Heather, il fiore di Bach n.14 per chi ha paura di rimanere solo

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
Se temi la solitudine e per questa paura ti accorgi di attaccarti eccessivamnete a chi ti sta intorno, fino a diventare logorroico, petulante o addirittura aggressivo, forse dovresti trovare rimedio con il fiore di Bach Heather. Potrebbe aiutarti a diventare più indipendente dal punto di vista affettivo e ad ascoltare di più gli altri.
Gaia Cortese 31 ottobre 2019

La paura più profonda delle personalità Heather è quella di restare soli. Tendono per questo a esagerare nel relazionarsi con gli altri, finendo per essere abbastanza logorroici, petulanti, alle volte addirittura aggressivi. Il rimedio floreale indicato è Heather, in grado di aiutare questa tipologia di persone a rapportare i propri problemi con quelli degli altri in modo realistico. Una volta fatto ricorso ai fiori di Bach, infatti, queste persone  potrebbero diventare ottimi ascoltatori, avendo già sperimentato il bisogno di parlare, e potrebbero anche essere cercate per la loro capacità di comprensione, piuttosto che evitate per il loro egocentrismo.

Fiore di Bach n. 14: Heather (Calluna vulgaris)

Il fiore che Edward Bach riconosce come il rimedio per chi si sente particolarmente solo è Heather, corrispondente all’Erica, una pianta molto comune in Europa e in Sud Africa, appartenente alla famiglia delle Ericacee. Si presenta come un piccolo arbusto con fiori dal colore lilla tendente al violaceo e il suo periodo di fioritura va da giugno a ottobre.

La personalità Heather

Quelli che sono sempre alla ricerca della compagnia di chiunque possa mostrarsi disponibile, trovando necessario discutere i propri affari con altri, non importa di chi si tratti. Sono molto infelici se debbono star soli per qualche tempo, breve o lungo che sia.
(Dottor E. Bach)

È indicato se:

  • ti senti solo e temi la solitudine
  • sei egocentrico e piuttosto petulante
  • hai bisogno di qualcuno per condividere la tua sofferenza
  • sei in cerca costantemente di affetto e attenzione

Può aiutarti a:

  • ritrovare l’empatia con chi ti sta intorno
  • essere più sicuro di te
  • essere più indipendente dal punto di vista affettivo
  • imparare il valore del silenzio
  • ascoltare di più gli altri