La memoria vacilla con l’età? Non è un deficit, ma solo disordine

I problemi di memoria degli anziani non sono causati da un deficit dello spazio di archiviazione o dall’incapacità utilizzare i ricordi. Secondo gli esperti, è solo questione di caos: a un certo punto della vita, la mente è così ricca di informazioni, che fatica a trovare quelle necessarie.
Valentina Rorato 21 Febbraio 2022
* ultima modifica il 21/02/2022

Gli anziani rappresentano la memoria storica delle famiglie, ma se vogliamo vederla con un respiro più ampio, dell’umanità. Eppure esiste un paradosso. Invecchiando, spesso, si perde proprio questa memoria che dovrebbe essere ricca di informazioni. Come mai? Ha provato a rispondere una revisione degli studi sulla memoria pubblicata sulla rivista Trends in Cognitive Science. La risposta potrebbe essere “disordine”.

Alcuni scienziati sostengono che quando gli adulti invecchiano, iniziano a formare "ricordi impoveriti", ovvero ricordi che contengono meno informazioni rispetto ai ricordi delle persone più giovani.  Secondo Tarek Amer, borsista post-dottorato delle università di Columbia e Harvard e il primo autore dello studio, e i suoi colleghi credono esista un’altra spiegazione, ovvero “potrebbero formare troppe associazioni tra le informazioni".

Rispetto ai giovani adulti, gli anziani sani (con un’età compresa tra i 60 e gli 85 anni) elaborano e memorizzano troppe informazioni, molto probabilmente a causa della maggiore difficoltà a sopprimere informazioni irrilevanti, secondo l'analisi. Questa difficoltà è descritta come "ridotto controllo cognitivo" e può spiegare la natura disordinata delle rappresentazioni della memoria degli anziani.

"Non è che gli anziani non abbiano abbastanza spazio per archiviare le informazioni", ha detto Amer. "Ci sono troppe informazioni che interferiscono con qualunque cosa stiano cercando di ricordare". Questo è quanto è emerso dalla revisione di numerosi studi comportamentali e di neuroimaging.  La memoria diventa caotica: di conseguenza non è che non ci sia più spazio per formare altri ricordi, piuttosto è difficile trovare ciò che si cerca.

Come mai succede? Secondo gli esperti, questo accade perché le persone formano molti ricordi simili e ciò rende difficile selezionare le informazioni corrette. E questo meccanismo si manifesta negli anziani non perché stanno perdendo plasticità cerebrale o progrediscono verso l'amnesia, ma a causa di questi "paesaggi di memoria disordinati". I ricordi includono le informazioni di destinazione – ciò che viene chiesto di ricordare – e le informazioni irrilevanti.

Un ridotto controllo cognitivo può far sì che gli anziani abbiano più difficoltà a concentrarsi su un'informazione perché le informazioni irrilevanti possono essere "immagazzinate nella stessa rappresentazione della memoria di quella che contiene le informazioni di destinazione", ha detto Amer. Queste distrazioni sono legate a ciò che la persona sta cercando di ricordare e alla fine possono compromettere la memoria se viene chiesto di ricordare qualcosa di specifico.

Sono necessarie ulteriori ricerche per capire perché un controllo cognitivo ridotto può causare ingombro. Una spiegazione proposta si collega all'ippocampo, la complessa struttura cerebrale che svolge un ruolo significativo nell'apprendimento e nella memoria.  "C'è questa idea prevalente nella letteratura che, invecchiando, tendiamo a ottenere risultati peggiori nei test di memoria, il che è vero, ma è anche il risultato dei tipi di test che tendiamo a usare in laboratorio", ha detto Amer. “Quelli di solito richiedono una focalizzazione ristretta dell'attenzione su un'informazione: devi concentrarti sull'informazione, ricordarla e poi ricordarla di nuovo in seguito. Questi sono i tipi di test su cui gli anziani non si comportano bene".

Ma ottengono risultati migliori rispetto ai giovani adulti in diversi tipi di test, quelli che si concentrano maggiormente sulla creatività e sul processo decisionale. Ciò suggerisce che la relazione tra invecchiamento e prestazioni dovrebbe essere vista con più sfumature: l'abilità cognitiva non diminuisce necessariamente con l'età, ma dipende dal contesto.

Fonte | “Cluttered memory representations shape cognition in old age” pubblicato il 18 febbraio 2021

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.