Giornata Mondiale per la vitiligine: Winnie Harlow e Kasia Smutniak, modelle attiviste contro i pregiudizi

Oggi è il World Vitiligo Day, ossia la Giornata Mondiale per la vitiligine, una malattia della pelle di cui soffrono circa 100 milioni di pazienti al mondo. Oltre al messaggio che si vuole condividere in questa occasione, ineggiante alla consapevolezza, all’amore, al rispetto e alla cura”, diverse attrici e modelle che soffrono di vitiligine, sono impegnate nel diffondere un messaggio per l’accettazione della propria immagine, anche con qualche macchia della pelle.
Gaia Cortese 25 Giugno 2020

Bullizzata, ricoperta di offese e insulti, costretta a cambiare scuola diverse volte e ad abbandonare la scuola superiore. È stata questa l’infanzia e poi l’adolescenza di Winnie Harlow, che all’età di soli quattro anni ha scoperto di essere stata colpita dalla vitiligine, una condizione cronica che si caratterizza per l’evidente depigmentazione della pelle.

Quando però Winnie viene però scoperta su Instagram dalla top model afroamericana Tyra Banks, la sua vita cambia completamente. Non solo è stata una delle finaliste dell’America’s Next Top Model, ma diventa anche la ragazza immagine della campagna pubblicitaria del marchio spagnolo Desigual, fino alla consacrazione del suo status di top model quando nel 2016 Cosmopolitan e Vogue Italia le dedicano la copertina del proprio magazine.

Oggi Winnie è impegnata tra le passerelle dei grandi marchi della moda, ma definirla “solo” una top model sarebbe riduttivo: Winnie è ormai un’attivista impegnata contro ogni forma di discriminazione. Impossibile dimenticare quella che lei stessa ha subito negli anni più delicati della sua vita, quando ha dovuto tirare fuori tutta la sua determinazione e la sua volontà per riuscire a superare il forte disagio.

Good moaning 🌞

A post shared by ♔Jamaican Canadian♔ (@winnieharlow) on

L’imbarazzo causato dalle macchie sulla pelle può indurre gravi problemi di insicurezza e autostima e, in alcuni casi, può causare ansia e depressione. Questo Winnie lo sa ed è per questo che è diventata una paladina della bellezza inclusiva in passerella. Winnie Harlow rappresenta quello che è il ribaltamento dei pregiudizi nei confronti dell’imperfezione: la top model canadese di origini jamaicane è riuscita a fare della vitiligine un punto di forza, una caratteristica che la rende speciale.

Oggi è la Giornata Mondiale per la vitiligine e il messaggio che si vuole diffondere oggi inneggia alla consapevolezza, all'amore, al rispetto e alla cura”: è importante che chi soffre di questa condizione impari ad accettarsi e a vivere senza imbarazzo e vergogna.

Oltre all'attivista Winnie Harlow, molti altri personaggi più o meno noti dello showbiz hanno dato voce a questa necessità di non nascondersi. Dall'attrice Kasia Smutniak è arrivato anche un filtro Instagram, Beautyligo, che permette a chiunque di vedere come sarebbe il proprio volto con le macchie della vitiligine.

Non è passato nemmeno un anno da quando ho postato la mia prima foto con la vitiligine. Quel momento di timore e di incertezza per il “dopo”, non lo scorderò mai. Da un lato ero fiera di aver mostrato una nuova me, dall’altro avevo paura di non essere accettata, nel mio lavoro per esempio o di sentirmi derisa, osservata. E sapete cosa è successo dopo? Nulla. Non è successo proprio nulla. O meglio, nulla di eclatante. Sono arrivati tanti commenti di sostegno e di condivisione. E ne sono seguiti altri e altri ancora, ma soprattutto, io ho smesso di vedere le macchie. Proprio come i nei. Sai che ci sono, però non ci fai tanto caso. Perché è naturale e fanno parte di te. Oggi posso dire che la vicinanza delle tante persone con la mia stessa “particolarità” è stata preziosa per il mio percorso. Poi un giorno ho pensato: “Esistono centinaia di filtri Insta che ti rendono più bello, più brutto, più gatto, più astronauta o più non so che cosa. … perché non fare un filtro di bellezza che ti fa vedere come saresti con la vitiligine”? E così mi sono messa al lavoro per realizzare il mio filtro di bellezza che ho chiamato #Beautyligo e sarei felice se lo provassimo tutti, in omaggio alla bellezza della diversità. Un tema che, vitiligine o no, mi sta molto a cuore. Trovi il filtro nelle stories o nella sezione “filtri” sul mio profilo (quella faccina che brilla insomma) prendi la posa, sentiti bell@ e scatta la foto: più siamo, meglio è. #Beautyligo #labellezzadelladiversità

A post shared by Kasia Smutniak (@lasmutniak) on

Diversi mesi fa la modella e attrice polacca aveva postato pubblicamente una sua foto con la vitiligine sul suo profilo Instagram: "Quel momento di timore e di incertezza per il “dopo”, non lo scorderò mai – scrive la modella -. Da un lato ero fiera di aver mostrato una nuova me, dall’altro avevo paura di non essere accettata, nel mio lavoro per esempio o di sentirmi derisa, osservata. E sapete cosa è successo dopo? Nulla. Non è successo proprio nulla. O meglio, nulla di eclatante. Sono arrivati tanti commenti di sostegno e di condivisione. E ne sono seguiti altri e altri ancora, ma soprattutto, io ho smesso di vedere le macchie".