Coronavirus, si aggravano le condizioni dei due cinesi ricoverati allo Spallanzani

Dal bollettino medico dell’Istituto Spallanzani di Roma si legge che a causa di un’insufficienza respiratoria le condizioni di salute della coppia di turisti cinesi infettata dal nuovo coronavirus sono peggiorate e attualmente si trovano in prognosi riservata.
Federico Turrisi 4 febbraio 2020

Si sono aggravate le condizioni cliniche dei due turisti cinesi che erano risultati positivi al test del nuovo coronavirus. È quanto riporta il bollettino medico dell'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Spallanzani di Roma, dove è ricoverata la coppia. Il peggioramento è legato a una insufficienza respiratoria, che ha costretto i medici a garantire ai due pazienti un supporto respiratorio in terapia intensiva. "Le attuali condizioni cliniche sono compromesse ma stazionarie, per cui i medici che li hanno in cura si riservano la prognosi", recita il bollettino.

I due, marito e moglie di 66 e 65 anni, erano arrivati dalla città di Wuhan, epicentro dell'epidemia, all'aeroporto di Malpensa. Hanno fatto tappa a Parma e infine sono giunti a Roma. Al momento, "sono monitorati in maniera continuativa e sono sottoposti a tutte le cure farmacologiche  del caso, compresi farmaci antivirali sperimentali", prosegue il bollettino dello Spallanzani. Presso la struttura sanitaria sono ancora ricoverati 11 pazienti provenienti da zone della Cina interessate dall'epidemia, che presentano dei sintomi e che dunque sono stati sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. I risultati sono attesi a breve.