L’ambizioso obiettivo della Germania: 15 milioni di auto elettriche entro il 2030

La nuova coalizione di governo vuole, almeno nei programmi, accelerare sulla mobilità sostenibile e bloccare la vendita di auto a benzina e diesel entro il 2035.
Gianluca Cedolin 6 Dicembre 2021

In Germania si sta insediando in questi giorni il nuovo governo, quello guidato dal cancelliere Olaf Scholz e formato dalla coalizione di Socialdemocratici, Verdi e Liberali. Tra i passaggi di un lungo documento programmatico, il nuovo governo ha stabilito un target molto ambizioso in tema di mobilità sostenibile. L'obiettivo è quello di arrivare ad avere 15 milioni di auto elettriche circolanti in Germania entro il 2030 e, contemporaneamente, di immatricolare soltanto auto a emissioni zero a partire dal 2035.

La Germania è la più grande industria automobilistica europea e tra le principali al mondo. Secondo uno studio del Germany's centre for automotive reasearch e i dati di Eurostat, nel 2020 nel paese circolavano 48,2 milioni di auto, più di una ogni due abitanti. Di queste, attualmente le auto elettriche operative sono solamente 570mila, poco più dell'1% del totale: è evidente quindi che nei prossimi dieci anni la Germania dovrà accelerare con decisione per raggiungere l'obiettivo.

È una strada complicata (parliamo di un aumento del 33% ogni anno), ma obbligata, perché abbandonare le auto con il motore a combustione interna è un passo fondamentale verso la neutralità climatica. Per supportare la rivoluzione dell'auto elettrica, la Germania deve chiaramente irrobustire di molto l'infrastruttura di ricarica, e infatti punta a passare dalle 50mila colonnine di ricarica attuale al milione entro il 2030. Sempre entro il 2030, inoltre, il 25% del trasporto merci in Germania dovrà avvenire su rotaia e non su gomma, secondo il programma del nuovo governo.