Come chiudere il diastema dentale, quell’evidente spazio tra due denti vicini

Alcuni fanno del diastema dentale un segno distintivo del loro sorriso carico di fascino e sensualità, altri vivono la piccola finestrella tra i denti come il peggiore dei difetti da correggere assolutamente per ritrovare la sicurezza in se stessi. Vediamo cos’è il diastema, perché si forma e quali sono le soluzioni per chiudere lo spazio tra gli incisivi centrali.
Dott. Fabio Cozzolino Specialista in Implantologia e Parodontologia
9 Luglio 2020 * ultima modifica il 04/08/2020

Diastema è il termine medico che si usa per indicare la presenza di uno spazio piuttosto evidente tra due denti contigui. Si tratta di una situazione clinica abbastanza frequente che chi vuole può correggere con trattamenti di tipo ortodontico o protesico. Il diastema infatti non dà particolari problemi funzionali, infatti l’unico disagio è semplicemente di tipo estetico.

Le cause del diastema

Le cause che possono determinare la formazione di un diastema sono diverse:

  • lunghezza e spessore del frenulo gengivale, se la parte di tessuto che collega le labbra con la mucosa gengivale è prominente o ha un’attaccatura troppo bassa, impedisce la naturale tendenza all’avvicinamento degli incisivi;
  • sproporzione tra la dimensione dei denti e della mascella, il diastema infatti può presentarsi sia in caso di lunghezza eccessiva dell’arcata dentaria, sia nel caso in cui i denti siano molto piccoli e non riescono ad occupare tutto lo spazio disponibile;
  • presenza di cisti dentali follicolari o radicolari
  • scarso sviluppo degli incisivi laterali

Diastema nei bambini

Il diastema è abbastanza frequente nei bambini e tra i fattori principali che ne determinano la presenza, sembra ci sia l’abitudine dei più piccoli a succhiarsi il pollice o di utilizzare costantemente il ciuccio.

Tuttavia per quanto riguarda i denti decidui, nella maggioranza dei casi il diastema si risolverà spontaneamente con la dentatura permanente.

L’intervento di un dentista pediatrico per eliminare il diastema è essenziale solo in rari casi e solo quando l’ampiezza dello spazio tra i denti è tale da poter determinare la comparsa di altre problematiche.

Come eliminare il diastema

I trattamenti per la correzione del diastema sono diversi, dall’ortodonzia, alla chirurgia fino alla protesi.

In base al caso specifico il dentista può consigliare uno dei seguenti trattamenti per chiudere lo spazio tra gli incisivi centrali superiori:

  • apparecchio fisso, per avvicinare gli elementi e ridurre così lo spazio in eccesso. Nel caso in cui portare il classico apparecchio ortodontico possa provocare disagio è possibile optare per una soluzione invisibile, in particolare si può ricorrere all’ortodonzia linguale senza attacchi. Con questa tecnica infatti è possibile chiudere il diastema senza che nessuno si accorga della presenza di un apparecchio fisso.
  • Se il diastema è determinato dal frenulo si procede inizialmente con una frenulotomia cioè parziale rimozione del frenulo o una frenulectomia cioè l’asportazione completa del frenulo per poi iniziare una terapia ortodontica.
  • Faccette dentali, lamine sottilissime in porcellana o ceramica che vengono applicate sulla dentatura in modo tale da ingrandire i denti e di conseguenza riempire lo spazio interdentale. Per quanto le faccette a prima vista possono sembrare la soluzione ideale e più rapida per la correzione del diastema, non sempre sono consigliate, perché modificando la forma dei denti potrebbero determinare una disarmonizzazione del sorriso del paziente soprattutto nel caso in cui si parta da una dimensione dei denti proporzionata.
  • Corone e impianti dentali, si tratta di due soluzioni poco conservative e se ne consiglia l’applicazione solo nei casi in cui i denti siano cariati o comunque affetti da altri tipi di problemi, risultando già compromessi. Nel primo caso si incapsula il dente con una corona artificiale, nel secondo c’è la sostituzione dei denti con una protesi.

Quanto tempo serve per chiudere il diastema

Ovviamente le tempistiche variano in base al tipo di trattamento più adeguato per lo specifico caso.

Tuttavia considerando che nella maggior parte dei casi si procede con un trattamento ortodontico per la chiusura del diastema, i tempi vanno dai 6 mesi ai 2 anni. In ogni caso il dentista dopo un’attenta valutazione del trattamento da seguire, potrà indicare una forbice temporale per la risoluzione completa del problema.

Quanto costa chiudere il diastema

Anche qui la risposta è “dipende”. Le cause e di conseguenza i rimedi per togliere il diastema sono diversi, ognuno con un suo costo specifico. Solo dopo una prima visita il dentista potrà fare un preventivo dei costi per il trattamento che sarà messo in atto per la risoluzione del diastema.

Odontoiatra parodontologo e implantologo, iscritto all’ordine il 23/06/1997 con N° TO 1968. Fondatore di Zerodonto, blog di odontoiatria con cui ha altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.