La sauna finlandese: un vero toccasana per il cuore, basta sapere come farla

Un recente studio finlandese rivela che fare la sauna almeno quattro volte a settimana con una permanenza di 30 minuti circa è un vero toccasana per il cuore e per l’apparato cardiocircolatorio. Può quindi diventare una pratica per stare meglio, sapendo tuttavia come farla in modo corretto e quali sono le controindicazioni.
Gaia Cortese 13 marzo 2019

Le origini della sauna tradizionale vanno ricercate nei Paesi del Nord Europa, più precisamente in Finlandia, dove alcune costruzioni, almeno fino al XIX secolo, venivano usate per riscaldarsi. All’interno di queste piccole costruzioni le pietre venivano riscaldate con un fuoco a legna e il fumo veniva fatto uscire dopo che si era diffuso nella stanza. In pratica, il prototipo di una sauna era una semplice casetta invernale costruita in legno, pensata solo in un secondo momento come pratica wellness per dare benefici al corpo.

Gli effetti positivi della sauna sono ormai riconosciuti al di fuori dei confini della Finlandia, in tutto il mondo. Se infatti non hai mai provato una sauna finlandese, devi sapere che è un vero toccasana per la salute, soprattutto per il tuo apparato cardiocircolatorio. La temperatura può raggiungere gli 80-100°C. L'umidità dell’ambiente invece non supera il 10-20%, ad eccezione dei momenti in cui viene aggiunta acqua sulle pietre roventi. E tutto questo calore fa bene al tuo organismo.

I benefici della sauna

Secondo uno studio recente condotto dall’Università della Finlandia, pubblicato sulla rivista scientifica Biomed Central, fare regolarmente la sauna riduce il rischio di malattie cardiovascolari, sia negli uomini sia nelle donne. Lo studio, infatti, per 15 anni ha monitorato quasi 1.700 persone, mostrando come fare una sauna almeno 4 volte a settimana (meglio se a giorni alterni), per almeno 30 minuti, sia ottimale per la salute. Gli effetti positivi della sauna finlandese sono dovuti alla temperatura alta che agisce sulle pareti delle arterie, facendole dilatare; si abbassa poi la pressione, e il cuore viene allenato come durante una sessione di attività fisica moderata perché i battiti arrivano a 120-150 al minuto.

Come fare la sauna

Se vuoi provare gli effetti benefici di una sauna finlandese, devi sapere che prima di entrare è sempre consigliato farsi una doccia tiepida e poi asciugarsi con un telo asciutto. Questo perché, in questo modo, la pelle umida è in grado di ricevere maggiormente il calore diffuso nell'ambiente. Il tempo di permanenza consigliato è di 30 minuti, ma se si tratta della prima volta, è meglio procedere con gradualità: per evitare un malore o uno svenimento (ricordati che la sauna abbassa la pressione sanguigna!), è preferibile iniziare con 5-10 minuti, e piuttosto, rientrare una seconda volta dopo essersi rinfrescati e riposati un attimo all’esterno della sauna. È molto importante bere, sia prima che dopo: un’infuso alle erbe o una tisana tiepida ai frutti di bosco o al tiglio è l’ideale.

Terminata la seduta in sauna si può fare una doccia fredda per ricevere tutti i benefici a livello del sistema cardiovascolare. Il consiglio è di raffreddare il corpo in successione iniziando dalle gambe, passando poi per le braccia, il torace e la testa. Se dovessi trovarti a disposizione una tinozza di acqua fredda dopo la sauna, è un ottimo metodo per tonificarsi, ma è sempre meglio far precedere l'immersione da una breve doccia fredda.

Cosa portare in sauna

Secondo la tradizione finlandese si entra in sauna senza capi di abbigliamento: questo è il modo migliore per esporre ogni parte del corpo al calore. In Italia non è un’usanza troppo diffusa e si preferisce indossare almeno il costume da bagno. Quello a cui devi fare attenzione è non portarti in sauna l’orologio, eventuali gioielli o qualsiasi oggetto in metallo che surriscaldandosi potrebbe procurarti addirittura un’ustione. Attenzione anche, per lo stesso motivo, agli occhiali, e alle lenti a contatto: quest’ultime andrebbero evitate perché le alte temperature della sauna potrebbero alterarle e provocare fastidio o problemi agli occhi.

Controindicazioni per la sauna

Se soffri di pressione bassa dovresti evitare la sauna. Come detto prima, il calore fa scendere ulteriormente la pressione del sangue, provocando vertigini e aumentando il rischio di un malore o uno svenimento.  Anche chi soffre di problemi cardiovascolari, come scompenso cardiaco o pressione alta non controllata, deve stare alla larga da questa usanza finlandese: la sauna, infatti, può aumentare il consumo di ossigeno da parte del cuore e influire sull'azione dei farmaci assunti. Fai attenzione anche se sei in dolce attesa, la sauna è sconsigliata sempre per il pericolo di improvviso calo della pressione.

Fonte | Studio dell'Università della Finlandia (Kuopio), pubblicato su Biomed Central il 29 novembre 2018