Globuli rossi: cosa sono e perché sono così preziosi

Sai cosa sono i globuli rossi? Un aiuto fondamentale per il nostro organismo. I globuli rossi sono le cellule che hai in numero maggiore il sangue e grazie all’emoglobina trasferiscono ossigeno e anidride carbonica dai polmoni alle zone più periferiche del nostro corpo. Ma scopriamo insieme quanti sono e le loro peculiarità.
Valentina Danesi 14 ottobre 2020
* ultima modifica il 14/10/2020

Ti è mai capitato di sentire parlare di piccoli “trasportatori” del nostro sangue? Ecco sono i globuli rossi, un aiuto fondamentale per il nostro organismo. Sono infatti le cellule ematiche più piccole, ma anche le più numerose e si occupano di far arrivare l'ossigeno a tutti i tuoi tessuti e ai tuoi organi e di raccogliere l'anidride carbonica per poi permetterne l'eliminazione. Ma proviamo a guardarli un po' più da vicino.

Cosa sono

I globuli rossi sono le cellule che hai in numero maggiore il sangue e grazie all'emoglobina trasferiscono continuamente ossigeno e anidride carbonica, facendo la spola dai polmoni alle zone più periferiche del nostro corpo. Trasportano, quindi, alcune delle sostanze di cui abbiamo più bisogno.

Quanti sono

Ma quanti sono i globuli rossi? Ecco i numeri che possono variare in base ad alcuni fattori come l’età o la provenienza da alcune zone.

Questi sono i valori medi (Miale) per millimetri cubi di sangue in una persona adulta:

  • Uomini: 4.800.000
  • Donne: 4.300.000

Rispetto agli adulti, in bambini e anziani il valore è più basso di circa 3-400mila unità.

A cosa servono

I globuli rossi, contengono l'emoglobina, una proteina che trasporta ossigeno e anidride carbonica, cioè un gas che si forma nei tessuti come prodotto di scarto. Nei polmoni vengono scambiati l'ossigeno, assunto con l’inspirazione, e l’anidride carbonica che si era legata all'emoglobina nel sangue venoso. L'anidride carbonica è così eliminata nell'aria espirata, impedendone l'accumulo nel sangue e l’ossigeno, invece, viene irrorato a tutti i tessuti dell'organismo. Tuttavia, la maggior parte dell'anidride carbonica è trasportata dal plasma sotto forma di carbonati in soluzione.

I globuli rossi si distinguono per la presenza o l'assenza sulla loro membrana cellulare di particolari proteine (antigeni), che impartiscono loro una specifica caratteristica e consentono di dividere il sangue in gruppi sanguigni tipici per ogni individuo e che vengono trasmessi per via ereditaria. Nella nota "anemia falciforme", i globuli rossi assumono una caratteristica forma a falce. Infatti, con il microscopio elettronico, è stato osservato che i globuli rossi possono assumere forme assai diverse: normali (discociti), a bacca (crenati), a riccio o spinosi (echinociti), dentellati, a fuso, a falce, a elmetto, appuntiti, indentati, poichilociti, e così via.

Fonte| Humanitas 

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.