Iyengar yoga, alla ricerca del perfetto allineamento tra mente e corpo

Lo scopo che si vuole raggiungere con lo lyengar yoga è l’allineamento perfetto tra mente e corpo. un metodo che esige la massima precisione, ma che ha la caratteristica di essere anche accessibile a tutti, grazie all’utilizzo di attrezzi propedeutici studiati appositamente dal maestro lyengar, ideatore dello stile.
Gaia Cortese 18 Gennaio 2021

Se non sei una persona troppo attenta ai dettagli, forse la pratica dello Iyengar yoga ti metterà dura prova, ma i benefici che potresti averne sono tali, che potresti convincerti ad andare un po’ più in profondità nell’esecuzione delle posizioni di questo metodo.

Posizioni che, nonostante derivino dallo Hatha yoga, sono più estreme e devono essere eseguite con la massima precisione. Nello Iyengar yoga, infatti, c’è una grande attenzione al dettaglio e, il più delle volte, vengono anche utilizzati degli attrezzi per andare incontro ai più inesperti o a chi, per problemi di salute o per età, può avere maggiori difficoltà nella pratica dello yoga.

Cos'è lo Iyengar yoga

La storia

Lo stile Iyengar prende il nome da uno dei primi maestri che ha diffuso questo metodo in Occidente. Bellur Krishnamukari Sundara Iyengar, chiamato Guruji dai suoi allievi, ha iniziato a insegnare yoga nel 1936 e ha continuato fino alla sua morte, il 20 agosto del 2014. In questi anni, dedicandosi interamente allo yoga, il maestro ha elaborato uno stile yoga molto particolare che punta a raggiungere il perfetto allineamento del corpo e della mente, attraverso la precisa esecuzione di posizioni molto elaborate.

Lo yoga non cambia soltanto il modo di vedere il mondo, ma trasforma anche la persona che guarda.

Bellur Krishnamukari Sundara Iyengar

Per spiegare ai suoi allievi come eseguire gli asana, ossia le posizioni, e i pranayama, le tecniche di respirazione, il maestro Iyengar ha scritto nel 1965 un libro intitolato “Light on yoga” (in italiano Teoria e Pratica dello Yoga), che tutt'ora riscuote un grandissimo successo. Non solo, Iyengar ha tramandato la sua dedizione dell’insegnamento ai suoi due figli Geeta e Prashant Iyengar che ancora oggi continuano a studiare e ad approfondire il lavoro del padre nell'Istituto dedicato alla memoria della madre, il Ramamani Iyengar Memorial Yoga Insitute a Pune, in India.

Posizioni

Il metodo Iyengar conta almeno 200 asana e 14 pranayama, descritti con cura nel libro del maestro. Se stai pensando di praticare yoga da autodidatta non è una buona idea, soprattutto per quanto riguarda questo stile che si basa su una tecnica molto complessa. Non solo. Tutte le posizioni devono essere mantenute per molto tempo, perché lo scopo è raggiungere l’allineamento perfetto, e ovviamente ci vuole tempo.

Gli attrezzi

Nell'intento di rendere lo yoga davvero accessibile a tutti, il maestro Iyengar ha creato una didattica d’insegnamento molto particolare che prevede anche l'utilizzo di diversi attrezzi propedeutici come cuscini e coperte, sedie e mattoni, e via dicendo, per andare incontro alle persone  meno flessibili o più deboli. Insomma non ci sono davvero scuse: tutto possono praticare lo yoga, almeno per quanto riguarda il metodo lyengar.

I benefici

L'allineamento, la precisione nell'esecuzione, la sequenza e la durata delle posizioni, sono le principali caratteristiche di questo metodo che agisce a livello fisico, emozionale e mentale. Nello specifico lo lyengar yoga favorisce il benessere della colonna vertebrale , migliora la postura e la percezione del proprio corpo. Non solo rinforza tutta la muscolatura, ma migliora anche la mobilità articolare. I benefici interessano anche il sistema cardiocircolatorio e il sistema immunitario, anche a livello mentale, lo lyengar yoga favorisce la calma e l’equilibrio.