Atassia: cosa causa l’atassia e come viene trattata

L’atassia è un disordine neurologico che può avere diverse manifestazioni ed essere causato da molteplici fattori, e nei casi più gravi può portare anche alla morte: esaminiamo insieme le dinamiche di questi disturbi.
27 Gennaio 2022 * ultima modifica il 27/01/2022

L’atassia non è una patologia ma un insieme di segni e sintomi neurologici che si manifesta principalmente in una mancanza di coordinazione dei muscoli del corpo.

Cos’è

Il termine atassia deriva dal greco ataxiā, che significa “disordine”: si tratta di un insieme vario di disturbi che coinvolgono la coordinazione e il controllo muscolare. Derivano da una disfunzione delle aree cerebrali e riguardano principalmente il cervelletto, che è il centro da cui deriva la coordinazione e la capacità di movimento, motivo per cui si può parlare anche di atassia cerebellare. Il cervelletto comunica con i muscoli tramite il midollo spinale e i nervi periferici, pertanto l’atassia può essere causata anche da problemi che possono riguardare il midollo o i nervi, e in questo caso si parlerà di atassia sensitiva.

Il disturbo causa una progressiva perdita della capacità di eseguire movimenti volontari, principalmente degli arti, tronco e capo, a partire dalle cose più elementari come camminare e mantenersi in equilibrio, ma può presentare anche altri disturbi, al linguaggio, alla deglutizione, e al semplice movimento degli occhi.

Le cause di insorgenza di atassia sono diverse: può manifestarsi in modo sporadico in età adulta, può essere ereditaria (tra queste l’atassia-teleangectasia e l’atassia di Friedreich, la più comune fra le quelle ereditarie) o acquisita, quindi dovuta da un problema infiammatorio, strutturale, degenerativo, o autoimmune.

atassia-cos-e
L’atassia comprende un insieme di disturbi riguardanti la coordinazione e il controllo muscolare che derivano da disfunzioni dipendenti soprattutto dal cervelletto.

Sintomi

Il sintomo iniziale di atassia, che quindi può indurre ad una considerazione della presenza della stessa, è uno squilibrio dell’andatura, quindi una difficoltà, ad esempio, a scendere e salire le scale o difficoltà nella corsa. Altri sintomi iniziali potrebbero essere:

  • cadute frequenti;
  • visione doppia o non chiara quando si volta la testa di scatto, e generalmente vista offuscata;
  • parlata non chiara, confusa;
  • difficoltà nella scrittura e in generale nell’utilizzo delle mani nell’effettuare compiti precisi.

A seconda della causa di atassia, o più precisamente della parte dell’area cerebrale colpita, i sintomi possono differire leggermente, nel complesso possiamo elencare, oltre a quelli sopra già citati:

  • mancanza di coordinazione e controllo muscolare;
  • anomalie nell’andatura e squilibrio;
  • movimenti oculari anormali;
  • difficoltà nella deglutizione e nella respirazione;
  • tremori e vertigini;
  • problemi cognitivi.

Oltre ai sintomi maggiori come la perdita di coordinazione dei movimenti, vi può essere la presenza anche di una sintomatologia minore che può comprendere i disturbi dell’umore e la depressione, che risultano piuttosto comuni nei pazienti con atassia.

Cause

Le cause di atassia, come abbiamo già citato, possono essere diverse e comprendono:

  • lesioni che possono provocare un’interferenza nella trasmissione sensoriale al cervelletto: ad esempio tumori, ictus, infiammazioni o sclerosi multipla;
  • traumi alla testa;
  • assunzione di farmaci (come antidepressivi o antiepilettici), droghe o alcol;
  • carenza di vitamina B12 ed E;
  • patologie della tiroide;
  • celiachia: può causare l’atassia glutinica;
  • ereditarie e genetiche.

Diagnosi

La diagnosi di atassia si baserà innanzitutto sulla storia familiare del paziente e da un’attenta anamnesi; è importante valutare i sintomi e i segni clinici, soprattutto i sintomi iniziali, e capire il livello di disabilità che questi possono creare nella vita quotidiana, e la loro progressione.

Solitamente per la diagnosi si attua il test di Romberg: il paziente in piedi allunga le braccia in avanti per alcuni secondi, a talloni uniti, prima ad occhi aperti e poi chiusi, e si valuta il mantenimento della posizione ferma e il suo equilibrio in entrambe le circostanze.

Sarà poi necessario un esame neurologico completo che permetterà di valutare il grado e il livello di disabilità funzionale, e questo solitamente avviene tramite l’utilizzo di sistemi di punteggio come l’ICARS e altri: queste scale di misurazione includono punteggi su postura e andatura, anomalie del linguaggio, e altre funzionalità.

Altri esami che possono essere effettuati per una corretta diagnosi possono essere quelli del sangue per individuare specifiche carenze o per ricercare la presenza di tossine; una TC o RM per evidenziare lesioni come ictus o altre anomalie congenite, e test di valutazione genetica per le atassie ereditarie.

atassia-cura

Cura

Non esiste una cura specifica per l’atassia: qualsiasi trattamento sarà volto alla soluzione o al miglioramento della condizione che causa la stessa. Tra le cause curabili di atassia possiamo includere ad esempio la carenza vitaminica; per molte altre condizioni, e soprattutto per le atassie ereditarie, non vi è invece un trattamento adeguato.

Ciò che viene tentato nella maggior parte dei casi è di ridurre la disabilità funzionale, o comunque cercare di migliorarla, con l’utilizzo di strumenti che possono agevolare la deambulazione, con trattamenti fisioterapici, con l’aiuto di logopedisti, o con l’utilizzo di farmaci che possono ridurre tremori muscolari o i disturbi del sonno, nonché una terapia per la depressione e i disturbi dell’umore.

Aspettativa di vita

L’aspettativa di vita dipenderà molto dalla tipologia e dalle cause di atassia, dal progressivo peggioramento dei sintomi e dalla velocità dello stesso.

Nei casi meno complicati la fisioterapia riabilitativa può aiutare a migliorare i movimenti, e la qualità della vita della persona potrebbe risentirne in positivo, soprattutto se l’atassia rimane stabile nel tempo. Nei casi di atassie causate dall’assunzione di determinati farmaci o di alcol, la prognosi potrebbe migliorare evitando il protrarsi di comportamenti dannosi; i casi di atassie ereditarie, invece, sono quelli più gravi, in quanto l’aspettativa di vita spesso è ridotta rispetto alla norma, e le forme più gravi possono anche portare alla morte nei primi anni di vita.

Nei casi più gravi i problemi respiratori potrebbero anche richiedere l’utilizzo di ventilazione meccanica, o nutrizione artificiale se le difficoltà di deglutizione peggiorano: sono condizioni che in alcuni casi potrebbero portare anche alla morte.

Laureata in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Pavia, ha svolto periodi di formazione in ospedali universitari della Comunidad altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.