti delicati come il pesce crudo, e che la provenienza di tutti gli alimenti sia tracciabile.

Scegli cibi ricchi di fibre

Pasta, riso, patate, pane non sono da evitare. Anzi, circa la metà delle calorie che assumi dovrebbe provenire proprio dai carboidrati contenuti in questi alimenti e dovresti quindi includerne almeno uno a ogni pasto. Sorpreso? Bè, tieni presente che sono sempre da privilegiare i cereali e le farine integrali, mentre per quanto riguarda le patate, non si parla certo di quelle fritte. Da questi cibi otterrai invece le fibre di cui il tuo organismo ha bisogno e che favoriscono inoltre il mantenimento del peso forma.

Ricorda poi di aggiungere sempre verdura e frutta fresca, anche sotto forma di spremuta, in modo da non tralasciare le vitamine e i sali minerali.

Fai attenzione al sale

I cibi già pronti, anche quelli che acquisti al supermercato, hanno in media un contenuto di sale più elevato rispetto a quelli che prepari a casa. Ad esempio, una porzione di purè istantaneo presenta circa 20 volte la quantità di sale che si può trovare in quello casalingo. Quindi non aggiungerne altro quando li riscaldi o li metti in tavola. Se proprio vuoi insaporire il piatto, punta sul qualche spezia.

Non esagerare con l'alcol

Il fatto di dover rimanere a casa, e quindi di non aver bisogno di guidare, non ti dà l'autorizzazione per esagerare con il quantitativo d'alcol che puoi bere. Tra l'altro, non devi neanche compiere troppi sacrifici: un bicchiere di vino durante il pasto sembra che possa fare addirittura bene. Dopodiché evita di arrivare spesso alla ben nota situazione in cui la testa gira e i pensieri sono molto confusi. Per una volta non succede niente, ma se ripetuto può nuocere seriamente alla tua salute.

Come riscaldare il cibo

Non ci avrai mai pensato, ma anche gli elettrodomestici che utilizzi per riscaldare il cibo possono avere un impatto sulla tua salute ed è quindi importante imparare a sfruttarli al meglio. Il forno a microonde ad esempio è uno strumento sicuro e che non presenta rischi per l'organismo. Anzi, sembra che proprio la maggiore rapidità con cui cuoce gli alimenti aiuti a preservare meglio i micronutrienti contenuti. Fai però attenzione ad evitare contenitori in melamina che con il calore possono rilasciare sostanze tossiche.

Precauzioni anti-Covid

Oggi dobbiamo tenere conto anche di questo, delle precauzioni che dobbiamo assumere in ogni momento della nostra vita quotidiana, per non rischiare di contrarre il Covid-19. Quando si tratta di cibo da asporto, va detto prima di tutto che non sono ancora stati segnalati contagi avvenuti attraverso questa via. In ogni caso, ricordati di lavarti sempre le mani per bene prima e dopo aver toccato alimenti, soprattutto se questi erano crudi. Inoltre, cerca per quanto possibile di mangiare cibi cotti, in particolare quando si parla di carne o pesce.

Fonte| Comunicato stampa di Aigo

Credits photos: Ufficio stampa Aigo

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.