Ti sei mai chiesto perché sbadigliamo?

Lo sbadiglio è un movimento istintivo, poco educato, che indica un momento di stanchezza, fisica e mentale, ma anche fame o noia. Ma da che cosa dipende e soprattutto esiste un modo per evitare di spalancare pubblicamente le fauci? Scopriamo insieme che cosa nasconde uno dei gestiti più misteriosi del corpo.
Valentina Rorato 25 giugno 2020
* ultima modifica il 25/06/2020

Te lo devo confessare: in questo momento sto sbadigliando. Già, perché anche solo pensare allo sbadiglio, può indurti a spalancare la bocca in modo poco elegante. Esistono molte teorie sul perché le persone sbadigliano. Alcune sono semplicemente delle supposizioni popolari altre invece analizzano da un punto di vista fisico questo fenomeno.

La prima cosa da dire è che non tutti gli sbadigli sono uguali. Lo puoi fare per noia, per stanchezza, per stappare le orecchie, per fame o, ti può accadere la mattina, quando ti svegli dopo una lunga notte di sonno. Sbadigliare è una manifestazione istintiva che accomuna tutti gli invertebrati, anche i pesci e gli uccelli.

Che cos’è lo sbadiglio?

Lo sbadiglio è un movimento che coinvolge i muscoli della bocca, della laringe, del torace e il diaframma. Generalmente non è qualcosa che puoi eseguire a comando.  Si tratta di un’azione semi-volontaria, controllata dai neurotrasmettitori nell'ipotalamo. Attraverso lo sbadiglio puoi inghiottire una grande quantità di aria, apportando ossigeno al sangue e stimolando l’attività delle cellule. Serve dunque a dare energia.

Perché sbadigliamo?

Come abbiamo anticipato, sullo sbadiglio ci sono tantissime opinioni ed è un argomento ancora in fase di studio. La prima teoria risale a Ippocrate, il padre della medicina, che ha ipotizzato che questo movimento precedesse uno stato febbrile e che fosse un modo per rimuovere l’aria cattiva dai polmoni. Oggi, questa è una posizione pressoché improbabile.

Funzione respiratoria

Lo sbadiglio, però, può essere definito funzionale alla respirazione. Per esempio, gli sbadigli possono essere più probabili quando il sangue ha bisogno di ossigeno, perché favorisce una grande presa d'aria e un battito cardiaco più veloce, il che potrebbe teoricamente significare che sta pompando più ossigeno attraverso il corpo. Quindi può aiutare a eliminare le tossine dal sangue e fornire un nuovo apporto di ossigeno.

Sintomo di stanchezza

In molti casi, potrebbe semplicemente essere una manifestazione del corpo che si sta preparando per dormire. Quindi è un sintomo di stanchezza che anticipa il sonno. E non è tutto, perché sbadigliare mentre si fa un compito noioso può essere un segno del passaggio del cervello da un alto livello di vigilanza a uno più basso. Hai mai sbadigliato dopo una lunga corsa o una sessione impegnativa in palestra? In questo caso indica una transizione da alta energia a bassa energia, sempre nel cervello.

Sbalzo di pressione

Si può sbadigliare quando si passa da un’altitudine all’altra, per esempio l’accumulo di pressione fa tappare le orecchie e le persone sentono la necessità di sbadigliare per sentirci meglio. Può succederti di sbadigliare anche quando la tua pressione sanguigna cala improvvisamente.

Sistema di raffreddamento

La teoria scientificamente più sostenuta riguarda la regolazione della temperatura del cervello. Un studio, pubblicato sulla rivista Physiology & Behaviour, ha esaminato l'abitudine di sbadigliare di 120 persone e ha scoperto che lo sbadiglio si verifica meno durante l'inverno, quando l'ambiente è più fresco. E gli esperti sono arrivati alla conclusione che se la temperatura del cervello si spinge troppo oltre la norma, l'inalazione di aria può aiutare a raffreddarlo.

Tecnica di risveglio

Un altro motivo per cui potresti sbadigliare è perché il tuo corpo vuole svegliarsi. Il movimento aiuta ad allungare i polmoni e i loro tessuti e consente al corpo di flettere i suoi muscoli e le articolazioni. Può anche forzare il sangue verso il viso e il cervello per aumentare la vigilanza.

Lo sbadiglio è contagioso?

Lo sbadiglio è contagioso, avrai potuto verificarlo in diverse occasioni. Come mai? In realtà è una manifestazione molto soggettiva e dunque non esiste una teoria universale su questo tema, ancora ricco di misteri. Si sostiene che le persone più empatiche siano maggiormente predisposte a sbadigliare se vedono qualcuno farlo. Ciò non vuol dire che se non ti capita mai o sai controllarti, non sei sufficientemente sensibile.

Modi per smettere di sbadigliare

Non c’è nulla di peggio che trovarsi in una situazione professionale importante e avere un unico desiderio: sbadigliare. Come abbiamo detto è un movimento che difficilmente puoi fare a comando, però puoi cercare di trattenerlo. In che modo?

  • Respira profondamente. Fai esercizi di respirazione profonda attraverso il naso.
  • Muoviti. Interrompere quello che stai facendo, con una pausa potrebbe allontanare i sentimenti di stanchezza, stress o noia. Lo sbadiglio eccessivo può anche derivare dall'assunzione di troppa caffeina o dalla disintossicazione da oppiacei.
  • Raffreddati. Trova un luogo dove la temperatura ambientale è più fresca. Può essere sufficiente fare una doccia, consumare qualcosa di freddo, come un gelato o bere una bibita, o andare a fare una passeggiata.

Fonte | San Raffaele; Studio "A thermal window for yawning in humans: Yawning as a brain cooling mechanism" pubblicato su Science Direct

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.