Cos’è e come prevenire la piorrea (o parodontite)

La piorrea (o parodontite) rimanda subito a immagini poco piacevoli delle condizioni orali. Questo concetto ricorda incisivi che si muovono, spazi neri che si aprono tra i denti, gengive ritirate e rovinate e perdita graduale ma inarrestabile dei denti. In realtà è proprio questo il punto: con questo termine s’intende una malattia infiammatoria delle gengive e di tutto l’apparato che sostiene il dente.
Dott. Fabio Cozzolino Specialista in Implantologia e Parodontologia
25 Luglio 2019 * ultima modifica il 04/08/2020

Colpendo questa sezione della bocca, nota come parodonto, si viene a creare una condizione che impedisce al dente di mantenere la propria posizione nella sede. Infatti nell'immaginario comune questa malattia provoca la inevitabile caduta e la perdita dei denti.

Cos’è la piorrea (o parodontite)

Piorrea è un termine di uso popolare, infatti in termini tecnici non si chiama piorrea bensì parodontite. La parodontite è una patologia infiammatoria che interviene sul sostegno dei denti, ovvero il parodonto, e incide su gengive, osso, fibre e cemento radicolare. In sintesi, non è corretto parlare di piorrea ma è meglio usare il suo termine medico malattia parodontale o parodontopatia. O meglio ancora parodontite.

In ogni caso, a prescindere dal nome, è giusto affrontare questa malattia partendo dal presupposto che il miglior modo per curarla è la prevenzione.

Cause della parodontite

Cosa porta alla comparsa della parodontite? In primo luogo c’è la placca e poi il tartaro che sono le unica reale causa di questa malattia così temuta.

Poi ci sono fattori predisponenti che incidono come il fumo, condizioni ereditarie, presenza di denti storti che impediscono una corretta igiene dentale, presenza di condizioni che impediscono al corpo di combattere i batteri (anoressia, AIDS, diabete).

In ogni caso le cause principali che portano alla comparsa dei primi sintomi di parodontite sono:

  • Cattiva igiene orale
  • Assenza di controlli periodici

Attraverso queste verifiche, infatti, è possibile individuare eventuali problemi sul nascere ma anche – e soprattutto – effettuare pulizie dei denti in profondità per eliminare il tartaro che si accumula tra i denti e sotto gengiva, e che è causa della parodontite.

Cosa succede quando la malattia avanza? Le gengive si ritirano fino a far perdere la base per far svolgere la funzione masticatoria al dente. A questo punto si parla di malattia parodontale cronica.

Sintomi della parodontite

Il vero problema di questa malattia è la sua capacità di presentarsi senza dare grandi segnali. Infatti si può parlare di sintomi precoci e sintomi avanzati, ma quando questi ultimi sono in atto è già difficile risolvere il danno. Ecco perché l’unico modo per intercettare i segnali della (comunemente detta) piorrea è il controllo periodico da un parodontologo.

Sintomi precoci

Il vero problema è che non c’è sintomatologia relativa al dolore. La parodontite inizia a rovinare le tasche gengivali senza che il paziente sia consapevole della situazione dal punto di vista della sofferenza. Però qualche segnale si intravede:

  • Alito cattivo
  • Arrossamento delle gengive
  • Tessuti che si gonfiano
  • Sanguinamento leggero allo spazzolamento

In sintesi, si può notare un cambiamento del tessuto gengivale con relativo cambio di colore e di consistenza. Questa condizione deve già allarmare e portare a una visita dal parodontologo prima che si manifestino sintomi più gravi.

Sintomi avanzati

Bisogna affrontare questa condizione con grande attenzione, i seguenti sono sintomi che si manifestano nel momento in cui la parodontite ha già intaccato le tasche gengivali. Potremmo definirli sintomi tardivi della parodontite e sono:

  • Sanguinamento consistente
  • Infiammazione purulenta
  • Recessione gengivale
  • Radici scoperte
  • Alitosi importante
  • Mobilità dentale
  • Spazio fra i denti

Ovviamente, oltre a questo si manifesta un dolore sempre più diffuso ai denti. Il vero segnale di una parodontite avanzata, ovviamente, è quello più temuto ovvero la mobilità dei denti che porta, infine, alla loro perdita.

Cura della parodontite

La parodontite più che essere curata può essere bloccata. È molto difficile recuperare l'osso perso attorno ai denti ma si può quasi sempre bloccare la parodontite ed impedire di perdere ulteriore osso.

Anche se le malattie del parodonto in un primo momento sono subdole perché asintomatiche, è molto facile anticipare e curare il disturbo quando è ancora recuperabile. In realtà è sufficiente seguire controlli ogni 6 mesi da un esperto parodontologo per verificare e anticipare i sintomi di questo disturbo così odiato.

Poiché la parodontite è causata dai batteri presenti nella placca e nel tartaro, la loro totale rimozione ed un accuratissima igiene domiciliare permette di stabilizzare anche le parodontiti più gravi. Oggi poi grazie alle pulizie con manipoli sonici è possibile rimuovere in modo molto più accurato placca e tartaro sotto gengiva rispetto ai curettage manuali. Le performance delle curettes soniche permettono oggi anche di eliminare tartaro e placca in profondità senza eseguire interventi chirurgici. In alcuni casi poi, se la forma dei difetti ossei lo consente, è anche possibile rigenerare l osso perso tramite interventi mini-invasivi eseguiti con l'aiuto del microscopio.

In ogni caso il concetto è chiaro. Controlli e pulizie periodiche e un'igiene orale attenta (con spazzolino, dentifricio, filo interdentale e idropulsore) diminuiscono sensibilmente i rischi di parodontite.

Odontoiatra parodontologo e implantologo, iscritto all’ordine il 23/06/1997 con N° TO 1968. Fondatore di Zerodonto, blog di odontoiatria con cui ha altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.