Rimedi fitoterapici drenanti: combatti la ritenzione idrica con l’aiuto delle piante

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
Ecco alcuni rimedi totalmente naturali che possono aiutarti a combattere la ritenzione idrica e tutto ciò che ne consegue.
Sara Del Dot 30 Ottobre 2018
Con la collaborazione della Dott.ssa Chiara Speroni Farmacista

Uno stile di vita scorretto può causare varie problematiche, che si riflettono sul nostro corpo in tempi più o meno rapidi e che, se non prevenute, vanno combattute al più presto. Una di queste, che interessa in particolare le donne, è la ritenzione idrica, ovvero un accumulo di liquidi all’interno dell’organismo soprattutto in zone di concentrazione di grassi come l’addome, i glutei e le cosce. Si manifesta attraverso gonfiore in vari punti del corpo, pelle a buccia d’arancia, cambiamenti nell'epidermide e in altri sintomi più gravi come difficoltà respiratorie e dolore alla testa.

Le cause possono essere diverse, ma sicuramente la più diffusa è il fatto di condurre uno stile di vita poco sano e sedentario, con l’aggiunta di abitudini nocive come il fumo, l’abuso di alcolici e di caffè, il portare abiti troppo stretti. A meno che non sia conseguenza di patologie gravi, la ritenzione idrica è una problematica che si può facilmente arginare e, soprattutto, prevenire.

Il rimedio migliore per combatterla è, senza ombra di dubbio, l’attività fisica: una corsa o lunghe passeggiate possono aiutare a riattivare i meccanismi che hanno causato questi accumuli di liquido. Inoltre, a uno stile di vita più sano possono essere affiancati dei metodi naturali e a basso costo, come ad esempio la fitoterapia drenante. Ci sono infatti diverse piante che presentano delle proprietà molto efficaci per stimolare il sistema linfatico, favorire il drenaggio e aiutare quindi il nostro corpo a eliminare le tossine e le scorie metaboliche il cui accumulo causa il gonfiore.

Linfa di betulla

Grazie al suo alto contenuto di potassio la betulla ha una potente azione diuretica, anti infiammatoria e antibatterica, gode quindi di notevoli proprietà drenanti, facilitando l’eliminazione delle tossine. Viene impiegata anche nella gemmoterapia come rimedio anticellulite.

Pilosella

Pianta amara erbacea spontanea, ha proprietà diuretiche, antibiotiche e antinfiammatorie. Depura il fegato e favorisce il flusso dei liquidi grazie alla stimolazione dei reni.

Ananas

Grazie all’alta percentuale di acqua e potassio che contiene, l’ananas aiuta a contrastare il ristagno dei liquidi e grazie alle sue proprietà anti infiammatorie e anti coagulanti favorisce il drenaggio dei liquidi.

Taraxacum Officinale

Assunto in tintura madre o in una tisana, il tarassaco, o dente di leone, è famoso per le sue doti depurative e disintossicanti per il fegato, infatti è un fiore utilizzato molto spesso anche in cucina. Ha proprietà drenanti e leggermente lassative.

Ortica

La conosciamo perché se la tocchiamo fa male. Ma l'ortica è una pianta spontanea, dotata di grandi proprietà diuretiche. È solitamente usata anche come digestivo naturale e per contrastare la cistite, i dolori articolari da infiammazione e la glicemia.

Fumaria Officinalis

Il nome deriva dal latino fumus perché a contatto con gli occhi il suo succo causa lacrimazione. È una pianta officinale spontanea e considerata infestante, ma ha diverse proprietà benefiche. Grazie alla presenza di acido malico, acido citrico e acido caffeico è molto usata per combattere la ritenzione idrica.

Ortosiphon

Conosciuta anche come Tè di Giava, questa pianta era nota già anticamente per le sue proprietà diuretiche e depurative, è infatti molto spesso uno degli ingredienti fondamentali di medicinali utilizzati per combattere ritenzione idrica e cellulite.

Equiseto

Pianta ricca di sali minerali usato per combattere calcoli, problemi alla vescica e all’apparato urinario, oltre ad avere forti doti remineralizzanti. In più, ha diverse proprietà anti infiammatorie, antibatteriche, antimicrobiotiche e antiossidanti.

Gramigna

Credits: Pezibear su Pixabay

Caratterizzata da un gusto amaro e decisamente poco appetibile, la gramigna ha però forti proprietà diuretiche ipotensive e depurative del sangue. È spesso raccomandata in caso di malattie o infiammazioni del fegato, della milza e delle vie urinarie.

Il parere dell'esperto

Abbiamo chiesto alla dottoressa Chiara Speroni, farmacista presso la farmacia De Carlo di Vimodrone (Milano), di spiegarci meglio quali siano i rimedi fitoterapici più adatti per combattere la ritenzione idrica e a cosa devi fare attenzione prima di assumerli.

"Non appena arriva il periodo primavera-estate la richiesta di prodotti fitoterapici per contrastare l’accumulo di liquidi aumenta notevolmente a causa dell’imminente prova costume. Ritroviamo questi prodotti in forma di capsula, compressa, tintura madre, sciroppo, decotto, infuso, macerato glicerico, gemmoderivato ecc.

Questi prodotti aiutano il nostro sistema linfatico a drenare le scorie prodotte dal nostro organismo, aiutano a contrastare gli inestetismi della cellulite causati da accumulo di liquidi, ed a drenare i fluidi in eccesso in generale. Forse non sai che spesso questi depositi di liquidi sono causati da patologie e/o trattamenti farmacologici. 

La fitoterapia è conosciuta fin dai tempi degli Egizi ed anche prima, passando poi per Greci e Romani. Tutte queste grandi civiltà erano grandi conoscitrici di questa pratica e la utilizzavano molto. Bisogna anche considerare che erano gli unici rimedi che avevano a disposizione; a quel tempo non esistevano i farmaci come li conosciamo noi adesso.

Tra i drenanti più conosciuti e più utilizzati ritroviamo la Betulla o meglio la linfa di betulla (bevanda rinfrescante) con le sue proprietà diuretiche, drenanti e depurative. Inoltre, la betulla, è in grado di favorire l’eliminazione dell’acido urico diminuendo così il rischio di calcoli renali. Forse non sai che l’acqua distillata di corteccia di betulla o di foglie è un ottimo tonico per pelli grassi ed acneiche. Pilosella e Centella Asiatica aiutano a contrastare gli inestetismi della cellulite; inoltre hanno dato buoni risultati sul trattamento dei livelli primari di ipertensione (controllabili anche con l’aiuto di una dieta povera di sodio). Migliorano infine la circolazione venosa.

Tarassaco ed Ortica sono tra le piante medicinali più infestanti e tra le più utilizzate in fitoterapia. Il tarassaco o dente di leone puoi trovarlo facilmente quando vai a fare delle passeggiate, lo riconosci dal grande fiore giallo. Puoi utilizzarlo anche fresco in insalata (avrà solo un sapore amaro), oltre alle proprietà diuretiche mostra attività depurativa a livello epatico e renale. L’ortica è, fin dall’antichità, simbolo di fertilità di quel terreno; dalle sue estremità aeree si ricavano tisane, infusi, tinture madri ecc. con proprietà depurative, diuretiche ed astringenti. Sai, esiste anche lo shampoo a base di ortica per la sua efficacia sul capello grasso ed il trattamento della forfora.

Altri componenti degli integratori fitoterapici a valenza diuretica sono l’ananas, la fumaria, l’equiseto e la gramigna. L’ananas è molto utile nel trattamento delle infiammazioni dei tessuti molli in presenza di edemi o cellulite. Infine troviamo l’Orthosiphon caratterizzato da un potente effetto diuretico, facilita l’eliminazione  della ritenzione idrica eliminando sodio cloruro NaCl in eccesso. Come puoi ben vedere esistono una moltitudine di erbe medicinali con carattere diuretico e drenante. Molti sono in grado di agire anche sul controllo pressorio, pertanto nonostante siano integratori fitoterapici comunica sempre al medico o al farmacista se stai assumendo farmaci per questa patologia o eventuali altri farmaci per terapie croniche in quanto potrebbero esserci delle interferenze farmaco-farmaco fitoterapico. In ogni caso, sapranno indicarti il singolo prodotto, o l’associazione di prodotti più adatti alla tua esigenza".

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.