Come funziona la TACE, la chemioembolizzazione transarteriosa

La chemioembolizzazione, nota anche come TACE, è una procedura di radiologia interventistica per la cura dei tumori del fegato. Serve a chiudere in modo selettivo dei vasi sanguigni del fegato, in modo tale da interrompere il flusso di sangue che nutre il cancro e ovviamente ridurlo o guarirlo.
Valentina Rorato 20 Settembre 2022
* ultima modifica il 20/09/2022

La chemioembolizzazione transarteriosa (TACE) è un tipo specifico di chemioembolizzazione che blocca l'arteria epatica per curare il cancro del fegato. Come funziona esattamente e quando può essere una valida opzione terapeutica?

Che cos’è

La chemioembolizzazione transarteriosa o TACE inietta la chemioterapia e i materiali sintetici, chiamati agenti embolici, in un vaso sanguigno che alimenta un tumore canceroso per interrompere l'afflusso di sangue ae intrappolare la chemioterapia all'interno della neoplasia.È più spesso usato per trattare il cancro al fegato, ma può anche essere usata in pazienti il ​​cui cancro si è diffuso ad altre aree del corpo. Può essere utilizzata come trattamento autonomo o in combinazione con chirurgia, ablazione, chemioterapia o radioterapia.

A cosa serve

La TACE è particolarmente vantaggiosa per i pazienti la cui malattia è prevalentemente limitata al fegato, indipendentemente dal fatto che il tumore sia iniziato nel fegato o si sia diffuso al fegato (metastatizzato) da un altro organo.

I tumori che possono essere trattati con TACE includono:

  • Epatoma o carcinoma epatocellulare  (cancro primitivo del fegato)
  • Colangiocarcinoma (cancro primitivo dei dotti biliari del fegato)

Metastasi (diffusione) al fegato da:

  • cancro al colon
  • cancro al seno
  • tumori carcinoidi e altri tumori neuroendocrini
  • tumori delle cellule insulari del pancreas
  • melanoma oculare
  • sarcomi
  • altri tumori vascolari primari nel corpo

A seconda del numero e del tipo di tumori, il medico può utilizzare la TACE o combinarla con altre opzioni di trattamento.

Procedura

La TACE è considerata una procedura  minimamente invasiva ed è spesso guidata da un radiologo interventista appositamente formato. Saranno prima acquisite immagini a raggi X per mappare il percorso dei vasi sanguigni che alimentano il tumore e talvolta si usa anche materiale di contrasto.

Potrebbe essere somministrato un farmaco chiamato allopurinolo, che può aiutare a proteggere i reni dalla chemioterapia e dai sottoprodotti prodotti dalle cellule tumorali morenti. Inoltre, il medico può fornire farmaci per aiutare a prevenire nausea e dolore e antibiotici per aiutare a prevenire l'infezione.

Un infermiere o un tecnico inserirà una linea endovenosa  (IV) in una vena della mano o del braccio per somministrare un sedativo. Il medico, poi, eseguirà un'incisione cutanea molto piccola nel sito, attraverso cui sarà inserito un catetere sottile attraverso la pelle in un'arteria,  nell'inguine o nel polso, e lo fa avanzare fino al fegato. Quindi il materiale di contrasto viene iniettato attraverso il catetere e verrà eseguita un'altra serie di raggi X.

Una volta posizionato il catetere nei rami dell'arteria che alimentano il tumore, i farmaci antitumorali e gli agenti embolici vengono miscelati insieme e iniettati. Al termine della procedura, il catetere sarà rimosso. Puoi aspettarti di rimanere nella sala di risveglio tra le due e le sei ore e dipende da quale arteria è stata raggiunta e se è stato utilizzato un dispositivo di chiusura. La procedura dovrebbe durare mediamente 90 minuti.

Come funziona

La TACE attacca il cancro in due modi. In primo luogo, fornisce una concentrazione molto elevata di chemioterapia, o farmaci antitumorali, direttamente nel tumore, senza esporre l'intero corpo agli effetti di tali farmaci. In secondo luogo, interrompe l'afflusso di sangue al tumore, intrappolando i farmaci antitumorali nel sito e privando il tumore dell'ossigeno e dei nutrienti di cui ha bisogno per crescere.

Il fegato è unico perché ha due riserve di sangue: un'arteria  (l'arteria epatica) e una grande vena  (la vena porta). Questo organo riceve circa il 75% del suo apporto di sangue attraverso la vena porta e solo il 25% attraverso l'arteria epatica. Ma quando un tumore cresce quasi tutto il suo apporto di sangue arriva dall'arteria epatica.

Rappresentazione di un fegato malato.

I farmaci chemioterapici iniettati nell'arteria epatica raggiungono direttamente il tumore, risparmiando la maggior parte del tessuto epatico sano. Quindi, quando l'arteria è bloccata, il sangue non viene più fornito al tumore, mentre il fegato continua a ricevere sangue dalla vena porta. Ciò consente anche a una maggiore concentrazione di farmaci antitumorali di rimanere in contatto con il tumore per un periodo più lungo.

Rischi

I rischi della TACE ti saranno illustrati prima della procedura. Devi sapere che potresti avere:

  • Infezioni
  • Danni ai vasi sanguigni, lividi o sanguinamento nel sito della puntura
  • Il materiale di embolizzazione potre depositarsi nel posto sbagliato e privare il tessuto normale del suo afflusso di sangue.
  • Le reazioni alla chemioterapia possono includere nausea, caduta dei capelli, diminuzione dei globuli bianchi , diminuzione delle piastrine  e anemia . Poiché la TACE intrappola la maggior parte dei farmaci chemioterapici nel fegato, queste reazioni sono generalmente lievi.
  • Gravi complicazioni da TACE si verificano dopo circa una procedura su 20. La maggior parte delle complicanze maggiori comporta o infezioni al fegato o danni al fegato. La segnalazione indica che circa una procedura su 100 provoca la morte, di solito a causa di insufficienza epatica.

Fonti | Ospedali Galliera; Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.