Trakr, il pastore tedesco divenuto simbolo di tutti i cani eroe dell’attentato alle Torri Gemelle

A 27 ore dall’attentato alle Torri Gemelle, un pastore tedesco e il suo proprietario agente di polizia James Syumington, sono riusciti a portare in salvo l’ultimo superstite della tragedia dell’11 settembre. Il suo nome era Trakr, è morto all’età di 16 anni, forse a causa dei gas tossici derivati dal crollo delle torri.
Rubrica a cura di Gaia Cortese
23 settembre 2020

Era l’11 settembre del 2001. Il mondo assisteva incredulo a una delle più assurde e sconvolgenti tragedie che l’uomo potesse mettere in atto. Ancora oggi abbiamo tutti ben impresse nella mente le immagini dell’attentato alle Torri Gemelle di New York, le macerie, i volti dei superstiti coperti di cenere e rigati dalle lacrime, le sirene delle ambulanze e delle autopompe dei vigili del fuoco.

Migliaia di morti, ma anche centinaia di persone portate in salvo grazie alla determinazione a la coraggio degli uomini delle forze dell’ordine e di alcuni coraggiosissimi cani da soccorso. Impossibile non pensare al gruppo di salvataggio K-9, cani addestrati per salire in quota su carrucole improvvisate per spostarsi in modo più agile da una zona all’altra dei crolli delle torri, a Roselle che ha salvato la sua proprietaria cieca trascinandola per numerose rampe di scale, o ancora a Bretagne, l’eroica golden retriever che all'epoca aveva solo due anni, ma che a fianco della sua istruttrice Denise Corliss, aveva preso comunque parte alle operazioni di soccorso della Texas Task Force 1.

Bisognerebbe elencarli tutti questi cani coraggiosi affinché il loro ricordo non si spenga mai. Tra tutti, Trakr, il pastore tedesco dell'agente canadese James Symington, ne è diventato il simbolo. Trakr, infatti, ha avuto non solo il merito di essere stato uno dei primi ad arrivare sul posto per dare il via ai soccorsi, ma è anche riuscito a portare in salvo l’ultimo sopravvissuto all'attacco al World Trade Center: Genelle Guzman-McMillan stava scendendo le scale nella Torre Sud quando l’edificio le è quasi crollato addosso: dopo essere rimasta intrappolata per 27 ore sotto le macerie, Trakr è riuscito a localizzarla e ad allertare i vigili del fuoco.

Nell'aprile del 2009 Trakr è morto. Aveva 16 anni e da tempo una grave malattia neurologica gli aveva paralizzato gli arti inferiori. Secondo i i medici questa patologia potrebbe essere insorta proprio come conseguenza della prolungata esposizione di Trakr ai gas tossici derivati dal crollo delle Torri Gemelle.

Nell’ambito del Best Friends again contest, la BioArts International, l'unica società al mondo che ha il permesso di clonare cani e gatti, ha scelto tra tanti altri animali proprio Trakr, per essere clonato.

"Pensavamo che il vincitore sarebbe stato un cane eccezionale, ma non ci saremmo mai aspettati niente di così simbolico dal punto di vista storico come Trakr", ha dichiarato Louis Hawthorne, amministratore delegato della BioArts. E così è stato. Dopo un paio di mesi dalla morte qi questo coraggioso pastore tedesco, l'ex agente James Syumington ha ricevuto Trustt, Solace, Valor, Prodigy e Deja-Vu, cinque cuccioli che hanno il Dna di Trakr (Il procedimento di clonazione è avvenuto in Corea del Sud presso la Sooam Biotech Research Foundation).

"Quando ho appreso della sua malattia è stato un duro colpo – aveva dichiarato James Syumington -. Aver saputo che una parte di lui continuerà a vivere dopo la clonazione è il più bel dono che abbia mai ricevuto".

Questo articolo fa parte della rubrica
Con il segno zodiacale dei Gemelli, non potevo avere come unica passione quella della scrittura. Al piacere di spingere freneticamente tasti altro…