Alle Galapagos ritorna la tartaruga gigante che si credeva estinta più di 100 anni fa

Era stata ritrovata nel 2019 sull’isola Fernandina. Un gruppo di genetisti di Yale ha confrontato il suo Dna con l’ultimo esemplare di Chelonoidis phantasticus mai ritrovato nell’arcipelago e risalente al 1906: i risultati hanno confermato che la specie non è scomparsa.
Kevin Ben Alì Zinati 28 Maggio 2021

Se non riesci a vederla non significa che non ci sia, diceva qualcuno. Proprio come la tartaruga gigante appena riapparsa alle Galapagos.

Era stata ritrovata nel 2019 sulla Fernandina Island da una squadra della Direzione del Parco Nazionale delle Galapagos del Ministero dell'Ambiente e dell'Acqua e della Galapagos Conservancy.

Un gruppo di genetisti dell’Università di Yale ha voluto poi fare luce sull’identità di questa femmina di tartaruga gigante e ha così svolto la comparazione genetica tra il Dna dell’esemplare trovato su una delle isole più giovani e incontaminate dell’arcipelago e l’ultimo tipo della specie mai classificato alle Galapagos, risalente al 1906.

Dopo due anni i risultati delle analisi genetiche non lasciano più dubbi: quella rinvenuta sull'isola Fernandina è un esemplare di Chelonoidis phantasticus, una particolare specie di tartaruga gigante che si considerava estinta da oltre cento anni.

L’annuncio entusiasta è arrivato direttamente dall’account Twitter il ministro dell'Ambiente Gustavo Manrique che poi, in una nota, ha ribadito come l'Ecuador abbia confermato “il motivo per cui è uno dei paesi più megadiversi al mondo, un motivo in più per i turisti che ci scelgono come loro principale destinazione naturale”.

Secondo il dottor James Gibbs, vice presidente di Science and Conservation per la Galapagos Conservancy ed esperto di tartarughe alla State University di New York, la riscoperta di questa specie, considerata perduta da oltre un secolo, potrebbe essere arrivata al momento giusto.

Ne è sicuro anche Danny Rueda, direttore del Parco Nazionale delle Galapagos, il quale ha assicurato che "questa scoperta rinnova senza dubbio la nostra speranza per il recupero di questa specie, al fine di evitare un destino simile a quello di Lonely George”.

La femmina di tartaruga gigante, che stimano abbia più di 100 anni, oggi si trova in un centro di riproduzione sull'isola di Santa Cruz. Nel frattempo, il Parco Nazionale delle Galapagos sta preparando una spedizione per cercare altre tartarughe giganti.

Sarà una delle iniziative portate avanti da “Re:wild”. Te ne avevamo parlato in occasione del crollo dell'Arco di Darwin: l’associazione nata con la collaborazione del Parco Nazionale delle Galapagos e le comunità locali metterà in campo progetti e iniziative per la protezione delle specie a rischio di estinzione e la ricostruzione del suo ecosistema.

L’obiettivo del Governo è scongiurare l’estinzione e salvare la specie. Forse gli esperti hanno ragione: questa scoperta è arrivata in tempo ed è il primo indizio che la missione può davvero avere successo.