Snorkeling: cos’è e come scegliere l’attrezzatura per un’immersione in acqua

Non hai bisogno di brevetti o bombole da sub per osservare l’incantevole vita che si trova sott’acqua. Ti basta imparare a fare snorkeling con l’attrezzatura appropriata e seguendo alcuni consigli, primo tra tutti, il rispetto per la vita marina, perché in natura l’uomo è solo un osservatore.
Gaia Cortese 6 Luglio 2020

C‘è un modo per osservare la vita sott’acqua senza per forza dover indossare le bombole da sub. È lo snorkeling, un’attività accessibile a tutti, per cui non occorre necessariamente essere degli sportivi. Il termine inglese snorkeling significa “osservare il fondo del mare nuotando in superficie, usando maschera e boccaglio”, e in effetti, di questo si tratta. Fare snorkeling non è altro che indossare una maschera dotata di boccaglio, mettere le pinne ai piedi e galleggiare in superficie a pancia in giù per osservare in totale relax le meraviglie della vita in mare.

Senza che sia necessario obbligatoriamente essere dei nuotatori provetti, per fare snorkeling occorre di sicuro una certa acquaticità. Il punto è che per goderti lo spettacolo sott’acqua, devi essere rilassato, e per questo ti servirà solo imparare a usare bene il boccaglio per respirare correttamente e muovere semplicemente le gambe come nello stile del crawl per muoverti in acqua. Oltretutto se fai snorkeling, sei un osservatore: meno ti muovi, più avrai pesci disposti a nuotare nelle tue vicinanze.

Come scegliere l’attrezzatura

Abbiamo detto che quello che ti serve è una maschera con un boccaglio, possibilmente con una valvola di spurgo, e un buon paio di pinne. Quando scegli la maschera verifica che si adatti perfettamente al tuo viso e che quindi ti risulti comod una volta indossata. Allo stesso modo, anche lo snorkel deve essere di dimensioni adeguate: controlla che si adatti perfettamente alla tua bocca. Infine scegli un paio di pinne a scarpetta; a differenza di quelle a cingolo, questa tipologia di pinne si adatta meglio all’attività dello snorkeling e alle immersioni in apnea in acque calde.

Considera che più le pinne sono lunghe e large, maggiore sarà la propulsione che otterrai in acqua perché ti aiuteranno a procedere più velocemente; di contro, maggiore è la dimensione delle pinne, maggiore sarà lo sforzo che dovrai compiere con le gambe. Come il solito, meglio propendere per una via di mezzo: scegli pinne morbide, leggere e di medie dimensioni e non rischierai di soffrire di crampi alle gambe durante l’attività. Le pinne vanno poi provate a secco e stando in piedi. Non devono stringere troppo il piede, per cui meglio una misura in più che in meno per non rischiare che ti diano fastidio in acqua.

Alcuni consigli per fare snorkeling

Quando indossi la maschera, ricordati di regolare subito le cinghie affinché ti risulti comoda. Provala anche in acqua per accertarti che non ci siano infiltrazioni. Una volta in acqua, indossa il boccaglio circondandolo con le labbra e immergiti prima con il viso e poi con la testa. Respira lentamente e con regolarità attraverso il boccaglio, senza farti prendere dall’ansia: puoi sempre riemergere in superficie e prendere aria con naso e bocca. Non appena avrai raggiunto un ritmo tranquillo di respirazione in acqua, rilassati e goditi lo spettacolo. Se dovesse entrare dell’acqua nel boccaglio, magari a causa delle onde del mare, ricordati sempre di far uscire l’acqua soffiando forte nello snorkel, anche più di una volta se necessario.

Fare snorkeling in compagnia è più divertente che farlo da soli. Se ti trovassi a partecipare ad un’escursione di snorkeling, ricordati di proteggerti dal sole: schiena e gambe rischiano di scottarsi perché mentre osservi (nuotando al fresco) la vita sott’acqua, sei comunque esposto ai raggi del sole. Meglio quindi indossare una t-shirt per attività subacquee, con un grado di protezione dai raggi UV certificato (controlla quanto riportato sull’etichetta); in alternativa, indossa almeno una maglietta bianca per proteggere la schiena e non dimenticarti una crema solare waterproof da spalmare prima di ogni attività prolungata in acqua.

Una volta terminata la tua attività di snorkeling, ricordati di sciacquare con acqua dolce tutta l’attrezzatura, per eliminare ogni residuo di sale. Ultimo consiglio: se dovessi accorgerti che la tua maschera tende ad appannarsi in acqua, puliscila con acqua e dentifricio.