Meditazione guidata breve: 5 minuti per la via della consapevolezza

Lascia scorrere i pensieri e le preoccupazioni e impara a osservarli in maniera diversa. Solo sviluppando la “consapevolezza”, attraverso una meditazione guidata breve, imparerai giorno dopo giorno a tenere lontano lo stress dei troppi pensieri che ti circolano nella testa.
Gaia Cortese 18 marzo 2019

Le chiamano micro-meditazioni. Possono durare anche pochi minuti, ma i benefici che possono dare non sono inferiori a quelli ottenuti con una meditazione più lunga. Così anche chi si nasconde dietro la scusa di non avere tempo, può iniziare con la pratica della meditazione. Anche tu puoi meditare pochi minuti al giorno: rinforzerai la tua calma interiore e raggiungerai una maggior consapevolezza del tuo corpo e della tua mente.

La via della consapevolezza

Con il termine consapevolezza, soprattutto quando si parla di meditazione, si intende uno stato mentale attivo che consente di osservare la natura di qualunque percezione interna o esterna a te stesso, lasciandola scorrere così com’è, senza respingere o pretendere di modificare nulla. Questo modo di vedere le cose, attraverso la consapevolezza, permette di accorgersi che tutto è transitorio, nulla è permanente. Questa prospettiva delle cose consente un maggior distacco dalle proprie preoccupazioni, dai propri pensieri e dalle proprie paure.

La meditazione guidata per raggiungere la via della consapevolezza è molto breve. Pochi minuti per rilassarsi e concentrarsi sul respiro. Trova quindi un posto della tua casa dove nessuno possa disturbarti e mettiti comodo, seduto o se preferisci sdraiato. Mentre inizi a rilassarti e a sentire i tuoi muscoli che diventano sempre più pesanti, concentrati sul tuo respiro. È proprio attraverso l’attenzione sul respiro che si riesce a raggiungere una maggior consapevolezza del proprio corpo e della propria mente. Allontana la frenesia che ti accompagna in ogni azione quotidiana e finalmente rilassati.

Quello che questa meditazione può insegnarti è come capire è che tu NON sei le tue preoccupazioni, le tue paure e i tuoi pensieri perché, per quanto possano sembrare reali, sono solo pensieri formulati nella tua mente. In questo modo qualsiasi preoccupazione perde forza e può essere gestita in maniera più razionale senza farsi prendere dall'ansia. Se tu impari ad essere "consapevolezza", avrai chiaro come non permettere al "troppo pensare" di influire sulla tua vita.