Come fare (o farsi) un buon massaggio ai piedi: tanto relax, molto meno stress

Facilita il sonno, contrasta lo stress, allevia diversi disturbi di salute. Basta un buon massaggio ai piedi per sentirsi subito in paradiso. Merito delle numerose terminazioni nervose che si trovano sulla piante e le dita dei piedi e che sono connesse agli organi di tutto l’organismo.
Gaia Cortese 16 ottobre 2020

Sono circa settemila le terminazioni nervose che attraversano i tuoi piedi. Non è difficile quindi comprendere perché un massaggio in questa parte del corpo sia particolarmente gradito, tanto da spingere qualcuno anche ad "autotrattarsi" se in circolazione non trova nessuno disposto a massaggiargli i piedi prima di andare a dormire.

Il massaggio ai piedi è, infatti, un ottimo metodo per rilassarsi, per prendere sonno con più facilità e per calmare il sistema nervoso. Ma i benefici, come vedremo, non finiscono qui.

Secondo l’antica cultura orientale, ogni zona della pianta del piede è connessa attraverso una terminazione nervosa a uno o più organi. Le zone riflessi sui piedi sono pressoché identiche su un piede e sull’altro; in pratica quelle relative a testa, seni frontali, occhi, orecchie, spalla, polmoni, tiroide, stomaco, duodeno-pancreas, rene surrene, colon trasverso, ginocchio, vescica, ovaie (o testicoli), nervo sciatico e duodeno si trovano sulle piante di entrambi i piedi. Solo sul piede sinistro si trovano le zone o i punti corrispondenti a fegato, cistifellea, colon ascendente e appendice; solo sul piede destro le zone o i punti corrispondenti a cuore, colon discendente, intestino retto e milza.

Tipi di massaggio ai piedi

Il massaggio rilassante

Il più comune massaggio ai piedi è un trattamento che non prevede movimenti specifici e di norma viene praticato se si cerca solo un momento di relax a fine giornata. Un massaggio rilassante può coinvolgere piedi e caviglie, nello specifico se si vuole alleviare una sensazione di stanchezza o una condizione di gonfiore localizzato.

La riflessologia plantare

Diversamente, se si vuole praticare un massaggio di riflessologia plantare, bisogna eseguire dei movimenti precisi e studiati. La riflessologia plantare, infatti, è una scienza approfondita che si basa sull’idea che il piede rappresenti la mappa di tutto il corpo e che di conseguenza possa essere usato come “mezzo” per curare e prevenire alcuni disturbi. In realtà non si tratta di un vero e proprio massaggio: la riflessologia plantare è una pratica di medicina alternativa di origine orientale, che negli anni si è  largamente diffusa anche in Occidente.

Il massaggio ai piedi può essere quindi anche terapeutico e in questo caso viene fatto da figure specializzate che hanno ricevuto un'adeguata formazione a questo scopo. Un massaggio terapeutico viene fatto quando in presenza di disturbi o patologie, si cerca di alleviare il dolore o il fastidio percepito.

Il massaggio sportivo

Va menzionato anche il massaggio ai piedi sportivo, eseguito soprattutto nel settore agonistico in cui gli atleti che praticano determinate discipline sportive possono subire notevoli sollecitazioni a livello di piedi, caviglie e gambe. Anche in questo caso, il massaggio deve essere eseguito da personale adeguatamente formato.

Come si fa

Da cosa iniziare per un buon massaggio ai piedi? Sia che tu voglia fare un massaggio a un'altra persona o che tu preferisca iniziare con un autotrattamento, incomincia tenendo con entrambe le mani la pianta di un piede.

Strofina la parte superiore e scendi lentamente verso la pianta, applicando una maggior pressione man mano che ti sposti verso il basso. Poi, cambia la direzione dei movimenti e risali verso la parte superiore del piede, diminuendo l’intensità del massaggio.

Successivamente passa al tallone e inizia a massaggiarlo disegnando con i pollici dei piccoli cerchi, applicando una pressione decisa. Massaggiare tutto il tallone, esegui lo stesso procedimento sull’avampiede.

Spostandoti alle caviglie, esegui dei movimenti circolari intorno al malleolo con entrambe le mani, una all’interno e l’altra all’esterno. Usando il pugno, massaggia anche l’arco plantare: quello che devi fare è esercitare pressione con le nocche della mano su tutta la zona, e ruotare il polso avanti e indietro massaggiando con delicatezza.

Per massaggiare le dita dei piedi, devi afferrare ciascun dito e tirarlo delicatamente. Infila poi il dito indice nello spazio fra due dita del piede e muovilo avanti e indietro. Infine, intreccia le dita della mano con quelle del piede e concludi il massaggio.

Benefici

In cima alla lista dei benefici del massaggio ai piedi c'è sicuramente la sensazione di rilassamento percepita durante e dopo il massaggio. Il massaggio ai piedi, infatti, agisce sulle terminazioni nervose e permette quindi la loro totale distensione. Per questo motivo possiamo dire che il massaggio contrasta lo stress, permette un sonno più profondo e un assopimento più rapido.

Sembra poi che il massaggio ai piedi aiuti ad alleviare il mal di testa, migliori la circolazione del sangue e agisca a favore della digestione. Nell'ambito della sfera sessuale, un buon massaggio ai piedi può aiutare a sciogliere le tensioni che causano l’eiaculazione precoce e ad aumentare la libido.

Ultimo, ma non meno importante, considerata la stagione che stiamo per affrontare, sembra che un massaggio ai piedi possa stimolare le funzioni del sistema immunitario, permettendo una guarigione più veloce dall'influenza e da altri disturbi tipici della stagione più fredda.