Che cosa rende unica la cipolla rossa di Tropea, uno dei simboli della cucina calabrese?

Particolarmente apprezzata per le sue caratteristiche organolettiche, la cipolla di Tropea (l’oro rosso di Calabria, come viene talvolta soprannominata) può vantare una storia millenaria e segue oggi un rigoroso disciplinare di produzione. A che cosa si devono le sue qualità? Soprattutto all’ambiente in cui cresce.
Rubrica a cura di Federico Turrisi
8 Ottobre 2020

Ha fama di essere un alimento da poveri, tant'è che l'espressione "mangiare pane e cipolla" suona come un invito alla frugalità e all'essenzialità. In realtà, la cipolla al suo interno nasconde una vera e propria ricchezza: non solo è un'ottima fonte di flavonoidi, minerali, vitamine e di altre sostanze nutritive – il che la rende un cibo particolarmente salutare -, ma può anche racchiudere l'anima di un territorio e presentarsi come un prodotto d'eccellenza dalle caratteristiche uniche. Già, perché non tutte le cipolle sono uguali.

La regina indiscussa è lei: la cipolla rossa di Tropea, un autentico orgoglio della tradizione culinaria calabrese che, non a caso, gode del marchio Igp. Nonostante questa pregiata varietà di cipolla sia coltivata ormai anche in altre aree del paese, esiste un disciplinare di produzione che riporta la specifica area ad Indicazione Geografica Protetta, la storia, le tecniche colturali del prodotto e le regole da seguire nella fase produttiva e di confezionamento.

Siamo sulla costa tirrenica della Calabria, nell'area tra Nicotera, in provincia di Vibo Valentia, e Amantea, in provincia di Cosenza. Lo storico e geografo Strabone racconta che sono stati addirittura i Fenici più di tremila anni fa a introdurla nella zona del vibonese e che sono stati poi i coloni greci a favorirne la diffusione. Sono le particolari condizioni climatiche e ambientali che ritroviamo a Tropea e nei comuni limitrofi a conferire alla cipolla rossa le sue peculiari caratteristiche: la vicinanza al mare, la temperatura mite, l'umidità, la qualità del terreno.

I bulbi vengono piantati a fine agosto a distanza di 15 centimetri l'uno dall'altro per avviare poi la raccolta già in ottobre. E il risultato che si ottiene è una croccantezza e un sapore dolce inconfondibili. Qualità che permettono alla cipolla rossa di Tropea, cotta o cruda, di trovare posto in tantissime ricette. Un ingrediente sfizioso per dare un tocco in più ai tuoi piatti. Ma la puoi assaporare anche in confetture o conserve. Insomma, sarebbe riduttivo definirla una semplice cipolla, no? Anzi, possiamo dire che ci sono tutti i requisiti per considerare la cipolla rossa di Tropea Igp uno dei pilastri della dieta mediterranea.

Questo articolo fa parte della rubrica
Laureato in lettere e giornalista professionista, sono nato e cresciuto a Milano. Fin da bambino ad accompagnarmi c’è (quasi) sempre stato un altro…