Come si cura l’alitosi: i consigli da seguire

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
L’alitosi è solitamente correlata a una scarsa igiene dentale. Come mai? Non spazzolare e usare regolarmente il filo interdentale provoca il rilascio da parte dei batteri in bocca di composti di zolfo, che hanno un odore sgradevole. Può però non essere l’unica causa.
Valentina Rorato 25 Novembre 2021

L’alitosi, ovvero avere un alito con un odore sgradevole, può essere molto imbarazzante e spesso è un disturbo difficile da debellare. Alcuni cibi, condizioni di salute e abitudini errati sono tra le cause dell'alitosi. In molti casi, puoi migliorare semplicemente con una corretta igiene dentale.

Cause

Conoscere le cause è fondamentale per impostare una corretta cura dell’alitosi. Tra i fattori scatenanti, ci sono:

  • Cibo. Cipolle, aglio e spezie possono causare l'alitosi. Dopo aver digerito questi alimenti, entrano nel flusso sanguigno, vengono trasportati ai polmoni e influenzano il respiro.
  • Prodotti del tabacco. Il fumo provoca un odore sgradevole in bocca. I fumatori e i consumatori di tabacco per via orale hanno anche maggiori probabilità di avere malattie gengivali, un'altra fonte di alitosi.
  • Scarsa igiene dentale. Se non usi lo spazzolino e il filo interdentale ogni giorno, le particelle di cibo rimangono in bocca, causando l'alitosi. Sui denti si forma la placca, che se non viene spazzata via, può irritare le gengive e alla fine formare tasche piene di placca tra i denti e le gengive (parodontite). Anche la lingua può intrappolare i batteri che producono odori.
  • Bocca asciutta. La saliva aiuta a pulire la bocca, rimuovendo le particelle che causano cattivi odori. Una condizione chiamata secchezza delle fauci o xerostomia può contribuire all'alitosi perché la produzione di saliva è ridotta. Alcuni . farmaci possono produrre indirettamente l'alitosi contribuendo alla secchezza delle fauci.
  • Infezioni in bocca. L'alitosi può essere causata da ferite chirurgiche dopo interventi di chirurgia orale, come la rimozione di un dente, o a causa di carie, malattie gengivali o ulcere della bocca.
  • Altre condizioni di bocca, naso e gola. L'alitosi può occasionalmente derivare da infezioni o infiammazioni croniche del naso, dei seni nasali o della gola, che possono contribuire al gocciolamento retronasale.
  • Altre cause. Malattie, come alcuni tipi di cancro e condizioni come i disturbi metabolici, possono causare un odore caratteristico dell'alito a causa delle sostanze chimiche che producono. Il reflusso cronico degli acidi dello stomaco (malattia da reflusso gastroesofageo o GERD) può essere associato all'alitosi.
come-lavare-denti

Come si cura

La cura principale è l’igiene orale, soprattutto se la causa può essere ricondotta a una puliza non ottimale.

  • Lavati i denti dopo aver mangiato.
  • Usa il filo interdentale almeno una volta al giorno. Il filo interdentale corretto rimuove le particelle di cibo e la placca tra i denti, aiutando a controllare l'alitosi.
  • Spazzola la lingua. La tua lingua ospita batteri, quindi spazzolarla accuratamente può ridurre gli odori.
  • Dentiere o apparecchi dentali puliti. Se indossi un ponte o una protesi, puliscilo accuratamente almeno una volta al giorno o come indicato dal tuo dentista.
  • Evita la secchezza delle fauci. Per mantenere la bocca umida, evita il tabacco e bevi molta acqua, non caffè, bibite o alcol, che possono portare a una bocca più secca. Mastica gomme o succhia caramelle (preferibilmente senza zucchero) per stimolare la saliva. Per la secchezza cronica delle fauci, il dentista o il medico può prescrivere una preparazione di saliva artificiale o un farmaco orale che stimoli il flusso di saliva.
  • Colluttori e dentifrici. Se l'alitosi è dovuta a un accumulo di batteri (placca) sui denti, il dentista potrebbe consigliarti un collutorio che uccida i batteri. Il tuo dentista può anche consigliarti un dentifricio che contenga un agente antibatterico per uccidere i batteri che causano l'accumulo di placca. Qui trovi la ricetta del colluttorio naturale.
  • Trattamento della malattia dentale. Se soffri di malattie gengivali, potresti essere indirizzato a uno specialista delle gengive (parodontologo).
  • Modifica la tua dieta. Evita cibi come cipolle e aglio che possono causare l'alitosi. Anche mangiare molti cibi zuccherati è legato all'alitosi.
  • Cambia spesso lo spazzolino. Cambia lo spazzolino quando si sfilaccia, circa ogni tre o quattro mesi, e scegli uno spazzolino a setole morbide.
  • Programma regolari controlli dal dentista. Consulta il tuo dentista regolarmente, in genere due volte l'anno, per far esaminare e pulire i denti o la dentiera.

E se ciò non dovesse bastare, prova anche questi rimedi naturali.