Per assimilare la vitamina D il tuo corpo ha bisogno del magnesio

Si sapeva già che la vitamina D protegge le tue ossa e le mantiene sane. Si sapeva anche che è il tuo corpo a produrre questa sostanza, grazie al contatto con i raggi del sole. Quello che invece non si conosceva era il ruolo del magnesio nella sintetizzazione e nel controllo del livello di questa vitamina nel tuo organismo.
Giulia Dallagiovanna 2 Gennaio 2019
* ultima modifica il 24/09/2020

La vitamina D è una sostanza molto particolare. Il tuo corpo non può farne a meno, ma è difficile da trovare negli alimenti. Viene infatti prodotta direttamente dalla tua pelle, grazie al contatto con i raggi del sole. Un nuovo studio, però, ha scoperto che non basta fare il pieno di ultravioletti, devi assicurarti di assumere anche la giusta dose di magnesio, fondamentale perché il tuo organismo assimili la vitamina.

Su Ohga ti avevamo già spiegato come questo elemento sia fondamentale per mantenere le tue ossa forti e in salute, prevenendo così il rischio di fratture e di soffrire di osteoporosi. Così come ti avevamo raccontato della sua importanza per il tuo cervello e il suo ruolo nella prevenzione della schizofrenia. A giugno inoltre è stato pubblicato uno studio sulla rivista Nature, dove gli autori avevano dimostrato la riduzione del rischio di tumore all'intestino nelle persone che riportavano livelli elevati di vitamina D nel proprio corpo.

Quello che però i ricercatori dell'Università di Vanderbilt a Nashville, negli Stati Uniti, hanno scoperto è che non si può ignorare un elemento cardine per la sintetizzazione di questa vitamina da parte del tuo corpo: il magnesio. Un sale minerale che partecipa alla produzione di energia per il tuo corpo e protegge ossa e apparato gastrointestinale.

Non puoi essere sicuro di mantenere un buon livello di vitamina D, senza la giusta quantità di magnesio.

Il dottor Qi Dai, docente del dipartimento di Epidemiologia e primo autore dello studio, aveva già dimostrato come una persona che aveva una buona quantità di magnesio nel corpo corresse meno rischi di ritrovarsi con un basso livello di vitamina D. Grazie alla nuova ricerca, ha dimostrato come il magnesio contribuisca alla sintesi di questa sostanza, sia che avvenga tramite l'esposizione ai raggi solari sia che le fonti siano una dieta corretta ed eventuali integratori.

L'indagine è stata svolta su 180 pazienti e i risultati hanno messo in luce come il magnesio agisca da vigile urbano per il tuo corpo: stimola una maggior produzione di vitamina D quando risulta troppo bassa, ma ne controlla anche l'eccessiva presenza nel sangue, che unita a una quantità molto alta di calcio aumenta il rischio di ipercalcemia.

A questo punto, lo avrai capito, il consiglio che vorrei darti è quello di assicurarti che il tuo organismo possa contare su una giusta dose di vitamina D. Ti basteranno 30 minuti al giorni di esposizione ai raggi UV, anche in inverno, nelle ore più calde. Inoltre, ci sono alcuni alimenti che possono aiutarti e di cui su Ohga ti abbiamo parlato, come olio di fegato di merluzzo e alcuni tipi di pesci.

Ma non trascurare il magnesio. Dovresti assumerne circa 6 milligrammi per chilo, perciò la quantità varia in base al peso corporeo. Ma se sei una donna in gravidanza o se hai un figlio piccolo, la dose giornaliera aumenta fino a 15 milligrammi. Gli alimenti che ne sono ricchi sono le verdure a foglia verde, i legumi, soprattutto fagioli e piselli e i cereali integrali.

Se poi continuassi a non avere i giusti livelli di questo sale minerale, potrai sempre far ricorso agli integratori. In ogni caso, soprattutto se stai aspettando un bambino, potresti chiedere consiglio al tuo medico per assicurarti che il magnesio non manchi mai al tuo corpo.

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.