Il turismo lento a cavallo: partire insieme a un amico molto speciale

Meno comune della bicicletta e più divertente del camminare, il cavallo può rivelarsi una scoperta e dare un tocco più avventuroso al tuo slow travel. In Italia ci sono diverse ippovie, ovvero percorsi certificati dove puoi muoverti in sicurezza e trovare strutture che ti accolgano. Ma esistono anche agriturismi e fattorie didattiche che organizzano brevi escursioni, e che ti consiglio se sei alle prime armi.
Rubrica a cura di Giulia Dallagiovanna
12 dicembre 2019

Se stai pensando di partire per un viaggio lento, sicuramente starai organizzando un itinerario a piedi, oppure in bicicletta. Sono infatti le due scelte principali di chi si avvicina allo slow travel, ma anche di chi lo pratica già da qualche tempo. C'è però un'altra possibilità, un po' più particolare, ma che potrebbe aggiungere una sfumatura diversa e forse avventurosa alla tua vacanza. Sto parlando del cavallo, ovvero il mezzo di trasporto utilizzato per secoli dall'essere umano. In Italia puoi trovare diversi agriturismi e fattorie didattiche che organizzano escursioni di questo tipo, ma anche se per caso pratichi già equitazione e possiedi un tuo cavallo puoi scegliere di partire per un viaggio assieme a lui.

Naturalmente, avere al seguito un animale di questa taglia non è esattamente come spostarsi in bicicletta o con un gruppo di amici. Insomma, dovrai organizzarti per tempo e capire quali strutture ricettive sono pronte ad ospitarvi. Ma esistono, non temere, e di solito le trovi proprio nei pezzi delle ippovie. Le Ippovie italiane certificate sono un insieme di percorsi approvati da ENGEA (Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali), che si dividono in almeno tre tappe e lungo il quale sono previsti punti di sosta e ristoro sia per te che per il tuo amico a quattro zampe.

Fondamentale è sostenere l'economia locale

E proprio sul sito ufficiale di ENGEA puoi trovare tutti i consigli di cui hai bisogno prima di partire, ma anche il catalogo con gli itinerari disponibili in Italia. Inoltre, sul blog Turismo lento a cavallo potrai leggere le testimonianze e i racconti di chi ha già deciso di fare una vacanza alternativa e più rispettosa dell'ambiente. È infatti fondamentale mantenere il sentiero pulito così come lo hai trovato, ma anche sostenere l'economia locale e quindi acquistare il foraggio dai contadini di quelle zone. Un viaggio insomma come si faceva tanti ani fa, alloggiando nei piccoli alberghi a conduzione familiare che si trovano lungo il percorso e gustando i prodotti semplici della tradizione.

Se però non sei mai andato a cavallo, ti consiglio di rivolgerti a una struttura che organizza piccole escursioni assieme a guide equestri preparate. Il cavallo infatti è un animale e dovrai imparare a relazionarti con lui, a rispettarlo e a sapere come ottenere la sua fiducia, prima di poterti muovere in autonomia.

Questo articolo fa parte della rubrica
Sono Laureata in Lingue e letterature straniere e ho frequentato la Scuola di giornalismo “Walter Tobagi” di Milano. Le mie passioni altro…