Diagnosi in 10 minuti con il nuovo sistema 3D: al Policlinico di Bari la nuova frontiera della lotta al tumore al seno

Il sistema Abus, insieme al tavolo di biopsia mammaria 3D, permette diagnosi più veloci e accurate del tumore per le donne con tessuto denso. Oggi le nuove attrezzature sono già in funzione e stanno aiutando a recuperare il gap di prestazioni non erogate nel 2020 a causa del blocco delle attività ambulatoriali non urgenti dovuto alla pandemia.
Kevin Ben Alì Zinati 9 Marzo 2021
* ultima modifica il 30/03/2021

Il Policlinico di Bari corre veloce verso una nuova frontiera nella lotta al tumore al seno. Tutto grazie a due innovazioni tecnologiche d’avanguardia: il sistema Abus, che permette di effettuare un'ecografia volumetrica e tridimensionale automatica e di fare una diagnosi del tumore per le donne con tessuto mammario denso in soli 10 minuti, e il tavolo di biopsia mammaria 3D, che migliorerà la diagnosi precoce dei tumori invasivi.

Il Sistema Abus

Il sistema ecografico Abus, acronimo per Automated Breast Ultrasound, è in sostanza una tomoecografia e secondo gli esperti del Policlinico barese sarebbe in grado di rilevare il 55% in più dei tumori invasivi in donne caratterizzate da un seno denso.

Un seno, cioè, dove vi è una maggiore presenza di tessuto denso inteso non come tessuto grasso ma ghiandolare. Si tratta di una condizione potenzialmente pericolosa perché la maggior presenza di tessuto ghiandolare può aumentare rischio di sviluppare un tumore della mammella. 

Il sistema Abus, rispetto all’ecografia tradizionale, permette di acquisire immagini più dettagliate diminuendo la dipendenza dal tecnico operatore e, in più, permette di analizzare con più alta riproducibilità le varie zone.

Il sistema può anche essere utilizzato come esame di secondo livello per valutare se la massa è benigna o maligna nel caso in cui l’ecografia fosse dubbia.

La biopsia mammaria 3D

Ma non è finita qui. Gli esperti del Policlinico di Bari hanno definito l'altra novità tecnologica a loro disposizione, il tavolo di biopsia mammaria 3D con guida tomosintesi a paziente prona una rivoluzione.

Il tavolo di biopsia mammaria 3D in funzione al Policlinico di Bari. Photo credit: Policlinico di Bari

Il sistema offre il vantaggio di avere immagini di eccezionale qualità grazie alla tecnologia del detettore digitale, un workflow semplificato e intuitivo per il medico: si tratta in sostanza di un sistema di controllo preciso e veloce che consente un accesso reale e a 360° a qualsiasi tipo di lesione grazie al C-Arm integrato sia con approccio standard sia laterale dell’ago.

Recuperare il tempo perso

Le due nuove apparecchiature saranno utili nel futuro ma trovano il giusto impiego anche per recuperare il passato nell’immediato presente. Il sistema Abus e la biopsia mammaria 3D stanno infatti aiutando medici e pazienti a recuperare il gap di prestazioni non erogate nel 2020, dovuto al blocco delle attività ambulatoriali non urgenti causa pandemia.

Secondo il Policlinico, nel corso del 2020 sono state prese in carico 372 pazienti con tumore della mammella rispetto alle 360 trattate nel 2019 mentre, finora, è stato recuperato circa l'85% delle prestazioni ambulatoriali programmabili non urgenti precedentemente sospese.

Fonti | Policlinico di Bari

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.