Come riprendere l’attività sportiva dopo una lunga pausa

È tempo di fare sport o di riprendere a fare movimento, dopo un periodo di lunga inattività. Non puoi improvvisamente metterti ad allenarti come se fossi un agonista in preparazione per le Olimpiadi un giorno con l’altro. Sarebbe uno stress eccessivo per il tuo corpo. Ecco qualche consiglio per trovare una routine davvero salutare.
Valentina Rorato • 29 Giugno 2021

Tornare a fare sport, dopo essere stati a lungo fermi, non è facile. L'attività sportiva ha un enorme impatto sul funzionamento del tuo corpo. E ciò significa che, se a causa della pandemia, di problemi di salute o di un’enorme pigrizia, hai condotto una vita sedentaria per molti mesi, devi reimpostare la tua routine e inserire lo sport nella tua quotidianità senza esagerare.

Quanto esercizio serve?

Dovresti mirare ad almeno 150 minuti di esercizio moderato o 75 minuti di esercizio vigoroso ogni settimana. Che può essere suddiviso in sessioni di pochi minuti alla volta. Se stai seduto alla tua scrivania tutto il giorno, poi vai a casa e fai 30 minuti di esercizio: farà la differenza per la tua salute? È meglio di zero e sicuramente ha dimostrato di essere d'aiuto. Ma compenserà davvero tutta quella seduta? Non così tanto. Per essere veramente attivi e ottenere benefici per la salute, è importante essere attivi per tutto il giorno. Ciò significa che devi rivedere il tuo programma giornaliero.

Pianifica l’attività sportiva

Fai quindi un programma settimanale e aggiungi alle tue giornate, per esempio, tre pause di attività di 10 minuti, cinque giorni alla settimana. A questo puoi inserire un’ora di ginnastica a scelta nel fine settimana: il tuo obiettivo, così, sarà realmente raggiunto.

Inoltre, cerca opportunità per aggiungere attività qua e là. Potresti parcheggiare più lontano dal tuo ufficio o fare 15 minuti di stretching in pausa pranzi. O forse hai un app che ti permette di fare piccoli allenamenti mentre guardi la tv. È molto importante ricominciare in modo graduale.

Il dottor Stefano Respizzi, Direttore del Dipartimento Riabilitazione e Recupero Funzionale di Humanitas, consiglia: “Prima di riprendere l’attività fisica, anche chi si trova in buono stato di salute dovrebbe prenotare una visita da uno specialista, per farsi consigliare lo sport più adeguato a coniugare le proprie aspettative (perdere peso, aumentare la massa muscolare, o semplicemente muoversi) con il proprio stile di vita e le proprie condizioni fisiche". Che, dunque, si tratti di riprendere uno sport praticato tempo prima o iniziarne uno nuovo, iscriversi in palestra o cominciare a correre, "il parere medico dello specialista aiuterà a orientarsi verso le soluzioni più appropriate in relazione alle condizioni generali del fisico di ciascuno”.

Abbigliamento e attrezzatura

Sono davvero molto importanti anche l’abbigliamento e l’attrezzatura, che devono essere adeguati al tempo, all’attività, alle tue necessità fisiche, ma anche al tuo livello di preparazione. “Non si può, per esempio, pensare di fare trekking in alta montagna con le stesse scarpe utilizzate per esercitarsi nella palestra del proprio quartiere. Per questo motivo bisogna tenere in conto le indicazioni dello specialista ortopedico, in particolar modo qualora si avessero delle problematiche posturali, in modo da evitare di affaticare i muscoli, incorrere in strappi o, nei casi peggiori, in storte e rottura di ossa e legamenti”, ha concluso il dottore.

Fonte | Humanitas